Kind of Blue. Barry Jenkins, variazioni sul corpo afroamericano

Marzia Gandolfi
2021-05-26 10:13:32
Kind of Blue. Barry Jenkins, variazioni sul corpo afroamericano

ROMA – 2016, Dolby Theatre. Warren Beatty e Faye Dunaway per qualche minuto consegnano a La La Land l’Oscar come Miglior Film. Ci penserà Jordan Horowitz a fare chiarezza (e giustizia) e consegnare tra le mani di un incredulo Barry Jenkins la statuetta dorata per Moonlight. Un momento entrato nella Storia degli Academy per un film che ha fatto la Storia del cinema. In particolare quella del cinema nero americano come racconta Marzia Galdolfi, raffinata critica cinematografica, nel suo Kind of Blue – Barry Jenkins, variazioni sul corpo afroamericano (edito da Bietti). Un libro in cui l’autrice rintraccia la rivoluzione apportata dal regista di Miami nella ridefinizione dell’immagine dei neri sullo schermo, da Moonlight a Se la strada potesse parlare fino alla recente serie TV, La ferrovia sotterranea. Ma Kind of Blue è per la Gandolfi anche l’occasione per ripercorrere le tappe di un cinema che, dagli inizi del Novecento arriva alle presidenze, agli antipodi, di Obama e Trump ipotizzandone il futuro con l’inizio dell’era di Biden.
La copertina di Kind of Blue. Barry Jenkins, variazioni sul corpo afroamericano di Marzia Gandolfi (Bietti edizioni – Fotogrammi).

Come nasce l’idea di questo libro?

Nasce da una passione che ho per il cinema afroamericano dal quando, nel 1977, uscì Radici, una serie TV epica sulla schiavitù negli Stati Uniti. Da questa passione nasce poi il desiderio di fare un bilancio sul nuovo cinema afroamericano in cui considero un arco temporale di dodici anni, tra i quattro anni di Trump e due mandati precedenti di Obama. Queste due presidenze hanno generato una vera e propria onda di film emblematici che esprimevano quelle che erano le politiche dei due presidenti. Per fare questo bilancio avevo bisogno di una sorta di Virgilio che mi aiutassi nel percorso e secondo me Barry Jenkins, insieme a Jordan Peele, è uno degli autori maggiori di questa nuova ondata che ha apportato un contributo originale in questo cinema in cui è possibile disegnare delle nuove tendenze rispetto a quelle della Blaxploitation degli anni ’70 o del New Jack degli anni ’90.

Quale credi sia la forza del cinema di Barry Jenkins?

Il suo è un cinema giovanissimo eppure così maturo. Ha riconfigurato la rappresentazione degli afroamericani al cinema. Una delle cose meravigliose che fa Jenkins è non ridurre mai i suoi protagonisti alla sola condizione di neri. I suoi personaggi sono sempre definiti da un’identità propria, singolare e non solo dalla loro appartenenza alla comunità nera. Con Moonlight è riuscito a eludere tutti i cliché che il cinema veicola sulla comunità afroamericana. E l’altra cosa meravigliosa che ha fatto è stata quella di riuscire a trovare una luce, insieme al direttore della fotografia James Laxton, con cui illuminare gli afroamericani. Sotto questa luce vediamo i suoi protagonisti per quello che sono realmente.
Una scena di Moonlight illuminata dalla fotografia di James Laxton.

In Kind of Blue racconti il cinema nero americano anche in relazione alle presidenze di Obama e Trump. Quale immagini sarà la direzione che prenderà con quella di Biden?

Queste tre presidenze hanno espresso un cinema estremamente diverso – anche se quella di Biden è solo all’inizio – che io divido in tre verbi: riconciliare, distruggere e riparare. Per Obama il compito era riconciliare due Americhe, quella bianca e quella nera, e il discorso che faceva era di inclusione. La sua presidenza ha creato un clima favorevole sia alla realizzazione sia alla ricezione di questi film. Tutto il lavoro di riconciliazione fatto da Obama, Trump lo ha distrutto. Non a caso Scappa – Get Out è del 2017 e si porta dentro tutta la brutalità che vivranno gli Stati Uniti e che, di riflesso, vivremo anche noi in Europa. Ma Trump ha permesso anche di mettere in luce quali fossero i problemi del Paese con cui, forse, adesso si inizia a fare i conti. Quello che può fare Biden è riparare un’America spezzata in due. E un titolo che rappresenta bene questo momento è un corto, Due estranei, con protagonisti un poliziotto bianco e un ragazzo afroamericano.

Molto spesso Jenkins è stato accusato di essere un regista troppo estetizzante…

Purtroppo solo in Italia Jenkins non è stato capito e si è scambiato per manierismo quello che in realtà non lo era. Lui ha trovato un linguaggio alternativo, che non significa migliore o peggiore. È semplicemente un altro linguaggio per raccontare la cultura afroamericana che fino ad oggi è stata considerata anche da noi eccessiva, drammatica, provocatoria e sempre in lotta. Jenkins manipola la dimensione temporale utilizzando queste pause quasi come fossero delle fotografie dove lui ferma i suoi personaggi e crea delle sacche temporali dove loro riparano, guardano sempre in camera. Cercano loro stessi ma anche lo sguardo dello spettatore con cui creare un’empatia. E questo aspetto ne La ferrovia sotterranea è ancora più forte rispetto a Moonlight e a Se la strada potesse parlare.

In Kind of Blue sottolinei come quello di Jenkins sia un cinema politico che ha trovato una terza via tra resistenza e protesta. Una terza via rappresentata dall’amore…

Il discorso politico nel cinema di Barry Jenkins va sempre di pari passo con quello l’intimo. Alla base delle sue storie, compresa anche La ferrovia sotterranea, c’è sempre una coppia che prima di affrontare discorsi sentimentali discute e conversa di questioni politiche. Nel suo primo film, Medicine for Melancholy – che sembra uscito dalla Nouvelle Vague francese -, i due protagonisti conversano per strada ma i temi sono politici. Anche in Se la strada potesse parlare c’è una conversazione tra Fonny e un suo amico appena uscito di prigione. Parlano della difficoltà che hanno gli afroamericani a trovare una casa in affitto e della ghettizzazione dei neri. Ma alla fine, come anche ne La ferrovia sotterranea, la poesia trionfa sempre sull’Inferno.

Nel libro parli dell’invenzione della pausa da parte di Jenkins per interrompere la maniera convenzionale di rappresentare gli afroamericani. La ferrovia sotterranea sembra rappresentarne l’apice…

Tutti i processi narrativi che utilizza, l’ellissi, il flashback, la pausa, non sono dei processi unicamente cinematografici. Ripetono la percezione dei suoi personaggi di sognare, di ricordare. Ed è fortissima questa cosa ne La ferrovia sotterranea dove, oltre essere dei ripari, servono anche a far respirare lo spettatore. E come se permettesse anche a chi guarda di fare quella pausa, per respirare oltre che per riflettere su quello che stanno vedendo. Tanto che lui del romanzo di Colson Whitehead ha pensato subito di farne una serie e non un film, perché la fruizione cinematografica ti costringe a restare inchiodato alla sedia. Basti pensare a una scena fortissima che si svolge nel primo episodio e che richiede uno stop. Non a caso sul set c’erano psicologi per gli attori in modo da aiutarli a sostenere i personaggi, sia quelli interpretati dai bianchi che dagli afroamericani.

