Orizzonti culturali italo-romeni: «Salazar e la rivoluzione in Portogallo. Una lettura»

Mircea Eliade
2015-04-14 14:30:12
Orizzonti culturali italo-romeni: «Salazar e la rivoluzione in Portogallo. Una lettura»

«Questo libro di storia politica è stato scritto da un uomo che non si occupa né di storia né di politica. È nato da un dubbio e ha visto la luce per rispondere a una domanda che l’autore non si stanca di porsi da ormai dieci anni: è possibile una rivoluzione spirituale? È storicamente possibile una rivoluzione che abbia come protagonisti uomini che credono, anzitutto, nel primato dello spirituale?» (Mircea Eliade, Salazar e la rivoluzione in Portogallo, Edizioni Bietti, Milano, 2013).

Queste prime righe di Eliade racchiudono il senso di questo suo scritto, così ben curato da Horia Corneliu Cicortaş, nel quale la vicenda di Salazar assume un carattere paradigmatico, al di là della evidente simpatia che l’autore nutre nei suoi confronti.

Oggi possiamo ritenere la figura di Salazar attuale o comunque interessante per più motivi: egli fu un dittatore, per così dire, tecnico [1], in quanto preso dalla società civile inizialmente come ministro delle finanze; ma era anche qualcosa di più, un cattolico formato alla scuola della dottrina sociale della Chiesa. Proprio la dottrina sociale – cioè la consapevolezza per la Chiesa di dover intervenire sulle questioni economiche, sociali e politiche sorte con la nascita degli Stati moderni – era nata poco prima, nel 1891, con la Rerum Novarum di Leone XIII, non solamente per la necessità di rispondere alle sfide socialista e liberale, ma anche alla secolarizzazione della società, che la Chiesa respingeva e condannava come una vera e propria apostasia delle nazioni rispetto ai valori evangelici [2], ovvero alla trasformazione avvenuta nei rapporti tra Stato e Chiesa dopo la rivoluzione francese, ed al fatto che lo Stato non solo si era separato dalla Chiesa in una società laica, ma che le nuove rivoluzioni pretendevano addirittura di ridurre il cristianesimo ad un fatto personale, se non proprio ad eliminarlo tout court dalla vita delle masse. Fin dal termine della tempesta rivoluzionaria, la cultura cattolica europea aveva cercato di individuare un nuovo modello sociale di ispirazione cristiana ispirandosi alla società medievale [3], peraltro mitizzata, che si contrapponeva a quella rivoluzione politica, frutto di una catena diabolica di errori dell’età moderna che, partendo dalla riforma luterana e passando poi per la massoneria, la rivoluzione francese e le successive rivoluzioni liberali e socialiste, aveva lo scopo di combattere la Chiesa e Cristo.

Eliade riprende questa visione storica e di fatto contrappone una rivoluzione «cattiva», cioè un movimento rivoluzionario strisciante di matrice liberale, socialista e massonica, che tra ‘800 e ‘900 aveva distrutto la società portoghese, rinnegandone le tradizioni e volendo assimilare il paese al giacobinismo francese, ad una rivoluzione «buona», che è quella di Salazar e della giunta militare, che invece è spinta dai valori tradizionali, dal cristianesimo sociale, dal rispetto rigoroso delle regole della buona economia e della proprietà privata. Non fu un caso, infatti, che Salazar, salito al potere, riuscì come ministro delle finanze a risanare l’economia portoghese, conquistandosi anche un consenso che gli permetterà di rimanere a lungo in sella.

La domanda dunque che si pone Eliade, che, non dimentichiamocelo, nasce come storico delle religioni, è pertinente ed è il centro del saggio: è possibile una rivoluzione fatta sulle basi di valori come quelli incarnati dalla dottrina sociale? Evidentemente, per l’autore la risposta era positiva, ancorché il frutto della rivoluzione fosse uno stato dittatoriale, ed in questo Eliade non tenne conto dell’enciclica Quadragesimo anno di Pio XI (1931), dove, pur rimanendo nella dottrina sociale al più alto livello il modello corporativo cristiano come «terza via» cristiana modellata sulla cristianità medievale, era stato anche espresso per la prima volta un nuovo concetto, quello di sussidiarietà, affermazione del diritto degli individui e dei corpi intermedi ad operare per fini di lucro ma anche per il bene comune senza essere espropriati dall’autorità statale, con una critica neanche troppo velata ai totalitarismi di stampo comunista e fascista e al loro dirigismo sociale.
Eliade era dunque rimasto indietro? E la sua domanda è oggi di attualità?
Ovviamente no, nel senso che ad Eliade non interessava spiegare quanto la posizione di Salazar fosse in linea con gli sviluppi della dottrina sociale della Chiesa, quando piuttosto gettare le basi ideologiche di un movimento patriottico-conservatore-tradizionalista da esportare possibilmente nella sua Romania, cosa che già nel 1945, quando abbandona il saggio, si rivelerà impossibile. D’altra parte, questo saggio riveste oggi interesse perché pone delle domande di attualità alla Chiesa e alla politica: è possibile una rivoluzione politica su basi tradizionali e religiose? In questo senso penso si possa dire che sia la politica sia vasti ambiti della Chiesa siano rimaste attardate ad una visione novecentesca. Oggi probabilmente non è più possibile, in una società liquida come quella occidentale, parlare né di rivoluzione né di dottrina sociale nei termini che conosciamo, come ha ben capito papa Francesco, che di fatto ha rinunciato ad un intervento forte nella società, lasciando ai vescovi ed ai laici una grande autonomia.

Al di là delle rivoluzioni islamiste, dove non c’è un rapporto religione-società ma semplicemente un assorbimento della seconda nella prima, è assai arduo parlare di valori religiosi o di tradizioni nazionali (che non siano quelle artigianali o enogastronomiche) in un mondo politico globalizzato dove tutto è interdipendente e omologato, né lo si può fare in una società dove il concetto stesso di rivoluzione come lotta di popolo è stato rifiutato da tempo a favore di un individualismo esasperato. Dunque la domanda di Eliade pone un problema ancora attuale alla politica ed alle religioni su dove possiamo e dobbiamo andare e se è giusto che il nostro individualismo egoistico ci tolga ogni ansia di rivoluzione, intesa come cambiamento «buono», che guardi al futuro senza rinnegare il passato e che possa reintrodurre nella politica quei valori senza i quali diventa difficile combattere la corruzione da un lato e la tecnocrazia dall’altro.

Su questo c’è ancora da camminare e da trovare nuove strade: certamente il saggio di Eliade su Salazar pone alcune questioni che dovrebbero portare politica, religione e finanza ad interrogarsi sui valori che le legano, per poter operare un ripensamento dei propri rapporti con le società umane e le loro tradizioni, cosa necessaria in un momento di crisi come quello presente.

  1. Cfr. M. Sacco, Salazar. Ascesa e caduta di un dittatore «tecnico», Besa 2014.
  2. Cfr. D. Menozzi, La Chiesa cattolica e la secolarizzazione, Einaudi 1993, pp. 136 e ss.; cfr. anche F. Coralli, Ciascuno fa la sua preghiera e ciascuno fa la sua guerra. Modelli di santità militare nell’epoca della guerra asimmetrica, intervento al Convegno di Casole d’Elsa del 13-14 maggio 2005.
  3. J. De Maistre, Du Pape, a cura di J. Lovie e J. Chetail, Ginevra 1966, pp. 182-194.

 

(Filippo Coralli, «Orizzonti culturali italo-romeni», n. 12, dicembre 2014)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti