Via San Marco 12

Andrea Scarabelli
Dino Buzzati – Nostro fantastico quotidiano n. 13/2018
Via San Marco 12

Ci sono molti modi di visitare una città. Da soli o in coppia, secondo gli itinerari pattuiti dalle guide o da GoogleMaps oppure guidati dal caso, come fece Meister Goethe percorrendo in lungo e in largo il Belpaese. Michele Turazzi ha scelto di affrontare Milano voltando le pagine dei libri, tracciando la geografia alternativa di una Milano di carta, come titola il suo ultimo libro, appena uscito per il Palindromo. Una vera e propria Guida letteraria pronta a svelare l’estetica che il capoluogo lombardo cela in sé – non vi è come Milano a nascondere, pudicamente, la bellezza. Ma se letteratura è ciò che scopre e disvela il bello – senza peritarsi di sviscerarlo dalle pieghe del reale – allora Milano è una città letteraria come poche. E questo libro ne è la testimonianza: profili e memorie, romanzi e poesie, sullo sfondo i cocktail di Hemingway in Galleria e i Navigli della Merini, la Brera di Bianciardi e le periferie di Testori. Scerbanenco, Vittorini, Gadda e poi… Dino Buzzati. La sua è una Milano misteriosa e notturna, una terra di nessuno, una frontiera interiore più che un luogo vero e proprio. In quella città una fermata della metro può dare su un’altra dimensione e nella penombra di cortili e case di ringhiera è possibile fare incontri bizzarri e inattesi. Trovarla è facile: basta muoversi – a piedi, naturaliter – tra via San Marco e via Solferino, tra corso Garibaldi e piazza Castello. Magari preferendo il silenzio dei vicoli al chiasso dei saldi, le porticine in legno al chilometro zero di Farinetti & Co. Ecco allora apparire, come scrive Turazzi, «la zona più profondamente buzzatiana, quella che attraverserà per tutta la vita andando in ufficio e quella che farà attraversare ai propri personaggi». Giovanissimo, Dino Buzzati visse proprio in Via San Marco, al 12. Lì passava un naviglio che si congiungeva alla Martesana. L’aveva scelta sua madre, quella casa: diceva che lo scorcio la riportava a Venezia… Ora quel naviglio è secco, ma intorno ad esso rimane ancora una certa atmosfera, l’aura di una città perduta e finalmente ritrovata. Vedere per credere. Michele Turazzi, Milano di Carta. Guida letteraria della città, il Palindromo, Palermo 2018, pp. 168, € 15,00.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]