Editoriale

Ilaria Floreano
Carlo Verdone n. 12/2019
Editoriale

Riconosci un autore di commedia dal numero di battute cult con cui ha inciso le rupi dell’immaginario collettivo. Se tali battute sono calate in un contesto a cui non appartieni, vuol dire che hanno centrato il bersaglio dell’universalità. Se vengono pronunciate in un dialetto che non è il tuo e ti fanno sganasciare, vuol dire che l’autore in questione è un talento di razza. Se, ancora, l’autore in questione è il preferito di tuo padre, il numero di battute cult mandato a memoria subirà una crescita esponenziale e potrebbe arrivare a inserirsi nel tuo lessico famigliare. Dunque, «ah puffo, che me tiri una penna?»: ecco, partiamo.

Poter dedicare il numero #12 di INLAND. Quaderni di cinema a Carlo Verdone è per svariati motivi fonte di immensa soddisfazione. Un po’ perché nasce per il terzo anno di fila dalla felice collaborazione con il festival Presente Italiano di Pistoia, che omaggia l’autore romano il 4 e 5 ottobre 2019 proiettando quattro dei suoi 26 lungometraggi (del ventisettesimo, Si vive una volta sola, si sono appena concluse le riprese). Un po’ perché, come ormai è diventato consueto (ma guai a considerarlo scontato o facile), il direttore Claudio Bartolini è riuscito a coinvolgere nuove, prestigiose firme, grazie anche al contributo di Roy Menarini che ha co-curato il fascicolo: la presenza di quest’ultimo e la costanza con cui a ogni uscita le fila dei nostri contributori si rinsaldano e ingrossano sono un segnale inequivocabile di quanto siamo cresciuti. Crescita confermata dalla gioia con cui Carlo Verdone in persona ha accolto l’idea di un numero dedicato alla sua carriera, a suggello del riconoscimento che INLAND continua a ricevere sia dal pubblico sia da addetti ai lavori, critici, giornalisti o appunto registi che siano.

Un po’, infine, perché la nostra rivista è nata, ormai quattro anni fa, con l’intento di offrire ai lettori – insieme ai libri Bietti Heterotopia – scritti di pregio dedicati, da una parte, al lavoro di autori poco o affatto o male conosciuti, dall’altra ad autori fin troppo conosciuti, ma non del tutto o per niente compresi nella loro totalità; e pensiamo di avere mantenuto fede all’intento anche in questo caso.

Carlo Verdone può infatti essere incluso nel novero dei registi la cui vocazione a fare un cinema popolare (come lui i fratelli Vanzina a cui abbiamo, non a caso, dedicato il nostro numero #7; non è un caso nemmeno che Enrico di Verdone sia grande amico) è diventata una ragione per non considerarlo autore. L’etichetta “popolare”, si sa, una volta affibbiata è difficile da levare (come tutte le etichette, in effetti), tanto più in Italia dove sottintende una facilità di scrittura, una velocità di realizzazione, una routine di pratiche e temi, una preminenza del volto sul movimento di macchina (leggi del mattatore sul regista, soprattutto quando coincidono) tali per cui non è il caso di spenderci troppe parole o analisi.

Ma da ormai diversi numeri (Martino, Soavi, Lado, Avati) stiamo cercando di – e crediamo di essere riusciti a – dimostrare che oltre all’incasso al botteghino, oltre alla risata di pancia, oltre alle griglie di genere, oltre al tormentone può esserci, e in effetti c’è, di più. Lo ribadiamo nel numero che state per leggere, grazie all’intervista ad hoc con il regista e alle riflessioni sagaci dei nostri contributori.

Carlo Verdone si è dedicato anima, cuore e faccia a un cinema schiettamente popolare, è il “Woody Allen nazionale” per prolificità, percentuale di riuscita, abilità nel miscelare commedia e dramma, talento nel cogliere l’aria che tira, spesso anticipandola. Ma lo ha fatto con coerenza pur nella versatilità, e solidità pur nella leggerezza. Con in più un pessimismo leopardiano probabilmente unico nel panorama nostrano: come il poeta, ha dimostrato da subito di avere una profonda consapevolezza dell’ontologica meschinità dell’essere umano. Ma questo, lungi dal renderlo acido o cinico, lo ha condotto al contrario a un’inscalfibile, bonaria (non buonista) generosità: Verdone tratta tutti i suoi personaggi, anche quelli più orribili (e ne ha riprodotti tanti), con gentilezza. Perché sa che stanno combattendo una segreta battaglia. E questo ha un significato.

Qu’est-ce que c’est un auteur? Nelle prossime pagine ve ne presentiamo uno.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

I fatti di cronaca nera permettono certamente di comprendere al meglio una data realtà sociale. Ne evidenziano i meccanismi, ne esplicitano i segreti, fanno emergere il tessuto crudele che le sottende. Il crimine interviene nello spazio di ciò che Freud ha definito unheimlich, ossia il perturbante che spaventa ma che risale a quanto ci è noto da lungo tempo e in qualche modo ci è familiare. Il cinema che tratta di questi argomenti sublima questo concetto e permette a tutti gli spettatori di metabolizzare un fatto efferato e al contempo tracciare la storia di un intero Paese. Quello italiano in particolare è [...]
Un’opera immensa tra cinematografia e letteratura, un lungo viaggio nelle trame dei film, nella tentazione del male e nelle riflessioni storiche politiche dei nostri più importanti intellettuali degli anni del Dopoguerra: dalla frenesia del riscatto di chi voleva lasciarsi alle spalle le macerie e gli orrori della guerra, alla ripresa economica dell’Italia, agli anni della strategia della tensione.Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano (Bietti Edizioni, 2022) racchiude lo studio di tanti anni, più di un decennio, nei quali l’autore ha visto, rivisto e analizzato film, letto documenti cartacei e visivi, esaminato articoli [...]