Una particolarità di La ferrovia sotterranea è anche quella di mettere in scena figure bianche complesse. Ne è un esempio il personaggio di Joel Edgerton…

L’ultimo bianco, per me insopportabile, era stato quello interpretato da Michael Fassbender in 12 anni schiavo di Steve McQueen. Se in Moonlight Jenkins fa una scelta radicale escludendo i bianchi dalla narrazione, ne La ferrovia sotterranea li inserisce ma è bravissimo a non ridicolizzarli. Non sono dei sadici compulsivi come lo era il personaggio di Fassbender. Joel Edgerton è incredibile nell’interpretare questo cacciatore di taglie. È approfondito da Jenkins intimamente che su di lui fa un lavoro elegante trovandogli addirittura delle figure letterarie di riferimento – come quella del capitano di Moby Dick – per la sua ossessione per Cora. La prima volta in cui ha raccontato dei bianchi, tra l’altro in una situazione in cui è difficile mantenere un equilibrio, è stato eccezionale perché non si accontenta di raccontarli come dei beceri pazzi ma gli dà un connotato psicologico profondo, a differenza di McQueen che con Fassbender sembra condannare un’anomalia. Mentre Jenkins sposta lo sguardo su quella che è l’istituzione americana del razzismo.

Di tutti i film usciti in questi anni qual è quello, escludendo il cinema di Jenkins, che più di tutti ti ha colpito?

Uno dei miei preferiti è stato, in realtà, uno dei più attaccati: The Birth of a Nation di Nate Parker. Credo che questo film sia enormemente più importante di 12 anni schiavo. Steve McQueen racconta la storia di un singolo, di un uomo libero preso e tenuto prigioniero per molti anni, in cui un bianco, interpretato da Brad Pitt, interviene e in qualche modo lo salva. Il film di Parker credo sia un passo avanti perché racconta di un leader afroamericano che combatte per lui ma, al tempo stesso, per un’intera comunità. Penso sia importantissimo per un afroamericano vedersi rappresento in questa maniera da un leader così forte che decide di portare avanti una battaglia pur sapendo che è un’utopia. Una storia tenuta nascosta per molto tempo, perché dopo che l’FBI & Co avevano tagliato la testa a tutti i leader afroamericani diventava un problema rappresentarne uno al cinema. Mi sembra che questo film provi a fare un passo avanti in quella lunghissima marcia che è il cinema afroamericano che va di pari passo a quella per i diritti civili.

Manuela Santacatterina ©hotcorn.com maggio 2021

Ultimi post dal blog

Non sono pochi gli autori che una volta raggiunti fama e successo hanno incoraggiato la diffusione in dvd del loro primo film (lungometraggio o cortometraggio, fiction o documentario) girato spesso a livello amatoriale e senza un budget e in alcuni casi sparito e poi ritrovato. Non si può dire lo stesso per Paolo Sorrentino a proposito del suo Dragoncelli di fuoco, opera prima del 1994, un mediometraggio indipendente di 55 minuti. Non solo l’autore de La grande bellezza non si è preoccupato di farlo conoscere ai suoi numerosi fans e non solo, ma il film è stato e continua [...]
L’autore, critico e storico del cinema, propone un’interessante riflessione sul cinema afroamericano contemporaneo come atto politico di resistenza in uno scenario dove la questione razziale è riesplosa con violenza dopo l’omicidio di George Floyd, ucciso dalla polizia a Minneapolis (Minnesota) il 25 maggio 2021. Con riferimenti al pensiero critico di alcuni intellettuali neri (William E. B. Du Bois, Amiri Baraka, Ta-Nehisi Coates, D. Scott Miller), Gresleri analizza Get Out e Us di Jordan Peele e Sorry to Bother You di Boots Riley inserendoli nella corrente afrosurrealista, movimento culturale che utilizza l’eccesso, la finzione e la distorsione del reale per criticare il [...]
C’è qualcosa di magico nascosto dietro il bianco di un foglio vuoto, dietro quell’attesa di essere rivestito di parole battute con la forza di un pensiero creativo. E intanto la mente elabora, i concetti si slegano dalle catene dell’intuito per diventare qualcosa di nuovo, tangibile, reale. È l’incontro tra l’immaginazione e la pagina, un big bang immaginifico e creativo che dà vita a nuovi universi popolati da un microcosmo variegato di personaggi, ognuno libero di vivere, respirare, esistere con le proprie storie, tormenti, sentimenti ed emozioni. Dietro queste magie nessun alchimista, ma mani che battono forti sulle tastiere. Sono [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti