Il Giornale: «Se per Bradbury la fantascienza è anti-moderna»

Ray Bradbury
2015-04-10 15:10:44
Il Giornale: «Se per Bradbury la fantascienza è anti-moderna»

Ray Bradbury (1920-2012) è uno dei grandi maestri della letteratura fantascientifica: autore di capolavori come Cronache marziane e soprattutto Fahrenheit 451 , è stato anche un prolifico produttore teatrale, un efficace consulente di urbanistica e un apprezzato sceneggiatore per registi del calibro di Alfred Hitchcock e John Huston, per cui scrisse il copione di Moby Dick.

Meno conosciuto è il suo lato di acuto polemista e brillante critico della società, aspetto, questo, che emerge nelle sue numerose interviste -nell’arco di sessant’anni di carriera sono più di duecento- le più significative delle quali sono raccolte in un volume curato da Gianfranco de Turris: Siamo noi i marziani. Interviste (1948-2010), (Edizioni Bietti, pagg. 294, euro 20).

Uno degli argomenti principali, ovviamente, è la fantascienza, che per Bradbury è «un modo straordinario di affrontare il passato più recente e il presente, con la scusa di scrivere sul futuro», svelandoci «segreti nascosti in evidenza» in quella che sembra, ma non sempre è, la banale realtà quotidiana. «La fantascienza è la letteratura più straordinaria a nostra disposizione per esprimere le esigenze della nostra epoca», e gli aspetti mirabolanti del progresso scientifico e tecnologico non sono affatto importanti, anzi: per Bradbury, che si ostina fino alla fine a battere le sue opere con una macchina per scrivere e che non userà mai la patente, l’automobile è una delle invenzioni più nefaste per l’umanità, il telefono ha fatto smarrire l’importanza dei contatti umani, la televisione appiattisce l’intelligenza e il computer distrugge la creatività.

Su Internet, poi, il giudizio è spietato e inappellabile: è un giocattolo inutile, che fa perdere un sacco di tempo e un sacco di soldi, spesi soprattutto da persone che non possono permetterselo. Invece di sprecare energie e risorse per investire sul web, i governi, e soprattutto le amministrazioni comunali, dovrebbero potenziare le biblioteche e incentivare la lettura e la scrittura per i più piccoli, che solo così avrebbero gli strumenti adatti a difendersi contro la droga, la violenza e l’ignoranza dilagante. Gli artisti veri dovrebbero tornare a essere i modelli di virtù per la società, e non i parassiti presuntuosi che sono oggi. L’autore di Fahrenheit 451 , che ha una vera e propria adorazione per scrittori come Jules Verne, Edgar Rice Burroughs e Ian Fleming, oltre che una speciale ammirazione per il caro amico Walt Disney, non sopporta gli «intellettuali». Ipocriti, attenti solo al denaro e al potere, ci prendono in giro, come fanno, ad esempio, gli insegnanti incapaci (Bradbury ne licenzierebbe la metà) e gli artisti che, come Andy Warhol, non sono altro che, letteralmente, «sterco di cavallo». Per non parlare dei «romanzieri di New York: intellettuali ebrei semiomosessuali di quarantanove anni che non sanno se divorzieranno per andare a vivere con l’amante o con il ragazzino in fondo al corridoio».

Ovviamente, Bradbury non è uno scrittore politicamente corretto: odia le femministe, le minoranze e gli ipocriti che fingono di creder a una presunta uguaglianza tra uomini e donne, ignorando la superiorità di queste ultime, che custodiscono il segreto della procreazione. Anche quando parla di politica, che disprezza profondamente, Bradbury non è mai banale, e, come nella favole del Re Nudo, si chiede come mai nessun politico prenda di petto il vero problema, quello degli interessi sul debito pubblico, che strozzano l’economia reale. «Abbiamo versato centinaia di miliardi di dollari di interessi senza mai pareggiarlo. Potremmo estinguerlo domani e dimenticarci del problema, eppure nessuno ne parla. Dove va a finire il mostruoso gettito fiscale che ogni anno cresce vertiginosamente? Chi lo spende? Qualcuno ha svolto indagini a riguardo? In televisione non ne parla nessuno e ciò dimostra che siamo governati da irresponsabili!».

Naturalmente, la soluzione proposta da Bradbury è davvero fantascientifica: restituiamo il denaro alla gente e abbassiamo le tasse.

 

(Luca Gallesi, «Il Giornale», 9 aprile 2015)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti