Lovecraftiana

Valerio Morosi
H.P. Lovecraft #2 – L’orrore cosmico del Maestro di Providence n. 8/2014
Lovecraftiana

Non poteva mancare, in questo numero di «Antarès», una segnalazione di «Studi Lovecraftiani», rivista interamente dedicata allo scrittore di Providence giunta, con il numero dell’inverno 2013, alla sua tredicesima uscita. Senza ombra di dubbio gli appassionati conosceranno già questo periodico, che dalla sua comparsa, nel 2005, si è guadagnato la fama d’irrinunciabile pubblicazione. Questo nuovo numero si presenta graficamente rinnovato e aumentato in maniera esponenziale nel contenuto; praticamente raddoppiato, consta ora di duecentoquarantadue pagine. Diversi tanto negli argomenti quanto negli stili sono gli articoli ospitati dalla rivista: «Studi Lovecraftiani» si conferma essere un contenitore eterogeneo, in cui è possibile trovare sia approfondimenti letterari di spessore sia piacevoli curiosità. Del primo gruppo fanno parte, ad esempio, lo studio sulle architetture presenti nei racconti di Lovecraft, opera di Andrea Becherini e Massimo Bencistà, oppure quello di Umberto Sisia, inerente i parallelismi tra la poetica dello scrittore del New England e l’austriaco Gustav Meyrink, autore de Il Golem e Il domenicano bianco. Escursioni più brevi ma comunque meritevoli sono invece l’articolo di Andrea Zaccaria sui rapporti tra il Nostro e le scoperte della fisica del tempo, e il breve divertissement di Lorenzo Davia, che si sofferma sulle citazioni di Lovecraft contenute in alcuni videogiochi (testimonianza del concretizzarsi dell’immaginario mitologico dell’autore nella memoria collettiva). Una menzione a parte merita sicuramente quello che è il piatto forte offerto dalla rivista: la traduzione italiana di un inedito lovecraftiano. Intitolato The pool, lo scritto ci mostra uno spaccato del metodo di revisione dei testi utilizzato dal Solitario di Providence. È nota infatti l’attività di lettore di racconti altrui che lo impegnò largamente, specialmente durante l’ultima parte della sua vita, e che in genere si concludeva in maniera più o meno evidente con la metabolizzazione del racconto all’interno del ciclo narrativo dedicato agli Antichi. Anche lo scritto in questione, a firma dell’amico Wilfred B. Talman, soccombette implacabilmente alla voracità lovecraftiana, che impose il proprio marchio indelebile sulle vicende legate a un pozzo maledetto, connessione tra il mondo reale e quello delle mostruose divinità che popolano il mondo lovecraftiano. Un fatto che ha dell’incredibile sta poi dietro alla curiosa storia di questo manoscritto: posseduto dal collezionista Gerry de la Ree, fu un suo corrispondente – il cui nome sarebbe diventato famoso per altre tristi faccende – a trascriverlo dalla minuta e intricata grafia di Lovecraft e a pubblicarlo per primo sulla fanzine «The Crypt of Chtulhu». Colui che si sobbarcò questo paziente lavoro fu infatti Mark Chapman, più conosciuto come assassino di John Lennon che come esegeta lovecraftiano. Un intreccio di storie decisamente inaspettato, che ha indotto gli amanti delle dietrologie ad avanzare l’ipotesi che fosse stato proprio questo manoscritto maledetto ad avere insinuato il tarlo della pazzia nella mente di Chapman… Più prosaicamente, verrebbe da dire che nulla vieta agli squilibrati di interessarsi di buona letteratura, oltre che di buona musica. Altra menzione necessaria è la presenza di un’accurata sezione bibliografica, contenente numerose segnalazioni dei più recenti saggi dedicati allo scrittore di Providence, nonché un’esaustiva rassegna di tutto ciò che su Lovecraft si è pubblicato tra il 2010 e il 2013. Da non perdere. «Studi Lovecraftiani», a. VIII, n. 13, inverno 2013, a cura di Pietro Guarriello, Dagon Press, 2013. Info e ordini: studilovecraft@yahoo.it.

 

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]