Calcio, letteratura e sacro

Andrea Scarabelli
4-4-2 – Calciatori, tifosi, uomini n. 14/2019
Calcio, letteratura e sacro

Secondo il purtroppo semi-dimenticato Jean Parvulesco, autore di Le retour des Grands Temps e La spirale prophétique, in un’epoca materialista come la nostra il sacro sceglie come terreno d’elezione il romanzo (specie se fantastico). La pensava così anche Vladimir Dimitrijević, fondatore della casa editrice L’Âge d’Homme, in cui riversò intere opere di questo tipo. Non è altrettanto noto, però, che Dimitrijević fu anche un fanatico di calcio, che non solo seguì fino allo sfinimento ma praticò assiduamente, sin dalla giovane età. Un bilancio delle sue avventure calcistiche è contenuto in un piccolo capolavoro intitolato La mia vita come un pallone rotondo, dichiarazione d’amore incondizionato verso uno sport che non è solo un passatempo, ma la messa in scena di una vera e propria trasfigurazione dell’uomo, riattivazione di una memoria ancestrale, che affonda le proprie radici nel nostro essere animali, e poi a ritroso, sempre più indietro, prima della caduta nella Storia. Una variazione moderna su un tema molto più antico, simile a quello degli scacchi: «Anche lì, infatti, le regine e gli alfieri, le torri e i cavalli possono farvi ritornare a un Medioevo sepolto, ma la sola cosa che conta, in definitiva, è lo scacco matto. E lo scacco matto, nel calcio, si chiama gol».

Ma lo scacco va realizzato sia giocando con le regole codificate sia creandone altre, secondo un modus operandi che è allo stesso tempo una grandiosa metafora della vita e del passaggio tra le età. Ogni gioco – come scrisse Huizinga – è infatti il trionfo della libertà sulla necessità, ma anche un autentico rito di passaggio, durante il quale il caos diventa cosmo e le spinte pulsionali dell’infanzia, altrimenti cieche e autodistruttive, vanno a sublimarsi in un destino. Sul campo da calcio la pulsione acquista una forma, diventa adulta consapevolezza, capacità, controllo e magnanimità, debellando uno dei mali del nostro tempo, il cinismo, che in fondo altro non è se non un meccanismo infantile applicato fuori tempo massimo. Guai alle società che non ammettono riti di passaggio, come la nostra: il dramma degli “eterni adolescenti”, dei forever young, nasce proprio qui, come ha scritto Riccardo Paradisi nel suo Un’estate invincibile.

Il calcio come rito di passaggio, insomma, ecco la geniale prospettiva di Dimitrijević, che tra l’altro si applica anche alla letteratura, ennesima fuoriuscita dalla necessità ed esercizio di libertà come pochi altri, nonché – appunto – riattivazione del sacro: «Il modo in cui uno scrittore colloca una virgola o un aggettivo, il modo in cui percepisce la propria musica, il respiro della frase, tutto ciò si ritrova in questo gioco magico. Vi è un calcio musicale, vi sono giocatori epici, giocatori lirici, giocatori accademici. Si riconoscono tanto in letteratura quanto nel calcio». Insomma, si allestisce una partita così come si dispongono le lettere su un foglio bianco, facendole agire in sincrono o in opposizione le une alle altre. In entrambi i casi è una vittoria sul caos, sull’oscurità – sia essa quella verde del campo senza giocatori, o bianca, del foglio di carta illibato, non ancora sfiorato dalla penna.

Il calcio come letteratura e la letteratura come calcio, dunque, aperture verso l’alto, oggi quasi esclusivo monopolio dei partigiani di una visione burocratica, piatta, prosaica e calcolatrice. Allora il gesto atletico diventa misurabile, tarabile, si tramuta in “prestazione”. Allora viene meno l’idea dello sport come rito di passaggio e si precipita in uno scenario all’insegna del calcolo e della razionalizzazione. Allora le Muse tacciono – e, insieme alle Muse, la vita stessa. Così come la sua più immediata raffigurazione, un pallone rotondo.

Vladimir Dimitrijević, La mia vita come un pallone rotondo, tr. di Marco Bevilacqua, Adelphi, Milano 2000, pp. 150, € 10,20.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]