Videoclip di genere. Folli sarabande cinefile

Massimo Privitera
Manetti Bros. n. 14/2022

I Manetti Bros. stanno ai videoclip come i film di genere stanno ai Manetti Bros. Nella loro multiforme carriera di registi, sceneggiatori, produttori e direttori della fotografia, i fratelli romani hanno messo a servizio dell’universo italico della videomusica un talento registico che ricorda quello dei grandissimi artigiani di quel nostro cinema popolare di un passato non troppo lontano, denigratoriamente qualificato di serie B (quando non di serie Z): Sergio Sollima, Enzo G. Castellari, Sergio Martino, Umberto Lenzi, Antonio Margheriti, Lamberto Bava, Stelvio Massi, e l’elenco potrebbe allungarsi parecchio.
Nel loro carnet si sono succeduti cantautori e cantanti di diversa natura musicale, con passaggi da un genere all’altro (rap, hip hop, jazz, pop, neomelodico…) contraddistinti da quella classe immaginativa nella direzione propria solo di coloro che posseggono il quid artigianale di cui sopra – che non è propriamente di tutti: di surrogati registici, nel panorama nostrano e mondiale, ve ne sono stati e ancora ve ne sono tanti – e fondamentale nel dare un taglio visivo sui generis alle canzoni. Canzoni contenenti citazioni ai generi di celluloide più amati. Canzoni di interpreti o gruppi quali gli 883 o Max Pezzali in solitaria, Syria, Tiromancino con Riccardo Sinigallia, Sergio Cammariere, Piotta, Gemelli Diversi, Gigi D’Alessio, Francesco Renga, Nek, Marina Rei, Cor Veleno, Alex Britti e Mariella Nava.
I Manetti si sono svagati nel mescolare con sapiente divertimento e occhio visivo sempre pertinente – da interprete a interprete in causa – trame action, fantasy, sci-fi e quant’altro gli potesse passare per la testa, pescando nei loro ricordi di preparatissimi cinefili e audiofili incalliti, in perfetto accordo con gli autori/esecutori delle canzoni stesse, che si sono fatti condurre per mano in queste (s)ragionate follie registiche. Ci sono una Wonder Woman-casalinga disperata perché il marito Superman è sempre in giro a salvare il mondo (Syria di Se tu non sei con me), un James Bond (Renga), un Ethan Hunt (Nek), un Indiana Jones (Pezzali) in missione impossibile per conto della Musica (Duri da battere) e un girotondo valzer per Cammariere (Tempo perduto), passando persino dal rap di Neri de’ Roma, ovvero i Donny B, dove Antonio e Marco sono finanche attori nel ruolo di rapinatori.

Videografia essenziale
Se tu sei con me (Syria); HH360° (Dj Enzo); Banditi, Notte d’acqua, Zero tolleranza (Assalti Frontali); Nottetempo (La Comitiva); Strade (Tiromancino e Riccardo Sinigallia); Dove puoi respirare (Cor Veleno); Cambiamenti del mondo, Tempo perduto (Sergio Cammariere); Dio lodato (Joe Cassano); Una così (Gemelli Diversi); Maestri sull’altare (Marina Rei); Bella vera, La lunga estate caldissima, Come deve andare, Uno in più, Ci sono anch’io, Quello che capita (883); A storia e nisciuno (Nino D’Angelo); Il mondo insieme a te, Fai come ti pare, Il mio secondo tempo, Credi (Max Pezzali); Supercafone, Dimmi qual è il nome, La mossa del giaguaro, La grande onda (Piotta); Rastafestagangsta, Balla e dalla, La gabbia, Che idea, Supercar, Voglio il motorino (Flaminio Maphia); Solo una volta, Mi piaci, Gelido, La vasca (Alex Britti); La maculata di Laura, La druda e il soldato (Misero Spettacolo); Scrivilo negli occhi (Mariella Nava); Meravigliosa (la luna) (Francesco Renga); Il piatto piange (C.U.B.A. Cabbal); Più di prima (G Max); Mi Vida (Gigi D’Alessio); ‘O Bongo (Ciccio Merolla); Duri da battere (Max Pezzali, Nek, Francesco Renga).

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Lo legge, lo rilegge, lo smonta, lo analizza. Per offrire una "scansione" che chiama in causa anche la psicanalisi, la fisica e la neurobiologia. Al centro della riflessione a tutto campo c'è il capolavoro del regista Stanley Kubrick che Giancarlo Grossini ha reso protagonista del suo libro Il cubo di Kubrick ovvero "Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre" sugli scaffali per Bietti nella collana Fotogrammi (108 pagine, 4,99 euro il cartaceo, 1,99 l'eBook). Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale) questa sera, lunedì 28 novembre, sarà ospite della rassegna "Lunedì in cineteca". In [...]
Non è un film. È il film. Perché Arancia meccanica  ha segnato la storia del cinema. "Un lasciapassare per l'eternità". Così scrive Giancarlo Grossini. Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale), ha dedicato un intenso libriccino al capolavoro del regista statunitense: Il cubo di Kubrick ovvero Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre sugli scaffali per Bietti. Lunedì 28 novembre sarà protagonista all'Araldo di Novara per la rassegna "Lunedì in cineteca": la proiezione del film (1971) con copia restaurata sarà preceduta dalla presentazione del volume in compagnia dell'autore. È il "Film per antonomasia, una lezione di cinema di [...]