Andrea Tagliapietra: «Icone della fine»

Mitsuharu Hirose
L’altra faccia della moneta – Per una filosofia della sovranità politica e finanziaria n. 4/2013
Andrea Tagliapietra: «Icone della fine»

Che cosa evoca la parola fine? Fine individuale, fine del mondo, Apocalisse? O forse solo una paradossale, istantanea transizione tra ciò che ha tempo e ciò che non ne ha? Per quanto sia impossibile fissare questo concetto univocamente, ogni epoca ha cercato di rappresentare le suggestioni che esso suscita tramite miti, filosofia e arte, seguendo lo scorrere dell’evoluzione del pensiero. Ma cosa implica la fine, per come è stata interiorizzata dall’uomo nel corso della sua storia? Le interpretazioni sono naturalmente innumerevoli, così come gli ambiti a cui essa viene associata. Andrea Tagliapietra, filosofo e docente presso l’Università San Raffaele di Milano, ci accompagna lungo un percorso che comincia dalla ripresa di miti (religiosi e non), teorie e idee elaborati nel corso dei secoli. Icone appunto, che al pari delle immagini sacre ortodosse ci permettono di “toccare e vedere ciò che per altro è e rimane invisibile e inattingibile” (p. 11). Questo insieme di rappresentazioni si è rivelato propedeutico allo sviluppo delle attuali icone della fine, contemporanee metafore  visive che, grazie ai moderni mezzi di comunicazione, oggi popolano il nostro immaginario massificato. L’autore le seziona con un occhio di riguardo nei confronti della cinematografia, ovvero la più giovane delle arti, in rapidissimo divenire e destinata ad un enorme bacino di fruitori. Lo studio è caratterizzato da un costante parallelismo tra immagini antiche e moderne, tramite cui emergono tratti comuni e divergenze tra percezioni presenti e passate della fine. Analogie e differenze sono evidenziate tramite la moltitudine di riferimenti attinti da tutto il bacino del sapere occidentale. Tra di essi spiccano numerose pellicole (tra cui alcune di grandissimo successo come Apocalypse Now o 2001-Odissea nello spazio) ma anche testi sacri, opere filosofiche e letterarie. Il testo si avventura in diverse sfaccettature del concetto di fine. Si comincia dall’Apocalisse, evento carico di significati religiosi e millenaristici, “rivelazione” che apre ad una nuova fase; la sua concezione è condivisa da culture e religioni diverse tra loro ed oggi può rispecchiarsi nell’emblematica immagine dell’affondamento del Titanic, che trascina con sé, oltre a migliaia di vite umane, la certezza di una modernità illuminata dal progresso. Si prosegue analizzando le immagini del tempo, che nella nostra epoca trovano la massima espressione proprio nella cinematografia, immagine in movimento, che proprio grazie al fluire del tempo riesce a mostrarne l’evoluzione. L’autore trova nel sopracitato film di Kubrick una delle massime espressioni di “temporalità come soggetto stesso della rappresentazione” (p.58): immagini in trasformazione si scontrano con le apparizioni di un misterioso monolite dagli arcani significati. La settima arte è chiamata in causa anche nel capitolo dedicato alle immagini dell’estremo: Schindler’s List di Spielberg e La Nona Porta di Polanski sono omologhi moderni delle visioni infernali dantesche e di Hieronymus Bosch. Passando per le immagini della fine individuale, l’opera si completa con quelle della fine collettiva, che presenta, tra l’altro, un’accurata analisi di Don Giovanni, eroe moderno che esalta l’abbandono ai propri sensi, contrapposto alla severità della morale religiosa del suo tempo. Assieme al lungo percorso contenutovi, le infinite citazioni e i continui accostamenti tra immagini rendono Icone della fine una ricchissima miniera per approfondimenti sul tema. Andrea Tagliapietra, Icone della fine. Immagini apocalittiche, filmografie, miti, Il Mulino, Bologna 2010, pp. 218, euro 13,60.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]