"Troppo forte". Caleidoscopio di immagini popolari

Adriano Aiello
Carlo Verdone n. 12/2019

Nell’immaginario, o perlomeno nella memoria, Troppo forte (1986) rappresenta l’ultimo modello di un certo cinema popolare, fruito in sala con rituali gioiosi che da lì a poco si sarebbero persi. A suo modo, è anche l’ultimo film di Carlo Verdone che chi scrive ha visto con lo spirito dei tempi. Chiude un cerchio, per quanto successivamente il regista abbia realizzato lavori migliori (pochi in verità: Compagni di scuola [1988], Maledetto il giorno che ti ho incontrato [1992]). Erano proiezioni rumorose e affollate; a posti terminati ci si sedeva anche per terra o sui gradini, capitava di rimanere in sala a visione conclusa, per un bis o per rivedere l’inizio che si era perduto nella ricerca del parcheggio. Così almeno funzionava a Roma, quando ancora non avevo dieci anni. Quello di Verdone era un cinema da mandare a memoria, antropologia allargata e ingigantita di un mondo fatto di bulli e bamboccioni (o motociclisti di borgata nullafacenti e impallinati per il cinema muscolare, secondo il soggetto di Sergio Leone), che sapeva conquistare lo sguardo e soprattutto l’udito. Lungi da essere opera indimenticabile, appesantita dalla presenza invadente di un Alberto Sordi allucinato e da una scrittura rigida e slabbrata, Troppo forte è un febbrile caleidoscopio di immagini popolari che rievoca gli ultimi di gridi di Cinecittà, ma è soprattutto una successione mai domita di scene di culto. Dal leggendario monologo sul flipper («Lavori troppo di polso e usi male l’avambraccio») con cui Verdone presenta il suo Oscar Pettinari, agli «anticorpi coi controcoglioni» della Palude del (grande) caimano, fino all’amaca crepuscolare. Il romanticismo è posticcio, ma si ride di gusto. Inutile chiedere altro. Fortunatamente.

 

 

CAST & CREDITS

Regia: Carlo Verdone; soggetto: Sergio Leone, Rodolfo Sonego, Carlo Verdone; sceneggiatura: Sergio Leone, Rodolfo Sonego, Alberto Sordi, Carlo Verdone; fotografia: Danilo Desideri; scenografia: Franco Velchi; costumi: Raffaella Leone; montaggio: Nino Baragli; musiche: Antonello Venditti; interpreti: Carlo Verdone (Oscar Pettinari), Stella Hall (Nancy), John Steiner (mr. Adams), Alberto Sordi (avvocato Giangiacomo Pigna Corelli in Selci), Sal da Vinci (Capua), Mario Brega (Sergio), Franca Dominici (Domitilla), Michele Mirabella (avvocato); produzione: Augusto Caminito per Scena Film; origine: Italia, 1986; durata: 105’; home video: dvd Mustang Entertainment, Blu-ray inedito; colonna sonora: Heinz Music.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]