Hume contra Rousseau

Saverio Paletta
Jorge Luis Borges – Il Bibliotecario di Babele n. 12/2017
Hume contra Rousseau

A un primo impatto, il carteggio tra David Hume e Jean-Jacques Rousseau ricorda una commedia degli equivoci vec­chio stile: dietro raccomandazione della contessa di Boufflers, di cui era follemente innamorato, Hume accoglie in Inghilter­ra Rousseau, fuggiasco dalla Francia per sottrarsi a un ordine di cattura. Questi ri­cambia l’accoglienza nel suo solito modo, a dir poco bizzarro (e noto, c’è da dire, all’intellighenzia europea della seconda metà del Settecento): dapprima ostenta la più grande, affettuosa riconoscenza; poi, in seguito alla pubblicazione di una lettera canzonatoria firmata Federico II di Prussia, ma in realtà opera dello scrittore Horace Walpole, inizia a sospettare del suo ospite e rompe l’amicizia con una serie di lettere violentissime, cui Hume replica con garbo, con il solo obiettivo di smonta­re le accuse dell’ex amico. Il filosofo scoz­zese, infine, dà alle stampe il carteggio, per evitare che il ginevrino renda pubblica la propria versione dei fatti e gli rovini la reputazione.

In Contro Rousseau, fresco di stampa per i tipi di Bietti, viene ripub­blicato integralmente questo carteggio, la cui prima – e finora unica nonché, va da sé, introvabile – edizione italiana risale al 1767. Questa riedizione, un vero e proprio scoop editoriale, è stata diretta con gusto filologico da Spartaco Pupo, docente di Storia delle dottrine politiche all’Univer­sità della Calabria.

Non è la prima volta che Pupo si confronta con il pensiero poli­tico di Hume: già in Libertà e moderazio­ne (Rubbettino, 2016), aveva fornito una rilettura originale del pensatore scozzese, secondo la quale il padre dell’empirismo sarebbe stato nientemeno che l’antesi­gnano del conservatorismo, precursore di Edmund Burke. A questa lettura Pupo ag­giunge elementi importanti nella prefazio­ne a Contro Rousseau, significativamente intitolata Due pensatori agli antipodi nel secolo dei Lumi: proprio il paragone col teorico del contratto sociale rafforza la tesi del conservatorismo di Hume.

Vediamo come. Critico di quel contrattualismo che proprio in Inghilterra aveva avuto in Tho­mas Hobbes e John Locke due importanti precursori, Hume aveva un’impostazione fortemente storicista e si era formato sui classici della storia e del pensiero politico antichi, di cui – annota Pupo – era il mag­gior esperto della sua epoca. Rousseau, al contrario, attingeva ai legisti francesi e ai giuristi dell’età barocca. Non è un caso, allora, che il filosofo ginevrino faccia pro­prio il contrattualismo e, anzi, lo porti alle estreme conseguenze con un egualitari­smo spinto e la nozione di volontà genera­le. Al contrario, il pensatore scozzese fon­da l’autorità politica sul semplice possesso del potere, a prescindere dal modo in cui lo si è ottenuto. È appena il caso di notare come quest’ultima considerazione, con cui Hume si riallaccia alla grande tradizione del realismo politico, inizi un percorso di cui si avranno importanti tappe in giganti come Weber e Schmitt.

Ma la compara­zione operata da Pupo ha un merito ulte­riore: dilatare il concetto di Illuminismo. Un pensiero il quale, più che movimento culturale in senso stretto, è un metodo. Ed è un’acquisizione scientifica importante: vuol dire che la destra e la sinistra contem­poranee sono nate dal brodo di coltura il­luminista. Vi pare poco?

David Hume, Contro Rousseau, a cura di Spartaco Pupo, Edizioni Bietti, Milano 2017, pp. 152, € 14.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]