Greta Gerwig & Noah Baumbach

Cecilia Strazza & Emanuele Rauco
2021-10-08 10:21:16
Greta Gerwig & Noah Baumbach

La Collana dei Fotogrammi Bietti è una delle iniziative editoriali a cui, in redazione, teniamo particolarmente. Brevi e agili saggi monografici per entrare direttamente dentro il mondo di un/una regista e diversi mestieri cinematografici.
Questa volta proviamo a mettere insieme due volumi separati, il quattordicesimo e il quindicesimo, che però nascono da una complementarità di fondo dei loro protagonisti. Parliamo ovviamente di Greta Gerwig e Noah Baumbach, coppia d’oro del cinema indipendente e poi hollywoodiano, nel lavoro e nella vita.

Greta Gerwig. Lo sguardo nuovo del cinema femminile – Cecilia Strazza

Cecilia Strazza dedica il Fotogramma 14 a Greta Gerwig come simbolo di un nuovo cinema femminile. Il nucleo, naturalmente, è l’esperienza di Gerwig come regista: con Lady Bird prima e con Piccole donne dopo. La particolarità, tuttavia, è che anche come attrice, Gerwig non è mai stata solo interprete e corpo. Il suo sguardo autoriale ha permeato anche i personaggi che incarnava per altri, e per Baumbach prima di tutti.
L’intento del saggio di Strazza non è solo quello di definire le caratteristiche e i confini del cinema di Greta Gerwig. È la descrizione di un processo creativo in continua ascesa e in continua evoluzione, pur sempre straordinariamente coerente al suo interno. Già in poche righe iniziali Strazza lo riassume efficacemente: «Il suo [di Gerwig] approccio al cinema è intellettuale ma versatile, rivolto a un pubblico variegato, capace di intercettare alcuni dei temi più urgenti della cosiddetta female exploitation, e per questo i molti intravvedono in lei l’emblema del fututo storytelling americano» (pag. 11).
Altrettanto efficacemente, inoltre Strazza traccia l’arco evolutivo appena citato, guidando lettori e lettrici verso un visione di insieme delle due opere che Gerwig firma (al momento) da regista. Con Lady Bird Gerwig rivendica la rottura da un sistema androcentrico, così anche la più archetipica delle ribellioni avviene su un piano esclusivamente femminile, madre-figlia. Per usare la stessa metafora di Strazza, Gerwig vola via dal nido con la sua opera prima. Rompe un equilibrio per ricercarne un altro, diverso. Ed è ciò che crea in Piccole donne, in cui vi è un ritorno a casa, effettivamente, ma sempre subordinato al desiderio e al potere femminile. Strazza lo definisce un cinema programmatico, in cui le esperienze personali dell’autrice incontrano i grandi archetipi della letteratura e creano un nuovo vocabolario per le voci femminili [p.61].

Noah Baumbach. Crisi & misfatti – Emanuele Rauco

Apparentemente contrapposto alla parabola ascendente di Greta Gerwig è il percorso accidentato di Noah Baumbach, ricco di crisi e rinascite, come evidenzia il sottotitolo del Fotogramma di Emanuele Rauco. Noah Baumbach. Crisi & misfatti è il racconto di quattro crisi che, guardando il bicchiere mezzo pieno sono semplicemente i quattro percorsi necessari per arrivare ad altrettanti grandi titoli del regista. Una via complessa, in cui fondamentali sono gli incontri, da Wes Anderson a Greta Gerwig, ma ancor più centrale è la relazione di Baumbach con se stesso.
«Essendo così legato alla sua esperienza personale, il cinema di Baumbach segue l’andamento concentrico delle riflessioni intime, in cui il ragionamento parte dalla comunità che ci circonda e passo dopo passo arriva a incentrarsi sull’Io» (p.12).
È così che Rauco introduce il suo discorso su Baumbach e lo prosegue delineando le aree di “crisi”: gli amici (ossia il passaggio all’età adulta), la famiglia, il conflitto con i contesti socio-culturali e infine il conflitto di coppia. Tutti momenti, afferma Rauco, riconducibili alla più ampia e più profonda conflittualità con il proprio Io, con la propria immagine riflessa.
Esempi molto chiari, in proposito, sono Storia di un matrimonio (2019), per la quarta fase e soprattutto Frances Ha (2012) per la terza. Quest’ultimo è anche l’anello di congiunzione più forte tra il cinema di Gerwig e quello di Baumbach e infatti conquista ampio spazio in entrambi i volumi qui presentati.

Frances Ha – Intersezione di due microcosmi

Quando si guarda Frances Ha è molto complesso distinguere il fascino di Frances da quello della donna che la interpeta, Greta Gerwig, appunto. È una forza interna, un’epifania tale da cambiare anche il successivo cinema di Baumbach che qui la dirige, ma che in parte si fa guidare da lei e dalle sue intuizioni.
Frances Ha è il salto di qualità di Baumbach, così come afferma anche Rauco. Ed è il film che porta il regista a interrogarsi sempre più sullo specchio. Lo stesso specchio in cui Frances non fa altro che osservare la propria immagine. Ovvero ciò che rimane di noi quando non abbiamo più nessun altro su cui proiettare la nostra immagine o la nostra immagine di noi stessi.
Cecilia Strazza nel suo saggio tratta Frances Ha come il più importante momento, prima del debutto alla regia, della parabola di Gerwig. Il primo esempio di quel movimento apparentemente all’indietro, verso l’infanzia, necessario per andare avanti, crescere e uscire dal nido. Un momento in cui Gerwig già si guarda oltre il male gaze del suo regista dando al suo personaggio un’autenticità indimenticabile.

Per ulteriori approfondimenti vi consigliamo di leggere i due brevi (ma esaurienti) saggi contemporaneamente.
Un ringraziamento particolare alla casa editrice Bietti per averci dato la possibilità di leggere anche questi Fotogrammi. Trovate altre segnalazioni della Collana, come Body and Souls o Kind of Blue nella nostra sezione Letture.

Valeria Verbaro ©FramedMagazine ottobre 2021

Ultimi post dal blog

Abbandono, tragica ossessione, perdita e torbide relazioni. Aveva questa voce, cupa e caliginosa, il repertorio tematico dell’opera crudamente innovativa di Rainer Werner Fassbinder; questo il fil rouge del linguaggio espressivo di uno dei più grandi esponenti del Nuovo Cinema tedesco degli anni ’80. Ad omaggiare il lavoro del regista bavarese, scomparso il 10 giugno di quarant’anni fa, l’intelligenza di Maria Mirani, cantante e chitarrista delle Viadellironia. In «Rainer Werner Fassbinder. Una luce dal di dentro», volumetto edito da Bietti edizioni nella collana digitale Fotogrammi, la musicista bresciana si lancia all’inseguimento delle coordinate eufoniche tracciate dal cineasta durante la sua attività. La [...]
Il libro Le tourbillon de la vie. Il cinema di Valeria Bruni Tedeschi di Benedetta Pallavidino viene presentato domenica nell'ambito di un'iniziativa particolare relativa alla mostra "Un set alla moda". La scrittrice, insieme al critico cinematografico Roberto Lasagna e a Micaela Picasso dell'Accademia della Moda Alessandria, sarà guida speciale per l'esposizione a Palazzo Cuttica. Al termine, presenterà il libro. L'incontro è promosso da Visioni_47 e dal circolo del cinema Adelio Ferrero di Alessandria. La mostra "Un set alla moda" è promossa dalla Regione Piemonte e organizzata dall'azienda CulturAle Costruire Insieme, con il coordinamento scientifico del Museo Nazionale del Cinema di Torino e [...]
A quattordici anni dal suo debutto sugli scaffali, Kill Baby Kill! Il cinema di Mario Bava (Bietti, pagg. 420, euro 22) ritorna in libreria grazie a Bietti, arricchendo di nuovi e interessanti contributi la già vasta schiera di saggi e testimonianze che, citando i curatori del volume Gabriele Acerbo e Roberto Pisoni, "ci hanno aiutato a ricostruire il ritratto di un artista formidabile che non smetteremo mai di amare", come dimostra l'affettuosa presentazione di Joe Dante, secondo cui i film "affascinanti e unici" di Bava "sono una parte piccola, ma piuttosto importante della cultura italiana, e mi sorprende che non [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti