Sul Romanzo: «Salazar e la rivoluzione in Portogallo»

Mircea Eliade
2015-04-14 14:25:58
Sul Romanzo: «Salazar e la rivoluzione in Portogallo»

Da qualche mese è uscito in Italia un libro di un autore notevole, ripubblicato di recente anche in portoghese. Dal 1942, anno della prima edizione rumena, di questo libro si erano quasi perdute le tracce. Parliamo di Salazar e la rivoluzione in Portogallo, di Mircea Eliade (Bietti 2013, a cura di Horia Corneliu Cicortaş). Sulle motivazioni, o addirittura sulla necessità di questo ripescaggio, il dibattito è aperto, ma la lettura non è priva di un suo peculiare interesse.

Il celebre storico delle religioni, nato a Bucarest nel 1907, visse qualche anno a Lisbona, lavorando presso la legazione rumena, mentre nel resto d’Europa infuriava la guerra. Lì Eliade scoprì il regime salazarista e se ne innamorò. Gli parve una rivoluzione spirituale da contrapporre non solo al comunismo o al repubblicanesimo rissoso dei lusitani, ma addirittura al liberalismo e alla democrazia parlamentare in genere, tutti intesi come fenomeni di una modernità estranea a un’indole nazionale latina arcaica, presumibilmente genuina e autentica.

Eliade, che in quell’epoca a un’alacre produzione accademica affiancava la narrativa, racconta più di un secolo di vicende portoghesi con un brio davvero romanzesco.

Ma la sua visione della storia e del pensiero politico è a dir poco discutibile, utile solo a farci capire come la battaglia per la democrazia fosse una partita dal risultato tutt’altro che scontato, con fior d’intellettuali pronti a farsi trascinare su posizioni oggi imbarazzanti, ieri pericolose. Un imbarazzo che il curatore, Horia Corneliu Cicortaş, nella postfazione prova a dissimulare indulgendo al solito vecchio vizio di sdoganare la dittatura portoghese come una tirannide light, dietetica, o di difendere l’intellettuale famoso di turno da preconcetti di chissà quale oscura matrice. In realtà, la lettura del libro non lascia alcun dubbio sul fascino che questa «forma cristiana di totalitarismo» (parole di Eliade) esercitava sul diplomatico che, avendo vissuto sotto i terribili bombardamenti di Londra del 1940, a Lisbona deve aver apprezzato l’oasi di pace che Salazar era riuscito a conservare con la neutralità. Per chi volesse saperne di più sulle liaisons dangereuses di Eliade al tempo dei fascismi e anche sul suo periodo portoghese, resta consigliabile l’introduzione di Pietro Angelini al Trattato di storia delle religioni dello scrittore rumeno (Bollati Boringhieri, 2008).

Di certo, leggendo questo saggio si coglie come l’autore abbia ammirato soprattutto il modo in cui la destra portoghese seppe far piazza pulita di ogni pur timida forma di parlamentarismo, qui associato alle peggiori iatture che in quegli ameni anni si abbattevano sull’umanità. Ecco dunque proprio i capitoli biografici sull’uomo Salazar scivolare miserevolmente nell’agiografia, mentre le sottolineature puntigliose e continue dell’origine ebraica di certi loschi (secondo l’autore) figuri della prima Repubblica, spazzati via dal golpe del 1926, ci sembrano quanto meno di cattivo gusto, visti gli anni in cui il rumeno scriveva.

Ma come non ricordare allora che, in patria, l’autore era stato un adepto della milizia antisemita di Corneliu Codreanu, nota come “Guardia di ferro”? In realtà, nota Cicortaş, esistono indizi interessanti, per esempio nel diario che Eliade tenne in quel periodo, che fanno pensare a un possibile pentimento per aver scritto un’opera così documentata eppure così avventata, la cui ristampa oggi vale solo come testimonianza storica di un abbaglio.

Fra le annotazioni più curiose di quel diario, ce n’è una, piuttosto significativa, datata 16 novembre 1943. Eliade torna incantato e carico di libri da un viaggio a Parigi (che pure nel ‘43 non doveva essere un posticino delizioso, ma s’è capito che il nostro esperto di mistica antica era a suo agio fra le svastiche) e scrive: «Vivere in Portogallo, quando esiste Parigi!». Insomma la madre di tutta l’aborrita modernità, culla di ogni deprecabile illuminismo e altri “ismi” peggiori, aveva già conquistato il cuore e la mente di questo intellettuale che ci spiegherà, precisamente dalle cattedre di Parigi e poi di Chicago, come la religione serve ai popoli per proteggersi dalla «caduta nella Storia». Salazar e la rivoluzione in Portogallo ha il merito di rivelare che il suo egregio magistero anti-eurocentrico trova un aggancio segreto e un po’ inquietante nella biografia di un uomo che non deve aver subito apprezzato gli scenari geopolitici dell’Europa rinata dalla guerra, neanche al di qua della cortina di ferro dove, in esilio, visse il resto della propria vita.

L’esilio coinciderà comunque con il successo editoriale e accademico in un mondo che, proprio in quanto laico e democratico, aveva le spalle sufficientemente larghe per accogliere e lodare la sua lezione sulle religioni arcaiche. In Italia, dove era già noto sin dagli anni Trenta, se lo contenderanno sia Julius Evola sia i comunisti dell’editrice Einaudi, i quali, sulle orme di Gramsci, lentamente scoprivano cultura e religiosità popolari in un campo di studi in cui si provava a conciliare il marxismo con l’esistenzialismo alla Martin Heidegger.

 

(Marcello Sacco, «Sul romanzo», 16 febbraio 2014)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti