Orizzonti culturali italo-romeni: «Salazar e la rivoluzione in Portogallo»

Mircea Eliade
2015-04-14 14:19:27
Orizzonti culturali italo-romeni: «Salazar e la rivoluzione in Portogallo»

A 71 anni dalla sua pubblicazione in Romania, il libro di Mircea Eliade Salazar e la rivoluzione in Portogallo approda anche in Italia, stampato dalla casa editrice Bietti di Milano, nella collana l’Archeometro. Oltre al testo di Mircea Eliade – per la prima volta tradotto in italiano – il volume contiene due saggi critici, firmati da Sorin Alexandrescu e da Horia Corneliu Cicortaş. Sarà presentato in anteprima – una decina di giorni prima dell’inizio della distribuzione commerciale – all’Accademia di Romania a Roma, il 7 novembre 2013. Abbiamo parlato di questa novità editoriale con il curatore, Horia Corneliu Cicortaș, un intellettuale romeno da molti anni in Italia, che vive e lavora tra Toscana e Trento.

Lei è uno studioso di Mircea Eliade, noto come studioso dello yoga e dello sciamanesimo, ma anche come scrittore di narrativa. Com’è arrivato a occuparsi della traduzione di questo libro su Antonio de Oliveira Salazar?

L’iniziativa è partita dalla casa editrice Bietti, che ha voluto collocare questo libro, un po’ ʻdimenticatoʼ, di Eliade, nella nuova collana di saggistica l’Archeometro. Tramite Giovanni Casadio, storico delle religioni e ammiratore di Eliade, mi è stato proposto di curare l’edizione italiana. A sua volta, Sorin Alexandrescu – detentore dei diritti d’autore ed esegeta delle opere di Eliade – ha caldeggiato questa iniziativa, fornendo il saggio che, insieme alla mia postfazione, accompagna il Salazar e la rivoluzione in Portogallo.

Cosa potrebbe spingerci a leggere oggi un libro su un dittatore controverso, risalente al 1942, e a chi si rivolge?

A mio avviso il volume, così come viene proposto al pubblico italiano, con l’apparato critico necessario, susciterà non solo la curiosità degli studiosi di Eliade o degli storici del Portogallo, ma anche quella dei lettori interessati ad approfondire la storia europea del Novecento, comprese le dittature, le varie rivoluzioni e i protagonisti politici del «secolo breve». La travagliata storia portoghese moderna, con tutti i suoi capovolgimenti, colpi di stato e rivoluzioni, è raccontata in modo avvincente, con calore epico accompagnato da una sottile ironia, tipicamente eliadiana.

C’è poi una curiosa coincidenza: la lavorazione dell’edizione italiana è avvenuta in un periodo in cui abbiamo assistito al ʻfascinoʼ dei governi tecnici e all’ascesa di movimenti di protesta nuovi, come il Movimento 5 Stelle. Ciò avviene ovviamente in forme attuali, a scapito – e, secondo alcuni, in conseguenza – del parlamentarismo partitico percepito come sistema di potere lontano, se non estraneo o addirittura ostile, ai «problemi della gente». Anche da questo punto di vista e al di là di certe formulazioni e «tic mentali» dell’epoca, ormai fuori moda, il libro del 1942 può apparire stimolante e, per certi versi, sorprendentemente attuale.

Ha avuto particolari difficoltà nel tradurre il testo di Eliade?

Nella primavera del 1942, l’autore si trovava da soli due anni all’estero. Eppure in una lettera all’amico Noica, in cui gli chiedeva di aiutarlo a ʻlimareʼ il dattiloscritto del Salazar, Eliade si lamentava dei legami ʻindebolitiʼ con la lingua romena, dovuti alla lontananza dal Paese e alla frequentazione esclusiva di libri stranieri. A ciò va aggiunto il fatto che, essendo come sempre proteso verso nuovi progetti, Eliade non aveva la pazienza di curare lo stile delle sue pubblicazioni. A parte, quindi, gli inevitabili interventi ʻcosmeticiʼ, la traduzione cerca di mantenere lo stile e il ritmo specifici della scrittura eliadiana.

Prima della traduzione del saggio su Salazar, sappiamo che si è occupato di alcune opere teatrali di Mircea Eliade. Quali sono i suoi progetti su questo versante?

Ho iniziato traducendo nel 2008 La colonna infinita, pièce del 1970 il cui protagonista è lo scultore Brancusi nel suo periodo di crisi creativa, successiva alla realizzazione dei grandi capolavori che lo hanno reso celebre nel mondo. In questi ultimi anni, tra gli altri progetti, ho completato la traduzione dei testi teatrali eliadiani (con Uomini e pietreIfigenia, 1241 Avventura spirituale) la cui pubblicazione è prevista all’interno di un volume. Sono contento che lo spettacolo tratto da La colonna infinita, prodotto dalla compagnia toscana Telluris, sia andato in tournée non solo in Italia ma anche nella patria – e nella città – di Brancusi. L’anno scorso è stata poi la volta di Ifigenia, messa in scena dallo Stabile di Catania. Quindi, l’Italia ha reso ottimo tributo alla drammaturgia eliadiana, la quale deve però ancora arrivare sugli scaffali delle librerie.

 

(Simona Valan, «Orizzonti culturali italo-romeni», n. 11, novembre 2013)

Ultimi post dal blog

Il regista tedesco è al centro di un’opera che narra la sua carriera in maniera estremamente dettagliata, focalizzandosi sia sulla famosa serie di film da lui ideata, sia sui suoi lavori meno noti. “Il ricordare è un atto creativo” si legge sulla quarta di copertina di Edgar Reitz: Uno sguardo fatto di tempo. Le parole del cineasta esprimono in maniera chiara quella che da sempre è la sua poetica, sublimata con il famoso e acclamato Heimat, film in 11 episodi (per una durata totale di 924 minuti) del 1984 che ha dato vita ad una vera e propria saga di fama [...]
Vincitore di quattro European Film Awards, un Premio Bafta, cinque David di Donatello, otto Nastri d'argento. Nel 2014 il suo film "La grande bellezza" vince sia l'Oscar per il miglior film straniero, sia il Golden Globe per il miglior film straniero. Stiamo parlando di Paolo Sorrentino, uno dei registi e sceneggiatori più quotati ed amati del momento. Non solo per il suo talento, ma anche per la sua storia personale che lo vede emergere dalla sua condizione di orfano in una Napoli come sempre vivace e ricca di colpi di scena. S'ispira a tutto questo l'ultimo libro di Stefano Loparco, [...]
Quando si parla di grandi case di produzione americane specializzate nel cinema d'animazione, i nomi che vengono subito in mente sono quelli della Disney e della Pixar. In particolare quest'ultima (che dal 2006 appartiene proprio alla Walt Disney), che sin dal primo lungometraggio, «Toy Story», ha sempre suscitato grande interesse nella critica, ottenuto consensi spesso unanimi, portando alla nascita di tanti studi e analisi relative ai capolavori realizzati. Forse anche per questo, la sua “rivale”, la DreamWorks Animation, non ha avuto sempre la giusta attenzione: la collana Bietti Heterotopia (specializzata in ottimi libri sul [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti