"Io e mia sorella". Ridere per non piangere, sopravvivere alla famiglia

Ilaria Floreano
Carlo Verdone n. 12/2019

Se chi, oggi, si impegna a difendere la “famiglia tradizionale” volesse sostenere la propria tesi con un film, troverebbe in Io e mia sorella un valido alleato: perché chi altri potrebbe sopportare le bizze di una sorella bigama, con figlio a carico, sessualmente allegra, irascibile, incostante, facile allo sputo e al vilipendio di autorità, se non un fratello?
Il film di Carlo Verdone con co-protagonista Ornella Muti – che lo girò mentre era incinta – incassò quasi 9 milioni di lire conquistando l’ottavo posto al box office della stagione 1987-1988, ma ancora adesso rappresenta uno dei lavori più felici del suo autore, che vi si sbizzarrì sia per ambientazioni (da Spoleto a Brighton, passando per Budapest), sia per intuizioni narrative e registiche.
Il primo movimento di macchina, solenne in avanti, ci introduce a un teatro dove il mite clarinettista Carlo Piergentili sta partecipando insieme alla moglie violoncellista Serena alle prove generali di un concerto. Tutto va bene finché Carlo non riceve una chiamata che lo conduce, attraverso l’elegante passaggio della musica classica dal piano diegetico a quello extra-diegetico, al capezzale della madre morente, i cui ultimi pensieri – «L’hai trovata tua sorella? Stalle vicino. Promettimelo» – ricevono una risposta secca – «Non si sa nemmeno dove sta, ’sta stronza» – ma certamente influenzeranno ciò che accadrà.
È bastata una manciata di minuti per definire due interi universi di senso: la tranquilla vita casalinga in una cittadina polverosa del fratello; la screanzata sarabanda esistenziale in giro per il mondo della sorella.
In questa fase della sua carriera Verdone ha già trovato la quadratura del cerchio tanto della sua comicità peculiare quanto del suo modo di girare e, sempre nei primi minuti, strappa una risata sillabando al telefono un cognome greco cui è destinato un telegramma molto triste, e a rappresentare il passaggio della genitrice da «gravissima» a «deceduta» restando immobile con la macchina da presa sul corridoio vuoto in cui il suo personaggio cammina, prima tornando alla e poi provenendo dalla stanza in cui è avvenuta la cosa più spaventosa di tutte (modalità tra le più raffinate mai viste in una commedia italiana anni Ottanta).
Poi arriva Silvia come una folata di vento dai lunghi capelli che spariglia le carte, trasportata da una piccola utilitaria scalcagnata che la deposita sulla grande piazza di Spoleto dove si è appena concluso il funerale della mamma. Carlo stringe forte Silvia, che si dispera per non essere arrivata prima e poi chiede agli intervenuti se hanno gettoni per fare una telefonata. Di nuovo Verdone dosa con equilibrio una scena dal perfetto british humour: mentre Silvia con i suoi gettoni va a una cabina e comincia a urlare nella cornetta, Carlo deve sedare gli animi di parenti e conoscenti i quali, dopo aver offerto le più sentite condoglianze (pronunciate in sequenza a comporre il bigino del bravo ospite di esequie – con i complimenti di Pasquale Festa Campanile e del suo Povero Piero), cominciano a sbuffare lamentandosi. Di nuovo in una singola sequenza Verdone condensa le coordinate della sua traiettoria drammaturgica: Silvia che non si ricorda del vecchio zio, che se ne frega delle circostanze, che ha casini da risolvere, Carlo che la aspetta, la asseconda, la protegge – per non parlare del primo scambio di battute tra cognate, siglato da un bacio gelido.
Il resto del film sarà tutto un saliscendi di emozioni all’inseguimento della donna infantile, egoista, istintiva fino alla crudeltà, che si affeziona a gattini spauriti e disattende ogni regola della buona convivenza, risolvendo i conflitti chiedendo se può mangiare la frittata. Sempre in fuga, incerta tra desiderio di farsi guidare («Ditemi voi quello che devo fare!») e volontà di ribellione («La vita è mia e non accetto consigli da nessuno, chiaro?»), in balia di uomini che vogliono decidere per lei e che lei poi abbandona senza tante spiegazioni. Un personaggio tutt’altro che facile da sbozzare e interpretare, a rischio com’è di risultare caricaturale e antipatico: ma la Muti colpisce nel segno aiutata, come capita spesso ai co-protagonisti di Verdone, da quei momenti di pausa dal vortice della comicità in cui vengono rivelate fragilità e paure, insomma le crepe di ogni buon pagliaccio. In questo caso, la nostalgia verso un figlio abbandonato e il timore più atroce: «Che se ne fa di una madre così?».
Viaggiare fino a Budapest per riprendersi il piccolo Zoltan – perché «se tu non ti senti madre, io mi sento molto zio» – diventa l’occasione per un’avventura «oltre cortina» che regala scene memorabili, tra cui quella del rapimento del bambino dall’orfanotrofio è un piccolo cult (Carlo che, facendo piedino sotto il tavolo atteggiandosi a mandrillo, cade con la sedia all’indietro; Carlo che segnala alla sorella di aver compiuto la missione con un accendino e dà fuoco alla tenda, «Oddio mo’ s’alimenta!»; Carlo che consegna a sua sorella una bambina e al secondo tentativo sentenzia: «Se non è questo, adottalo»). Se la parentesi finale a Brighton sembra soprattutto l’occasione per dichiarare l’anglofilia di Verdone e mettere in scena un dialogo malinconico dissolvendolo nel vento che batte le scogliere bianche di Cornovaglia, la scelta dell’Ungheria, nel 1987, è più significativa, dando lo spunto per battute («Ma chi deve parla’, Gorbachev?») e situazioni che restituiscono il sapore del tempo e mostrano la sensibilità allo Zeitgeist del regista: l’“educatrice” dell’istituto in cui è stato parcheggiato Zoltan, rumena, che rimpiange il suo «amore italiano» e si getta nelle braccia di Carlo con la segreta speranza di poterlo raggiungere in Italia, il matrimonio-lampo di Silvia con il campione di tuffi dell’Est che rievoca una pratica all’epoca frequente e dalle conseguenze pericolose, come tre anni dopo avrebbe raccontato anche Occhio alla perestrojka
Nel marasma di amanti, litigi, riconciliazioni resta un fatto: l’ultima parola pronunciata nel film è «Papà». La dice Zoltan per chiamare Carlo: cioè il fratello che, nonostante non fosse “giusto”, ha sempre aiutato sua sorella, ha «continuato a volerle bene», fino a farsi mandare a quel paese dalla moglie e incassare con un sorriso anche l’ultima assurdità di Silvia (che commenta la scelta della cognata con un «dovevi aspettartelo, mica è facile vivere con te Carlo»); cioè lo zio la cui imitazione del coniglietto prima ha spaventato il bambino e qualche mese dopo è diventato il suo gioco preferito (bella pinza di sceneggiatura, un po’ come quella magistrale “del french toast” di Dustin Hoffman in Kramer contro Kramer [1979]).
Zoltan dice «papà» e Carlo istintivamente si gira, perché sì, è lui il papà. Perché sì, la famiglia è il sangue, ma soprattutto è un esserci e un restare. Nonostante tutto.

 

 

CAST & CREDITS

Regia: Carlo Verdone; soggetto: Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Carlo Verdone; sceneggiatura: Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Carlo Verdone; fotografia: Danilo Desideri; scenografia: Emilio Baldelli; costumi: Luca Sabatelli; montaggio: Antonio Siciliano; musiche: Fabio Liberatori; interpreti: Carlo Verdone (Carlo Piergentili), Ornella Muti (Silvia Piergentili), Elena Sofia Ricci (Serena), Mariangela Giordano (Nadia), Galeazzo Benti (avvocato Sironi), Tomas Arana (Gábor), Veronica Lazar (giudice dei minori); produzione: Mario e Vittorio Cecchi Gori per C.G. Silver Film; origine: Italia, 1987; durata: 111’; home video: dvd CG Entertainment, Blu-ray inedito; colonna sonora: inedita.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]