Le firme di INLAND #6 MicheleSoavi

Michele Soavi n. 6/2018

CLAUDIO BARTOLINI è direttore di INLAND. Quaderni di cinema e Bietti HI – I libri di INLAND, co-direttore delle collane di saggi cinematografici Bietti Heterotopia, redattore del settimanale Film Tv dal 2009 e vice caporedattore del mensile Nocturno, con cui collabora dal 2010. Tra le sue pubblicazioni, Il cinema giallo-thriller italiano per Gremese (2017).

 

PIER MARIA BOCCHI è critico cinematografico. Scrive per Cineforum, Blow Up, Film Tv e Cineforum.it. Tra le sue pubblicazioni, Michael Mann, Mondo queer. Cinema e militanza gay, Woody Allen. Quarant’anni di cinema. Per Bietti Heterotopia ha pubblicato Invasion Usa. Idee e ideologie del cinema americano anni ’80. Collabora con il dizionario dei film Il Mereghetti.

 

CORRADO COLOMBO inizia giovanissimo, nel 1971, a girare film in Super8 con cui partecipa a festival internazionali. Trasferitosi a Roma, diviene assistente alla regia di Eriprando Visconti per il film Malamore (1982), fonda la società di produzione e distribuzione Master Media, dirige documentari e spot pubblicitari. Nel 2000 realizza il film La donna del delitto, nel 2001 il tv-movie Con gli occhi dell’assassino e nel 2002 Encantado. Nel 2018 cura, con Mario Gerosa, il libro collettivo Prandino. L’altro Visconti.

 

DONATO DALLAVALLE. Scrittore, autore e showrunner, collabora con Sky Arte e Sky Cinema. Ha realizzato film documentari come Musei Vaticani 3D, distribuito nelle sale in 60 paesi del mondo, Operazione Caravaggio e Dante e l’invenzione dell’Inferno, finalista Best Art Documentary al Rose d’Or 2017. Tra i programmi tv: Potevo farlo anch’io con Francesco Bonami e Alessandro Cattelan e Booklovers con Giorgio Porrà.

 

ILARIA FEOLE. Critico cinematografico e televisivo per il settimanale Film Tv dal 2009 e per la testata Spietati.it dal 2012. È autrice delle monografie Wes Anderson. Genitori, figli e altri animali (Bietti Heterotopia) e Michele Soavi. Cinema e televisione (Bietti HI – I libri di INLAND).

 

FABRIZIO FOGLIATO. Critico cinematografico, storico del cinema. Torinese, classe 1974. È coordinatore didattico e docente presso il centro formativo Starting Work di Como. Scrive per La provincia di Como. Autore di saggi su Abel Ferrara, Michael Haneke, Luigi Scattini, Paolo Cavara e Gualtiero Jacopetti, nonché del volume Italia: ultimo atto. L’altro cinema italiano.

 

MANLIO GOMARASCA ha fondato nel 1994 la rivista Nocturno di cui è editore e capo-redattore. Ha pubblicato i libri 99 donne, Io Emanuelle, La piccola cineteca degli orrori e Monnezza amore mio. Ha lavorato come selezionatore per il Festival di Locarno e per la Festa del Cinema di Roma. Dal 2015 è direttore artistico della label Midnight Factory.

 

MARCELLA LEONARDI Ha lavorato negli Stati Uniti per i Musei d’arte del North Carolina e per la Duke University. È tra gli autori della Garzantina di Cinema curata da Gianni Canova e ha collaborato con Duel e Mediacritica. A Pesaro è nota per il Cineclub Shining nel quale organizza cicli, rassegne, cineforum. Attualmente collabora con il mensile Nocturno e gestisce un proprio blog di recensioni: Frammenti di cinema.

 

STEFANO LOPARCO. Saggista e scrittore, dedica particolare attenzione alle storie di vita dei protagonisti del cinema e della cultura. Tra le sue pubblicazioni, Il corpo dei settanta. Il corpo, l’immagine e la maschera di Edwige Fenech, Graffi sul mondo. Gualtiero Jacopetti e Del Paganini e dei capricci. Klaus Kinski.

 

ANTON GIULIO MANCINO insegna cinema all’Università di Macerata. Autore di volumi sul cinema politico italiano. In particolare su Rosi e Bellocchio. Per Bietti Heterotopia ha pubblicato La recita della storia. Il caso Moro nel cinema di Marco Bellocchio. Collabora con Cineforum, Cinecritica e Fata Morgana.

 

ROCCO MOCCAGATTA. Critico e studioso di cinema, televisione e new media, insegna presso l’Università IULM di Milano e si occupa di generi popolari e di cinema italiano del passato e contemporaneo. Scrive o ha scritto su Film Tv, Duel/Duellanti, Segnocinema, Comunicazione politica, L’Officiel Homme, Marla. Maccio Capatonda l’ha ribattezzato “Giancarlo Cianfrusaglie”.

 

GIOVANNI MODICA ha collaborato, tra i tanti, con Luca Servini per il volume Il cinema dalle finestre che ridono. Sue le monografie su Sette note in nero, L’uccello dalle piume di cristallo, Il gatto a nove code, Profondo rosso e 4 mosche di velluto grigio. Cura la rassegna annuale Paura sotto la pelle, incentrata su narrativa e cinema della paura.

 

ALESSIO PORQUIER si diverte con il cinema e, dopo importanti esperienze nel settore, dà vita al FI PI LI Horror Festival, nato grazie all’incontro con Ciro Di Dato. In questi anni ha ospitato artisti nazionali e internazionali di grande valore e crede che, con un bel lavoro di squadra, si possa continuare a fare un festival di cinema anche a Livorno.

 

ANDREA SCARABELLI ha collaborato con la cattedra di Storia della Filosofia (Unimi) e fa parte della Fondazione J. Evola. Per Bietti Edizioni dirige la rivista Antarès e la collana l’Archeometro. Animatore dei blog Attuali e inattuali (ilGiornale.it), suoi saggi sono apparsi su varie testate, in volumi e antologie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]