"Autobiografia involontaria": intervista a Maurizio Nichetti sul Corriere del Trentino

Maurizio Nichetti
2017-04-17 08:34:15

Nel 1989, Maurizio Nichetti viene invitato al festival del cinema di Mosca per presentare Ladri di saponette. Mentre attraversa la Piazza Rossa viene riconosciuto da tre elettricisti di Como in trasferta per lavoro. I tre vorrebbero assistere alla proiezione del film ma di biglietti non se ne trovano più. Racconta Nichetti: «Ho detto loro: non c’è problema, entrerete con me. Alle sera i tre si presentano puntuali all’entrata degli artisti: «Italia Delegatia!» esclamo e così passano insieme a me e a mia moglie, come previsto. Solo che i responsabili della sicurezza non ci mollano un momento, ci tengono sempre uniti, ci spingono verso il palco: «Italia Delegatia…Italia Delegatia», insomma non riesco a farli sedere in platea. Così mi ritrovo sul palco davanti a duemila spettatori con tre elettricisti di Como applauditi come George Clooney». È uno dei tanti aneddoti raccontati
dal famoso regista nel suo primo libro: Autobiografia involontaria (Bietti Heterotopia, 232 pagine, 16 Euro), da pochi giorni in libreria. Un’autobiografia decisamente fuori dagli schemi. Intanto perché non segue un ordine cronologico: aneddoti, fatti, personaggi (da Charlie Chaplin a Jacques Tati, da Bruno Bozzetto a Nanni Moretti) si susseguono secondo un criterio emozionale piuttosto
che cronologico. Spiega Nichetti: «Ho cercato, in tutti i miei film, di trasmettere storie e raccontare
personaggi, ma soprattutto di descrivere emozioni. Quel mare di emozioni che ognuno di noi vive sin dalla nascita e che a volte riaffiorano, come e quando vogliono, dentro un pensiero, un’inquadratura, una pagina di libro». La seconda anomalia è che l’autobiografia si presenta anche come una sorta di Zibaldone di pensieri. Pensieri sul cinema come espressione artistica, ovviamente, ma anche sul contesto sociale e culturale in cui il cinema italiano ha operato dal dopoguerra ad oggi. La terza anomalia è data da un’inedita interazione fra testo e immagini. Grazie a una app gratuita, l’autobiografia diventa multimediale, con nove filmati che integrano ed esplicitano il racconto.
Nichetti, lei ha cominciato come pubblicitario e come mimo. Poi ha fatto l’attore, lo sceneggiatore e infine il regista. Oggi dirige la sezione milanese del Centro sperimentale di cinematografia e comincia a scrivere libri. Sta pensando di cambiare mestiere un’altra volta?
«Prima di Ratataplan ho fatto varie cose. Dopo ho continuato a fare il regista di cinema ma non ho mai smesso di fare anche quello che facevo prima: la pubblicità, il teatro, la lirica, l’insegnamento».
Le piace insegnare?
«Sì, mi è sempre piaciuto. Ho cominciato a 27 anni fondando la scuola di mimo Quellidigrock e continuo adesso con il Centro sperimentale».
È stato anche direttore del Festival del cinema della montagna di Trento…
«Sì, sono arrivato a Trento nel 2004 come giurato e sono stato nominato direttore artistico nel
2005. Nel 2001 avevo girato Honolulu Baby, il primo film europeo con una post produzione
digitale. Ero arrivato al massimo della sperimentazione, da lì in avanti avrei avuto bisogno di molti soldi per fare film come Il signore degli anelli, Harry Potter eccetera. Arrivando a Trento sono
rimasto affascinato dall’opposto, cioè dal fatto che una persona potesse andare in giro per il mondo girando, da solo, lungometraggi».
È stato tentato di diventare anche documentarista?
«No, no. Se mai la scoperta che il digitale stava diventando fondamentale anche per i documentari:
non potendo competere con l’industria cinematografia digitale, potevi diventare competitivo su altri fronti. Infatti oggi nessuno si stupisce se un documentario vince a Berlino a viene candidato all’Oscar».
A Trento ha fatto anche il regista di opere liriche.
«Sì, ho fatto il Barbiere di Siviglia nell’99, all’Auditorium Santa Chiara. L’ultima opera è
stata il Don Pasquale, messa in scena al Teatro Sociale».
Uno dei capitoli più interessanti del libro riguarda il trentino Fortunato Depero.
«Mi sono laureato in architettura con una tesi su Futurismo e avanguardie artistiche del Novecento.
Mi sarebbe piaciuto raccontare la vita artistica di Depero, genio creativo che anticipò i temi dell’arte applicata: arredamento, grafica pubblicitaria, packaging. Ad esempio l’inconfondibile forma conica della bottiglietta del Bitter Campari».
Forse in Italia non ha avuto il successo che meritava perché il Futurismo italiano viene identificato con Marinetti e con il fascismo.
«Già. Mentre il Futurismo russo veniva identificato con il comunismo. Sono i paradossi della storia, il Futurismo è stato in realtà un movimento autenticamente rivoluzionario, non riconducibile
a un’ideologia. Il mio interesse per Depero andava al di là del fatto artistico: il personaggio si prestava per raccontare la bellissima storia d’amore tra lui e Rosetta Amadori, storia sopravvissuta a due guerre mondiali, una dittatura, il crollo di Wall Street. A Rosetta, fra l’altro, si devono tutte le applicazioni su stoffa dei temi grafici del marito e la realizzazione dei famosi “arazzi”. Sui Depero
ho anche scritto una sceneggiatura per la Rai, che pubblico integralmente nel libro».
Che fine ha fatto?
«Dispersa nell’etere».
Spesso si scrivono autobiografie per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Non nella sua.
«Premesso che non ho molti sassolini da togliermi e che quei pochi me li tengo volentieri, penso che sarebbe stato molto banale scrivere un libro per attaccare chi non si è avuto il coraggio di attaccare nel momento giusto«.
Tra le cose più interessanti del libro ci sono sicuramente gli episodi che riguardano alcuni personaggi famosi, come Tati, Chaplin, Moretti.
«Ne avrei potuto raccontare molti di più. Mentre giravo a Cinecittà, Antonioni è venuto di
persona a chiedermi se per favore gli cedevo per qualche ora la sala in cui stavo lavorando. Ne
sono rimasto basito e onorato. Ma la cosa è finita lì, non sarebbe stato giusto spacciarla oggi
come chissà che cosa».
Vittorio Borelli ©Corriere del Trentino, 15 aprile 2017

