Libero: «La crisi politica crea i killer lunatici»

Andrew Macdonald & Giorgio Galli
2015-04-14 14:12:24
Libero: «La crisi politica crea i killer lunatici»

L’impero già zoppicante è stato ferocemente colpito dall’attentato di Boston. Il presidente Usa Barack Obama non usa l’espressione «terroristico» riferendosi all’attentato di Boston, nel suo discorso alla nazione: «Non sappiamo chi è stato e perché, ma abbiamo messo in campo tutte le risorse. Tutti gli americani sono al fianco della gente di Boston, oggi non ci sono democratici o repubblicani» ha continuato Obama, che rimane cauto su autori e movente dell’atto.

Ma c’è dell’altro sotto la cronaca. Il problema di questo nuovo lutto sta, sociologicamente e politicamente, nel cuore dell’America stessa. Perché il pensiero politico nordamericano, in una nazione, gli Stati Uniti (del Canada il libro non parla), dove la spaccatura sociale non è mai stata così evidente come dai tempi della Guerra di Secessione. Spiega bene la crisi il politologo Giorgio Galli nel pamphlet, guarda caso appena uscito, L’impero antimoderno. La crisi della modernità statunitense da Clinton a Obama (Bietti, pp. 112, euro 15).

«È in corso una guerra civile ideologica e sociale» ha dichiarato Steven Spielberg in un’intervista recente. Per spiegare che in crisi è l’idea stessa di modernità, un’idea nata con la rivoluzione industriale e fondata su concetti come la democrazia rappresentativa e l’individualismo, frutto di una fede altissima nella ragione. Ebbene, tutta questa ragione sembra averci traditi, ultimamente, e per dimostrarlo Galli ha un facile quanto macabro gioco: elencare i delitti compiuti negli Usa, ai danni di civili inermi, da parte di cosiddetti pazzi, isolati e armati, che hanno fatto irruzione nelle scuole, come a Columbine, o in case addobbate per il Natale, come nel 2011 in un sobborgo di Dallas.

La lista delle stragi è impressionante. Solo il 20 luglio dell’anno scorso, un giovanotto vestito da Joker è entrato in un cinema del Colorado e ha sparato a raffica, uccidendo 12 persone e ferendone 58. Ora, questo bel tipo non era un demente. Aveva vinto una borsa di studio post lauream all’università del Colorado «per notevoli capacità intellettuali e personali che testimoniano il suo eccezionale potenziale».

Che diavolo sta succedendo? Si ripercorrono gli ultimi decenni: dai Cinquanta ai Settanta, un trentennio di espansione economica affiancato da una crescita del Welfare, cioè dello stato sociale. Dagli Ottanta ai Dieci del nuovo millennio, un percorso di globalizzazione e di crisi, culminata nel 2008 con i ben noti disastri finanziari nei quali s’è impantanato mezzo mondo. Questi “pazzi” vanno in giro a sparare alla gente, in un paese che dà il diritto praticamente a chiunque di possedere e portare armi, quasi a fare onore a una mitologia del West che a conti fatti è già anche stata ampiamente rivista. Eppure. I lunatics, come vengono chiamati questi assassini, con una parola che ha acquistato connotazioni ben più sinistre della nostra “lunatici”, colpiscono in maniera costante. Per i maniaci delle teorie del complotto e i fanatici della dietrologia può esserci dietro qualsiasi cosa, anche un piano degli ebrei per usare i neri contro i Wasp (White Anglo Saxon Protestants).

Se la modernità è ordine, certo il disordine è antimoderno, e guarda caso questi sanguinari seminatori di disordine si rifanno spesso a ideologie di matrice destrorsa, orrendi e cervellotici pasticci come quello esteso ed esibito da Anders Breivik, il norvegese che il 22 luglio 2011 ha ucciso in Norvegia 77 persone. Eppure. I Neocon, i neoconservatori, «sono riusciti a convincere la grande maggioranza degli americani che le questioni essenziali della vita di una società non sono le questioni economiche e che in realtà le questioni sociali sono questioni morali», secondo lo studioso Irving Kristol citato da Galli.

Siamo al fallimento dell’economia capitalista, che dai presupposti liberisti si è trasformata in una specie di dispotismo oligarchico. A comandare non sono le classi politiche occidentali (qui entra in gioco anche l’Europa) elette dai cittadini, ma quelle manageriali, che si autoselezionano. Gli amministratori delegati non li elegge nessuno. Se il Novecento è stato definito come “secolo delle idee assassine” (Robert Conquest), fascismo e comunismo, anche il secolo presente non è partito benissimo. Galli propone un’altra prospettiva, quella del «capitalismo globalizzato delle multinazionali e rivoluzione anticolonialista», essendo gli ultimi prodotti di quest’ultima i guerriglieri afgani e irakeni. Ecco dove si deve guardare, secondo lui. Da qui andrebbero prese le mosse per una «Modernità che recuperi il collettivo», e dunque un’idea della modernità ridiscussa proprio a partire dal funzionamento della democrazia rappresentativa. Non «contro» la modernità, come voleva il poeta Ezra Pound. I morti di oggi lo ricordano.

 

(Paolo Bianchi, «Libero», 17 aprile 2013)

Ultimi post dal blog

Il testo di Matteo Berardini, Strade di fuoco. La città nel cinema criminale americano anni ’80, spazia liberamente tra il polo analitico e quello descrittivo, utilizzando la griglia teorica disegnata da Lynch per edificare un discorso sulle immagini della città nel cinema USA anni ’70 e ’80. Più o meno negli stessi anni in cui Kevin Lynch pubblicava The Image of the City, testo imprescindibile di architettura e antropologia urbana, Italo Calvino, dall’altra parte dell’Atlantico, componeva Le città invisibili, poema d’amore dedicato alle città "nel momento in cui stanno scomparendo". Il ricco testo di Matteo Berardini, Strade di fuoco. La città [...]
La recente presentazione in concorso a Cannes del suo quinto film, Les Amandiers, ha riportato la generale attenzione su Valeria Bruni Tedeschi, a quattro anni dall’antecedente I villeggianti. “ Valeria non appare, ma forse non c’è mai stata così tanto” ha scritto dal festival Luca Pacilio, forse il nostro critico più attento alle cose francesi. Scansione titoli precedenti conforme a ritmo, se non ancor più pensata: E’ più facile che un cammello...: 2003; Attrici: 2007; Un castello in Italia: 2013. Del suo percorso si è occupata, non riuscendo - simultaneità delle rispettive uscite e precedenti rallentamenti pandemici- a includere il nuovo [...]
In questo saggio Marzia Gandolfi esplora la poetica di Barry Jenkins, regista che nel 2016 s'impone all'attenzione di tutti grazie al suo delicato Moonlight, un dipinto dalle sfumature blu di un giovane ragazzo nero omosessuale che cerca l'affermazione di sé all'interno della comunità. Come spiega l'autrice, il cinema di Jenkins sorprende per la sua autenticità disegnata attraverso una poetica fatta di movimenti di macchina fluidi e primi piani in cui scorgere l'intimità dei suoi protagonisti, personaggi fragili, lontani dai luoghi comuni del cinema dominante. Dalla fine degli anni 60 sono molti i registi del black cinema che hanno rappresentato e denunciato la [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti