Il Giornale: «Le amare profezie del reazionario Cioran»

Emil Cioran
2015-04-14 14:56:07
Il Giornale: «Le amare profezie del reazionario Cioran»

«Il pensatore che sta mettendo per iscritto una pagina senza destinatario si crede l’arbitro del mondo. Scrive lettere? Allora, al contrario, vi esprime i suoi progetti, le sue debolezze e i suoi fallimenti». Così, nel 1933, Emil Cioran spiegava, in una lettera all’amico Mircea Eliade, l’importanza dei carteggi per la conoscenza della vita e dell’opera di uno scrittore. Riflessione meno apprezzabile oggi, visto che le mail elettroniche sono più facilmente destinate al cestino del computer che agli scaffali delle librerie, ma sicuramente valida per i letterati vissuti fino alle soglie del nuovo millennio, come dimostra la recente pubblicazione proprio di un epistolario di Cioran. Si tratta di L’agonia dell’Occidente (Bietti, pagg. 440, euro 24, a cura di Massimo Carloni), un’importante raccolta di lettere indirizzate a un dotto austriaco, Wolfgang Kraus (niente a che vedere con Karl), che si occupa della traduzione di alcuni libri di Cioran in Austria.

L’esule romeno, che vive a Parigi dalla fine della guerra, ha raggiunto un’età in cui il disincanto ha sostituito la rabbia, temperata dalla sua immancabile ironia, che non smette di criticare gli intellettuali francesi di quegli anni, infatuati dal comunismo: «Baudrillard e gli altri erano a favore della Cina durante la Rivoluzione Culturale, ovvero durante il terrore organizzato. Da quando il regime cinese si è ammorbidito ed è diventato pro-occidentale, questi ammiratori professionali della violenza in nome dell’utopia sono rimasti completamente delusi. Per loro Stalin era un semi-Dio, o addirittura un Dio, solo perché era un boia con pretese ideologiche. Il fanatismo e l’intolleranza hanno un fascino irresistibile sui discendenti dei giacobini. Posso ben capire che a vent’anni ci si possa entusiasmare per certi estremismi, ma che vecchi intellettuali (Sartre, Althusser, ecc.) si ergano ad avvocati del totalitarismo, mi pare quasi inconcepibile». Ammira, invece, pensatori anticonformisti come Simone Weil: «Un fenomeno davvero singolare. Quasi una santa, benché intollerante e arrogante. Ovvero: proprio per quello». E Solzenicyn: «Voglio azzardare una profezia su di lui: sarà rifiutato – quando? – dalla sinistra occidentale. Non gli perdoneranno mai di aver attaccato l’ultimo Dio: Lenin».

Alle riflessioni letterarie o storiche alterna frequenti preoccupazioni per gli inevitabili malanni legati non solo all’età: «Il mio stato di salute non è particolarmente brillante. Tuttavia, è sempre stato così, sin dalla nascita». Misantropo, non si ammorbidisce con l’età: «Il matrimonio è un’avventura che conduce sovente all’ospedale»; altrettanto nocivi sono i riti e le consuetudini dell’ambiente letterario: «Ho sempre notato quanto sia pericolosa per uno scrittore l’attività in una casa editrice. L’effetto è paralizzante. Si legge troppo, s’incontra troppa gente, non si ha mai tempo per sé. Nella Sua lettera dice di sentirsi portato per la scrittura e l’organizzazione. L’unica soluzione, quando si organizza, è di non credere nell’organizzazione. Uno scrittore dev’essere, in fondo, un egoista. Un egoista come Dio».

Disincantato osservatore della politica, non si fa illusioni sul mondo diviso dal Patto di Yalta, destinato alla decadenza: «Mi chiede se ho riflettuto sulle cause della balcanizzazione dell’Europa occidentale. Veramente no. Tuttavia non bisogna dimenticare che i popoli balcanici sono gli eredi della dissoluzione dello Stato bizantino. L’Europa occidentale non è forse la nuova Bisanzio?». I tedeschi sono «un popolo di turisti» da cui non ci si può aspettare nulla; gli inglesi si sono macchiati di crimini altrettanto orrendi di quelli compiuti dai tedeschi: «Ieri sera, alla B.B.C., c’è stata una trasmissione sul rimpatrio forzato dei cosacchi in Russia. Raramente ho ascoltato qualcosa di così terribile. Per certi aspetti, peggio di Auschwitz. Lo ha ordinato Eden per accattivarsi Stalin. Il generale inglese che ha eseguito gli ordini ha ripetuto tre volte che si trattava di un unpleasant task. Ci furono innumerevoli suicidi e molte madri uccisero i propri figli. Ho perso le mie illusioni sugli inglesi. Per trent’anni hanno occultato la tremenda verità». Per fortuna, ci siamo noi mediterranei: «Gli italiani sono rimasti (con gli asiatici) l’ultimo popolo ancora capace di sorridere e, quando sono colti, valgono molto più degli altri».

Irriducibilmente reazionario, si rassegna malvolentieri alla prossima dittatura del politicamente corretto: «In strada, si vedono soprattutto i discendenti dei vichinghi e gli immancabili neri. Un’immagine del futuro, solo che l’Africa sarà l’elemento di gran lunga prevalente. Il futuro è cupo». La causa della decadenza? Impavido, Cioran non esita a indicare il feticcio, intoccabile, che tutti dobbiamo adorare: «La libertà illimitata, sfrenata, di cui gode l’Occidente è a lungo andare nociva e persino pericolosa. La libertà ha un valore positivo solo finché esistono pregiudizi che la limitano. Se tutti i pregiudizi fossero accantonati, l’istinto di conservazione sarebbe distrutto, e noi saremmo colti da vertigini».

 

(Luca Gallesi, «Il Giornale», 28 maggio 2014)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti