Studio Ghibli. L'animazione utopica e meravigliosa di Miyazaki e Takahata

Andrea Fontana & Enrico Azzano
2016-11-04 08:19:43
Studio Ghibli. L'animazione utopica e meravigliosa di Miyazaki e Takahata

Nel lontano 1985 due animatori di razza, forse un po’ incompresi forse un po’ tenuti a distanza per via della loro arroganza e bravura, decidono di fondare “ufficiosamente” uno studio di animazione quale base produttiva per i film che desiderano realizzare. Un luogo fisico, estemporaneo, dove poter fare il proprio lavoro. Senza troppo contare sul futuro. Ma a dirla tutta, non sono davvero sicuri di potersi cimentare in una simile impresa. Il più giovane ha in mente progetti grandiosi, titanici, costosi dove spesso si varcano i confini del cielo; il più anziano a parole incoraggia, invita a gettarsi nella mischia ma nella pratica è un inguaribile procrastinatore. I due si chiamano Hayao Miyazaki e Isao Takahata. Oggi tutti sanno chi sono. Entrambi arrivano da una formidabile scuola del cinema animato erroneamente compressa in una sigla (Tōei Dōga) e in realtà coniugata alle generalità artistiche e professionali di un manipolo di individui dal talento asimmetrico e incontenibile: Yasuji Mori, Yasuo Ōtsuka, Yōichi Kotabe, Reiko Okuyama, Yoshifumi Kondō. Il meglio del meglio che si possa trovare in Giappone, indietro di cinquant’anni nell’industria animata.
Entrambi gli animatori scoprono di avere peraltro un convintissimo fan: tale Toshio Suzuki, un piccoletto che si era laureato in Lettere all’Università Keiō di Tōkyō e nel 1972 aveva fatto il suo ingresso in editoria andando a collaborare con il settimanale Asahi Geinō di Tokuma Shoten, per poi ricevere – sei anni più tardi – l’assurdo incarico di creare una rivista di animazione in una manciata di settimane. Nel 1978 il piccoletto dà vita dal nulla ad Animage, la rivista di anime per antonomasia. Il resto, come si dice, è storia. Per una ragione e per l’altra i due animatori e il piccoletto si trovano ad aggirarsi nei paraggi di quel progetto comune che prende il nome, a seconda degli aneddoti che si desiderano assecondare, dal vento caldo del Sahara: Studio Ghibli.
Ecco, Studio Ghibli. L’animazione utopica e meravigliosa di Miyazaki e Takahata, di Enrico Azzano e Andrea Fontana, racconta proprio questo. Un resoconto su un importante anniversario, i trent’anni dello Studio Ghibli, per discutere del lavoro di due amici, colleghi e rivali, a cui probabilmente non sarà dato ulteriore seguito: Miyazaki dice di non volerne sapere più di nuovi lungometraggi, Takahata per sopraggiunti limiti di età non potrebbe neanche volendo (gli ci sono voluti otto anni per completare La storia della principessa splendente nel 2013). Magari qualche cortometraggio per il Museo Ghibli varrà bene la cortesia di smentire se stessi. I possibili eredi invece sono un terno al lotto. Solo il tempo dirà se Hiromasa Yonebayashi e Gorō Miyazaki, figlio di cotanto padre, saranno capaci di allungarsi sulle ombre artistiche lasciate dai predecessori. Pure su questo il libro di Azzano e Fontana ragiona. Ed è inevitabile.
La letteratura scientifica italiana in merito all’animazione giapponese, nonostante i rimbrotti di certuni, con piglio forse amatoriale o da otaku ha sempre prodotto opere al singolare sugli artisti più in voga di anime e manga. Alle calcagna di Miyazaki, per esempio, si contano ben sei contributi.
Nessuno in effetti prodigioso: il saggio di Alessandro Bencivenni (Le Mani, 2003) è un repetita iuvant del libro di Helen McCarthy (Stone Bridge Press, 1999); i libri di Anna Antonini (Il principe costante, 2003) e Alessia Spagnoli (Sovera Edizioni, 2009) si somigliano nella comune ricerca di temi e ideali artistici; il volume di Maria Teresa Trisciuzzi (Carocci, 2013) punta sull’aspetto pedagogico dei film di Miyazaki, mentre il libro di Valeria Arnaldi (Ultra, 2014) è un lussuoso catalogo di immagini. Il recente I mondi di Miyazaki. Percorsi filosofici negli universi dell’artista giapponese (Mimesis, 2016) a cura di Matteo Boscarol è forse una delle poche singolarità
ben riuscite. Del mio su Takahata (Cartoon Club, 2007), ovviamente taccio. Sullo Studio Ghibli, d’altra parte, non era stato scritto alcunché.
L’anniversario del trentennale è quindi un percorso obbligato per sottoporre al lettore e agli appassionati un discorso consuntivo sull’opera dei due autori a patto di non somigliare troppo alle suddette prestazioni intellettuali. Se ci sia riuscito o meno, in tutta risposta consiglio di leggere il testo introduttivo di Jurij Borisovič Norštejn, l’animatore russo che li conosce piuttosto bene, complice di Takahata in Fuyu no hi (2003), imparziale osservatore del mestiere di entrambi e per tale ragione anfitrione d’eccezione di questo volume edito da Bietti.
Non è la solita prefazione, perché la penna non appartiene a un esperto passivo, uno specialista della materia di cui è costituito il libro. Norštejn è uno degli “altri”: artista, vip dell’animazione d’autore che conosce quel mondo (fatto di sogni e libertà, avvertono Azzano e Fontana) e intuisce distintamente le dinamiche di lavoro dei due maestri giapponesi. Contributi del genere sono spesso l’antidoto alla noia, alla routine di cui si circonda una certa letteratura scientifica per darsi un tono, per avanzare pretese accademiche in ristretto ambiente. D’altronde, lupus in fabula, lo stesso Takahata ha scritto un discreto numero di libri e saggi su Frédéric Back, Paul Grimault, Jurij Norštejn. Da pari a pari. Credo che libri del genere siano pertanto fondamentali e complementari all’indagine critica o alla banale missione di appassionare un lettore. Possiedono un valore intrinseco, sul quale è inutile tergiversare oltre. Il fatto che Norštejn abbia acconsentito a prendervi
parte è la cosiddetta ciliegina sulla torta: l’avvio più intonato che il volume di Azzano e Fontana potesse innescare.
Dopodiché occorre ristabilire l’ordine, riprendere le fila del tema e ridistribuire con dovizia di particolari e interventi le clausole artistiche di cui al titolo (utopia e sense of wonder), perché a questo punto da singolare la voce super partes di Norštejn diventa un coro di voci.
Nella prima parte i curatori del volume si dividono i capitoli perlustrativi e analitici: nel primo, molto lungo, assolutamente esaustivo, intitolato Miracolo a Koganei. Storia sentimentale di un luogo (dell’)immaginario, Enrico Azzano ripercorre le tappe della vita e della professione di Takahata e Miyazaki dalle origini, passando per le tappe intermedie (A-Production, Nippon Animation) sino alla fondazione dello Studio Ghibli. Con il capitolo Isao Takahata. La cruda carezza di un sogno reale, Andrea Fontana si occupa dei lavori cinematografici di Takahata; e Azzano replica con le serie TV e i film di Miyazaki nel capitolo intitolato Hayao Miyazaki. Nel sole, nel vento, nel sorriso e nel pianto: appunti sparsi di uno spettatore incantato. Di nuovo Fontana con il quarto capitolo sugli eredi, L’altro Ghibli. Oltre Miyazaki e Takahata. In chiusura di sezione, le schede di tutte le produzioni dello studio con tanto di titolo in ideogrammi, comprese le prove registiche di gioventù. L’approccio analitico procede di pari passo alla storia del cinema di animazione, non ne può fare a meno. Tiene in considerazione non soltanto titoli di opere, ma anche nomi di artisti e collaboratori che hanno contribuito alla formazione dei due animatori. E tiene conto delle circostanze produttive a latere, i generi come il Sekai Meisaku Gekijō, le mode capaci
di influire sull’estetica e la poetica di Miyazaki e Takahata (ovviamente presentati in ordine gerarchico: prima il maestro, quindi l’allievo).
Dopo aver appreso quanto c’era da apprendere nella prima parte, l’altra metà del volume lascia quindi la parola agli esperti. La scelta degli intervenuti è un perfetto mix di conoscenze, competenze e interlocutori della materia ghiblica. Raffaele Meale è collaboratore di lunga data dei due curatori; Mariuccia Ciotta, critico cinematografico de il manifesto, è da tempi non sospetti ammiratrice indefessa di Miyazaki e Takahata così come della loro nemesi, Walt Disney; Luca Della Casa, oltre a essere studioso del cinema animato è anche film programmer della manifestazione bolognese Future Film Festival dove fu ospitato per primo I miei vicini Yamada (1999); Matteo
Stefanelli, esperto di fumetto, si occupa dei manga di Miyazaki; mentre Matteo Boscarol indaga i legami tra le produzioni dei due registi e la Storia, a cui fa eco il lavoro di Massimo Soumaré, uno dei nostri preferiti, su storia e tradizione nelle opere dello studio. Ogni contributo introduce un punto di vista sul dinamico duo dello Studio Ghibli decisamente appagante, con riferimenti incrociati che vanno ben oltre il solo perimetro estetico e produttivo dello studio di Koganei. Aspetto oltremodo apprezzabile per chi già sa, e vigoroso ammonimento per successive indagini.
Infine, non meno importante, e con inclinazione in stile special guest, il libro si chiude con altri quattro interventi: Manuele Fior, Emanuele Tenderini, Sualzo e Carlo S. Hintermann, le cui biografie sono ovviamente segnalate all’interno del volume. Si tratta di approfondimenti esercitati con distacco.
Ci può stare la passione, ma anche un riversamento critico che non produce fraintendimenti. Come dovrebbe essere. Un esercizio di valutazioni DOC senza timore di piaggeria. Quasi tornando alla sublime, e genuina, forza partecipativa di Norštejn. Nulla è davvero lasciato al caso nel saggio
multi-corale di Azzano e Fontana.
Tutti questi aspetti, dunque, fanno di Studio Ghibli. L’animazione utopica e meravigliosa di Miyazaki e Takahata il volume più completo e garantista pubblicato sinora. Con un solo rimpianto: il mancato coinvolgimento di personalità giapponesi. Un Toshio Suzuki, sempre disponibile alla chiacchiera e ai ricordi, sarebbe stato una presenza funzionale e imprescindibile.
Oltretutto perché sull’argomento ha scritto parecchio anche lui. Un nuovo libro è infatti uscito a giugno con il titolo Ghibli no nakamatachi (2016). E da guascone qual è, il piccoletto non s’è fatto mancare una partecipazione nel film-documentario Il regno dei sogni e della follia (2013) di Mami Sunada.
Perché Suzuki l’aveva capita prima di chiunque altro, e forse senza di lui Miyazaki, Takahata e lo Studio Ghibli non sarebbero il fenomeno che conosciamo.

Mario A. Rumor ©Manga Academica n. 9

ottobre 2016

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]
È da poco uscito nelle sale cinematografiche Il signor Diavolo, ultimo lavoro di Pupi Avati, il cui successo cinquantennale non è forse dovuto solo a fattori tecnici ma a una precisa «visione del mondo» sottesa alla sua produzione. Il film è stato accompagnato da due pubblicazioni, edite da Bietti: Il gotico padano, di Claudio Bartolini e Ruggero Adamovit, e un numero monografico in edizione limitata, numerata e autografata di INLAND. Quaderni di cinema, che affronta il mondo avatiano a 360 gradi, soffermandosi in particolare su questa «visione del mondo», tesa tra folklore e immaginario, Medioevo e modernità, le assolate distese [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti