Jacques Bergier, ovvero l’alba dello yogin

Gianpiero Mattanza
Dylan Dog – Nostro orrore quotidiano n. 16/2020
Jacques Bergier, ovvero l’alba dello yogin

Due libri di Jacques Bergier, due immagini evocative: nella prima una fila di uomini dà le spalle al lettore, osservando con attenzione il cosmo (l’opera è Osservatorio, di Giuseppe Vassallo). Sembrano confabulare tra loro. Il colore della loro pelle è lo stesso del cielo nel quale sono immersi. La copertina è minimalista ma piena, uno dei tratti distintivi della casa editrice il Palindromo: si tratta di Elogio del fantastico. Tolkien, Howard, Machen e altri demiurghi dell’Immaginario. Questi sono i profeti del culto di Bergier. Molto diversi tra loro, anche in termini di successo, ma tutti immersi nella necessità vitale della creazione letteraria: se la realtà materiale è dura, la facoltà creatrice dell’uomo, come acqua contro un sasso, sa scivolare oltre la volgarità dell’apparentemente insuperabile per raggiungere altre vette e, da qui, mondi differenti.

L’altro volume, targato Bietti, ha una copertina che gioca sul conflitto cromatico tra arancione e azzurro. Vi ammicca l’occhio miope, ma dalla profondità cosmica, dell’autore. Una vaga flessione della bocca, che però non scivola nel sorriso. Gli occhi, sì: quelli sorridono eccome. Forse il contrasto dell’immagine identifica la stravagante storia, fatta di altrettanti contrasti, che vi è raccontata. Si tratta di Io non sono leggenda, l’incredibile autobiografia di Bergier, noto ai più come coautore con Louis Pauwels de Il mattino dei maghi, vero varco verso l’Altrove. Il Palindromo e Bietti hanno intenti convergenti nella volontà di presentare al pubblico nostrano due testi inediti in italiano. “Mandante” e autore materiale della bicipite impresa è l’instancabile Andrea Scarabelli.

Passiamo ora all’autore. Yàkov Mikhàilovich Bérger è un ebreo di Odessa, classe 1912. Essere della schiatta di Sem in quel momento e in quel luogo non è facile, perché l’antisemitismo non è solo spazzatura ideologica da Terzo Reich. La famiglia del futuro autore è nota per le proprie simpatie rivoluzionarie, quindi nell’ambito della controrivoluzione non ha vita facile. Yàkov è un bambino dall’acume incredibile: parla già varie lingue, legge tre quotidiani al giorno… Le cose si mettono male e i Bérger hanno la prontezza di trasferirsi; destinazione: Polonia. Qui il giovane ha la possibilità di conoscere la fantascienza: legge avidamente «Torpeda», dove incontra gli autori dell’ambito in cui diventerà una vera e propria autorità. Qui, fra l’altro, si avvicina per la prima volta ad alcuni di quei demiurghi dell’Immaginario che descriverà decenni dopo, con dovizia di particolari, in Elogio del fantastico, vero e proprio catalogo di scrittori eccellenti (non solo di fantascienza).

Qualche tempo dopo, la coraggiosa famiglia di Odessa decide di raggiungere la meta finale del proprio esodo: la Francia, luogo che favorisce una metamorfosi anagrafica. Qui Yàkov Bérger diventa Jacques Bergier. Qui, come è ben descritto in Io non sono leggenda, l’interesse per la materia e ciò che la supera si concretizza anche nell’impegno scolastico in vari istituti, fino alla laurea in ingegneria chimica, conquistata – a onore del vero – per motivi meramente alimentari. Jacques, tuttavia, ha fatto male i propri calcoli, perché i primi anni saranno per lui economicamente difficili. Mai, tuttavia, come quelli della Seconda guerra mondiale, che il Nostro avrà la sventura di assaporare in tutta  la loro immonda amarezza.

Rispondendo al proprio Dharma, Bergier fa ciò che dev’essere fatto: si impegna attivamente nella resistenza ai Lanzi contemporanei. Fino in fondo: i cancelli di Neue Bremm e Mauthausen diventano per lui le porte di un gelido oltretomba. Un Cocito contemporaneo al quale Bergier, dannato senza colpa, reagisce con l’ascesi yogica. In quell’aberrante devianza transtorica che è il Grande Sacrificio, il fumo del quale forse aleggia ancora nel non-tempo cosmico, l’autore raggiunge la dimensione incommensurabile della mutazione esistenziale dopo l’orrore, compiendo l’esperimento demiurgico supremo: vivificare se stesso in prossimità della Fine. Prima e dopo la cattura, trova però anche il tempo di fare l’agente segreto e la spia, in alcuni casi contribuendo a muovere il timone della storia, come narrato nel libro di Bietti. Nel Grande Gioco a cui partecipa, nell’abisso dell’abominio, la percezione di una possibile luce lo salva.

Il genere fantascientifico contribuisce a vivificare quella luce, divenendo l’orifiamma di una religione antica ed eterna, vessillo di realtà dimenticate, scritte in geroglifici o attraverso le complicate formule delle scienze esatte. Bergier è un uomo quadrimensionale, un uomo oltre il cronotopo. Perché la fantasia scientifica piega lo spazio e il tempo. La quarta dimensione, nella quale Bergier respira, diventa qualcosa di viscoso, non più scandito dai tenui ticchettii di un orologio invisibile eppure ineluttabile.

I due libri citati fanno questo: prendono da una mensola polverosa dell’inconscio collettivo alcune delle risposte di cui abbiamo bisogno e, attraverso la figura di un grande autore, le rendono visibili, in parte interpretabili. Solo alcuni scaffali di certi negozi di anticaglie dello spirito possono vantare simili rarità. Se solo il mondo riuscisse a capire il proprio immenso bisogno d’immaginazione, di fantasia creatrice…

Forse a Bergier, per innata umiltà, piaceva pensare d’essere semplicemente un ebreo scampato ai campi di concentramento che, in qualche modo, si occupava di tecnologia. Ma noi oggi conosciamo la sua vera identità: egli era Le Sorcier. Un mago che, seguendo la propria cometa, carpì preziosi doni da Altri Mondi, portandoli prometeicamente nel nostro.

Jacques Bergier, Elogio del fantastico. Tolkien, Howard, Machen e altri Demiurghi dell’Immaginario, a cura di Andrea Scarabelli, introduzione di Gianfranco de Turris, il Palindromo, Palermo 2018, pp. 332, € 22,00; Io non sono leggenda. L’autobiografia dell’autore de «Il mattino dei maghi», a cura di Andrea Scarabelli, Edizioni Bietti, Milano 2019, pp. 350, € 20,00.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]