Editoriale Nicolas Winding Refn

Claudio Bartolini
Nicolas Winding Refn n. 4/2017

Nella quarta di copertina del numero #2 di INLAND. Quaderni di cinema – dedicato a François Ozon – era annunciato Nicolas Winding Refn come oggetto di studio dell’uscita successiva. Poi venne Lav Diaz, che sparigliò le carte e si impose come numero #3. Ora il cerchio si chiude e, dal prossimo fascicolo, ci proponiamo di tener fede ad annunci e promesse con maggior puntiglio. Sarà la volta di Sergio Martino, in un esperimento eccentrico – ma sempre coerente – rispetto alla vocazione e alla ricerca della nostra rivista. Ne riparleremo a tempo debito. Per il momento concentriamoci su questo piccolo gioiello, il #4, confezionato grazie alla passione e alla professionalità della redazione, al cui timone guida come di consueto Ilaria Floreano, affiancata, a partire da questo numero, da Caterina Bogno, nuova leva di cui siamo molto fieri. A monte del caleidoscopico oggetto che avete tra le mani c’è però l’idea di Marco Cacioppo, critico, sceneggiatore e filmmmaker particolarmente vicino alla galassia NWR per ragioni umane e professionali. Sua è stata la scintilla che ha incendiato una curatela la quale, per la seconda volta (dopo Giulio Sangiorgio-Giampiero Raganelli per Diaz), ha reso la guida di INLAND un lavoro bicefalo. Il tutto, ça va sans dire, a vantaggio di quella molteplicità di sguardi e approcci che soltanto l’incontro tra sensibilità cinefile e percorsi professionali differenti (i gusti e le interpretazioni di Cacioppo e il sottoscritto talvolta collimano, talvolta divergono, e vivaddio) ha potuto finora garantire alla collana di saggi Bietti Heterotopia e a questi quaderni, che della prima sono l’ormai imprescindibile spin-off.

Ora, però, la domanda fondamentale: perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no – e direi che la bilancia critica, dopo Solo Dio perdona. Only God Forgives e The Neon Demon, è in equilibrio tra i due opposti – è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche del mercato e dai bisogni narrativi del grande pubblico, è una mente capace di intercettare e introiettare le istanze e le pratiche basilari dell’immaginario audiovisivo contemporaneo (e prossimo venturo), offrendo testi complessi capaci di racchiudere al loro interno cartografie citazioniste, divagazioni nel videoclip e spaccati di videoarte, intrecciandoli alle grandi narrazioni archetipiche e a primordiali viaggi di (anti)eroi. Opere come Fear X, Valhalla Rising. Regno di sangue, Solo Dio perdona e The Neon Demon rendono conto di un percorso di ricerca verticale che, con sempre più insistenza, ha affiancato (e sopraffatto?) quello più leggibile e vendibile dei Pusher, Bronson e Drive. Cinefilo e collezionista, vorace divoratore di immagini e suoni, ultimamente Refn si è autoproclamato NWR, facendosi icona e marchio. Una griffe, questa, che ne attesta la complessa consapevolezza autoriale e al contempo la problematica autoreferenzialità.

Mentre le sale cinematografiche lamentano incassi risibili alle proiezioni dei suoi ultimi film, il dibattito critico e intellettuale sembra non poter prescindere da lui e dai suoi modi operandi. Questo accade perché all’interno delle sue opere – in larga parte incomprensibili agli occhi di un pubblico non edotto – ci sono i numeri primi del futuro audiovisivo. Normale, dunque, che NWR faccia infervorare chi il cinema lo studia e, al contempo, lasci piuttosto freddo – finanche sconcertato – lo spettatore medio. Altrettanto normale, infine, che abbia scatenato la vis saggistica degli autori che compongono il nostro numero #4, aperto da un’intervista monstre realizzata da mister Cacioppo, da un profilo umano e professionale tratteggiato da Manlio Gomarasca – amico, collega e interlocutore costante di Nicolas – e da uno studio sui documentari a tema Refn firmato Alessandro Stellino. La sezione “Confluenze”, poi, ha dato vita a letture variegate e talvolta contrastanti su un autore sul quale i punti di vista e i tagli tematici possono (spesso devono) entrare in rotta di collisione. Emblematico, in tal senso, il divergere tra l’approccio di Pier Maria Bocchi e quello di Marco Lazzarotto Muratori: se il primo sostiene e motiva la necessità di prescindere dalla psicanalisi, per il secondo la psicanalisi è punto di partenza e nodo cruciale. Numerosi, poi, i contributi che attestano la prismaticità dell’arte refniana: Giulio Sangiorgio entra con perizia nei gangli che la collegano all’opera di Kenneth Anger; Andrea Bruni incarica la sua prosa raffinata, evocativa e ricercata di sviscerare le connessioni con l’arte di Alejandro Jodorowsky, altro nume tutelare di NWR; l’universo cine-musicale viene affrontato con puntiglio da Leonardo Gregorio – che, come un agile e spietato ragno, si muove con disinvoltura nella complessa ragnatela semantica intessuta dal Nostro – e dal compositore di colonne sonore Vivien Villani, che approfondisce l’utilizzo della musica in Drive. Infine, la sezione “Audiovisivi” ospita come sempre firme di indubbio valore, impegnate a scandagliare i singoli movimenti della sinfonia refniana: Emanuele Sacchi, Raffaele Meale, Angelo Iocola, Mirco Moretti, Massimiliano Martiradonna, Andrea Fornasiero, Massimo Zanichelli, Mauro Gervasini e Alessandro Uccelli tornano (in alcuni casi iniziano) a scrivere per INLAND e a loro – come all’illustratore Alessandro Colombo e a tutti gli autori di questo piccolo, prezioso fascicolo – va il mio ringraziamento. Perché INLAND è gratuito e, perciò, non può permettersi di pagare le proprie eccellenti firme. Il fatto che tali firme (e che firme) impreziosiscano le pagine che state per leggere dimostra quanto, talvolta, si possa semplicemente credere in un progetto culturale. Che, da nostro, è diventato vostro.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]