"L’arrivo di Wang". Il gemello di Zora

Federico Frusciante
Manetti Bros. n. 14/2022

La fantascienza è un genere storicamente poco frequentato dal cinema italiano, che tuttavia ne ha fornito alcuni grandi esempi: i film di Antonio Margheriti degli anni Sessanta, il capolavoro del genio Mario Bava Terrore nello spazio (1965), La decima vittima del dimenticato Elio Petri (1965) e qualche pellicola post-Guerre stellari (1977) come il trash-cult Scontri stellari oltre la terza dimensione (1978) di Lewis Coates (alias Luigi Cozzi, grandissimo esperto in materia).
Negli ultimi decenni, eccezion fatta per qualche raro caso indipendente o per il bellissimo – e ingiustamente maltrattato – Nirvana di Gabriele Salvatores (1997), la sci-fi nostrana è come andata il letargo, anche per mancanza di autori e produttori intenzionati a investire in progetti che sulla carta abbisognerebbero di budget elevati per stare al passo con i gigantismi dei blockbuster, statunitensi e non.
Fanno eccezione i Manetti Bros., che nel 2011 presentano alla Mostra del Cinema di Venezia – nella sezione Controcampo – L’arrivo di Wang, premiato al Trieste Science+Fiction Festival dello stesso anno, che sin dalla sua uscita provoca differenti reazioni tra la critica e viene purtroppo snobbato dal pubblico. Un vero peccato, dato che il film scritto, prodotto (assieme alla Dania film di Luciano Martino) e naturalmente diretto dai due è un vero esempio di cinema fantascientifico intrigante e con chiavi di lettura socio-politiche non scontate e per niente accomodanti – nonostante sulla lunga distanza l’idea di partenza possa sembrare eccessivamente diluita.
La trama è semplice ed efficace. L’interprete di cinese Gaia Aloisi viene condotta urgentemente a Roma, in un luogo sotterraneo, da un uomo misterioso chiamato Curti. Al suo arrivo è chiusa in una stanza completamente al buio per tradurre le parole di un uomo chiamato Wang, che si esprime soltanto in cinese. Dopo le prime domande, Gaia insiste per accendere la luce e, nonostante la reticenza iniziale, Curti accetta: si scopre che Wang è un alieno grigio e dotato di tentacoli. A questo punto l’interrogatorio diventa sempre più serrato, atto a capire cosa l’alieno sia venuto a cercare, cosa sia il piccolo oggetto al quale sembra tenere così tanto e, più in generale, quali siano le sue intenzioni.
Costata 200mila euro (con un incasso di soli 10mila) e ambientata per il 90% in una stanza  con tre personaggi in scena, l’opera si snoda mediante i costrutti del classico giallo con interrogatorio, dove tutto quel che sembra chiaro all’inizio viene ribaltato da un cinico finale.
Protagonisti un bravo Ennio Fantastichini nel ruolo – difficile e a tratti un po’ troppo “spinto” – dello spietato agente Curti e la giovane Francesca Cuttica (che lavorerà con i Manetti in Paura [2012]), che interpreta con forza e grande convinzione la giovane interprete. Sensibile e tollerante, quest’ultima è il contraltare di Curti, uomo di (non) poche parole e privo di scrupoli, specchio di un’Italia chiusa e incapace di dialogare con l’altro.
Il film si muove su due diversi binari: quello della sci-fi “alta”, dove si parla dell’umanità, delle contraddizioni che la innervano, del razzismo, della difficoltà di comunicazione, dell’immigrazione e di come venga percepita come un’invasione aliena (nel 2012, ma anche e soprattutto oggi); e quello del classico thriller a incastro, dove la sorpresa finale (invero alquanto telefonata) rivela un atto nichilista da parte dei registi che sembra quasi “usato” per colpire gli spettatori, più che per dare una necessaria morale alla storia.
Ma la pellicola funziona piuttosto bene, grazie agli effetti speciali economici ma mai “fuori” dalla storia, a una perfetta colonna sonora dei fratelli De Scalzi, a una fotografia che a tratti richiama il cinema classico degli anni Cinquanta e all’efficace umorismo nero che da sempre contraddistingue il cinema e la scrittura dei Manetti (pensiamo all’indimenticabile esordio Zora la vampira [2000], che volendo si può considerare gemello di questo Wang: lì si parlava di immigrazione attraverso la parodia del capolavoro letterario di Bram Stoker, qui mediante la classica invasione aliena, ma il risultato è lo stesso). È proprio il black humour a rendere più digeribile un epilogo che ha fatto parlare per la sua natura per niente compiacente e che, seppur efficace, risente di un certo “cattivismo” che stona, in un contesto anarchico come quello che i Bros. allestiscono in questo piccolo gioiello.
Certo non tutto fila per il verso giusto, e specialmente nella parte centrale l’opera soffre di fiato corto: la sceneggiatura a volte disperde le sue potenzialità in dialoghi sopra le righe, i tempi del montaggio non sono sempre impeccabili e l’insieme sembra più adatto a un medio che a un lungometraggio, ma al netto delle imperfezioni è impossibile non lodare i fratelli per una scelta produttiva così difficile e pericolosa per il nostro mercato che, come detto, non riesce più a percepire (ormai da decenni) il cinema di genere autoctono (che sia fantascienza o horror poco importa) come qualcosa di valido, da visionare senza pregiudizi.
Lo stesso, purtroppo, accade anche a L’arrivo di Wang, che forse non sarebbe andato così male ai botteghini se fosse uscito nel 2019, dopo il buon successo di Song’e Napule (2014) e Ammore e malavita (2017) e dopo la minuscola, recente rinascita del genere italico. Di fatto, però, il film non ha avuto nessun vero riscontro popolare – 10mila euro sono troppo pochi – stimolando al massimo una guerra tra critici, che hanno fatto a gara nell’esaltarlo o demolirlo solo per il discutibile (ma efficace) finale.
Tirando le somme ci si trova al cospetto di un’opera non sempre ben bilanciata, con momenti riusciti che si alternano ad altri troppo filo-televisivi, dove la voglia di grottesco destabilizza il racconto. Tuttavia, Wang resta un tassello importante per il nostro cinema di genere, che da piccole intuizioni e piccole produzioni come questa dovrebbe cercare di coltivare una vera e propria rinascita.
L’arrivo di Wang è un titolo minore, a volte scombinato, ma mette in mostra il talento dei fratelli romani nello sfruttare i generi, piegandoli alla loro visione, che fortunatamente non si rifà ai giocattoloni americani ma affonda le radici nel cinema di genere nostrano.

CAST & CREDITS
Regia: Manetti Bros.; soggetto: Manetti Bros.; sceneggiatura: Manetti Bros.; fotografia: Alessandro Chiodo; scenografia: Noemi Marchica; costumi: Patrizia Mazzon; montaggio: Federico Maria Maneschi (come Federico Maneschi); musiche: Pivio, Aldo De Scalzi; interpreti: Ennio Fantastichini (Curti), Francesca Cuttica (Gaia), Juliet Esey Joseph (Cynthia Amounike), Li Yong (Wang [voce]), Antonello Morroni (Max), Jader Giraldi (Falcio); produzione: Manetti Bros. Film; origine: Italia, 2011; durata: 80’; home video: Blu-ray inedito, dvd 01 Distribution; colonna sonora: I dischi dell’Espleta.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Lo legge, lo rilegge, lo smonta, lo analizza. Per offrire una "scansione" che chiama in causa anche la psicanalisi, la fisica e la neurobiologia. Al centro della riflessione a tutto campo c'è il capolavoro del regista Stanley Kubrick che Giancarlo Grossini ha reso protagonista del suo libro Il cubo di Kubrick ovvero "Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre" sugli scaffali per Bietti nella collana Fotogrammi (108 pagine, 4,99 euro il cartaceo, 1,99 l'eBook). Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale) questa sera, lunedì 28 novembre, sarà ospite della rassegna "Lunedì in cineteca". In [...]
Non è un film. È il film. Perché Arancia meccanica  ha segnato la storia del cinema. "Un lasciapassare per l'eternità". Così scrive Giancarlo Grossini. Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale), ha dedicato un intenso libriccino al capolavoro del regista statunitense: Il cubo di Kubrick ovvero Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre sugli scaffali per Bietti. Lunedì 28 novembre sarà protagonista all'Araldo di Novara per la rassegna "Lunedì in cineteca": la proiezione del film (1971) con copia restaurata sarà preceduta dalla presentazione del volume in compagnia dell'autore. È il "Film per antonomasia, una lezione di cinema di [...]