Ultimi post dal blog

Lo legge, lo rilegge, lo smonta, lo analizza. Per offrire una "scansione" che chiama in causa anche la psicanalisi, la fisica e la neurobiologia. Al centro della riflessione a tutto campo c'è il capolavoro del regista Stanley Kubrick che Giancarlo Grossini ha reso protagonista del suo libro Il cubo di Kubrick ovvero "Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre" sugli scaffali per Bietti nella collana Fotogrammi (108 pagine, 4,99 euro il cartaceo, 1,99 l'eBook). Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale) questa sera, lunedì 28 novembre, sarà ospite della rassegna "Lunedì in cineteca". In [...]
Non è un film. È il film. Perché Arancia meccanica  ha segnato la storia del cinema. "Un lasciapassare per l'eternità". Così scrive Giancarlo Grossini. Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale), ha dedicato un intenso libriccino al capolavoro del regista statunitense: Il cubo di Kubrick ovvero Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre sugli scaffali per Bietti. Lunedì 28 novembre sarà protagonista all'Araldo di Novara per la rassegna "Lunedì in cineteca": la proiezione del film (1971) con copia restaurata sarà preceduta dalla presentazione del volume in compagnia dell'autore. È il "Film per antonomasia, una lezione di cinema di [...]
Chi l'avrebbe mai detto che Capolicchio, spesso interprete di giovani normali e introversi, figli del malessere post Sessantotto, fosse in raeltà uno scatenato tombeur de femmes? Lo rivelano, a sorpresa, le pagine qui stralciate dal suo diario personale, quelle che raccontano in particolare il set del film di De Sica tratto da Bassani, dove l'attore fu tra i protagonisti. Bene ha fatto Nicole Bianchi a costruire questo libro insieme affettuoso e curioso, tra set e vita privata (e il grande cinema italiano di quinta), con la complicità fino all'ultimo di Capolicchio medesimo, qua e là da lei intervistato quando serve, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti