Kill Baby Kill! Il cinema di Mario Bava

Gabriele Acerbo & Roberto Pisoni
2022-02-25 17:04:28
Kill Baby Kill! Il cinema di Mario Bava

A quattordici anni dal suo debutto sugli scaffali, Kill Baby Kill! Il cinema di Mario Bava (Bietti, pagg. 420, euro 22) ritorna in libreria grazie a Bietti, arricchendo di nuovi e interessanti contributi la già vasta schiera di saggi e testimonianze che, citando i curatori del volume Gabriele Acerbo e Roberto Pisoni, “ci hanno aiutato a ricostruire il ritratto di un artista formidabile che non smetteremo mai di amare”, come dimostra l’affettuosa presentazione di Joe Dante, secondo cui i film “affascinanti e unici” di Bava “sono una parte piccola, ma piuttosto importante della cultura italiana, e mi sorprende che non siano popolari in patria”. Per fortuna (e pure grazie all’impegno di una serie di celebri estimatori, tanto più cruciali quanto più – all’apparenza – inaspettati), Bava è stato ampiamente riscoperto e la sua fama è in ascesa fra le nuove generazioni, ma ogni pubblicazione che lo riguarda è la benvenuta, soprattutto se, come in questo caso, si rivela scorrevole, spiritosa, puntuale e sinceramente affezionata a un maestro che forse non si sentiva né voleva essere definito tale.
Suddiviso in dieci segmenti (Un lento apprendistato, Il gotico e il terrore, Il peplum e il western, Il giallo e il thriller, La fantascienza, Gli effetti speciali, Il pop, Il crepuscolo, La critica e Lessico familiare) il volume si avvale, naturalmente, della consueta (ma sempre utile) serie di analisi tematiche e specifiche, a opera di Steve Della Casa (La dinastia dei Bava e Forzuti e vampiri), Tim Lucas (Il tocco delicato della paura), Alessandro Borri (Ontografie del fantastico), Alberto Pezzotta (Il regista nascosto), Roberto Silvestri (Scusi, dov’è il West?), Francesco Di Chiara (Le urla e il furore), Emanuele Marchesi e Paolo Noto (Il pianeta dei morti viventi), Giona A. Nazzaro (Il mondo non basta), Max Croci (Sangue e merletti neri), Sergio Grmek Germani (Il vecchio maestro e la televisione), Alessandro Boschi (Il Mario che sapeva troppo) e dello stesso Acerbo (Gli anni maledetti). Se tali testi forniscono la necessaria base da cui sviluppare la propria (ri)scoperta di Bava, Kill Baby Kill! vivacizza la lettura, affiancando agli approfondimenti critici le testimonianze dall’interno di Carlo Rambaldi (La bottega degli stregoni), Mario Monicelli (Inseguendo Totò e Fabrizi), Christopher Lee (Il potere dell’immaginazione), Luciano Emmer, Mimmo Palmara (Francisci, dittatore gentile), Alberto Bevilacqua (Una religiosità demoniaca) e Giorgio Ardisson (Ercole contro i Vichinghi). Ma, lungi dal limitarsi ai soli amarcord nostrani, il libro propone anche gli illustri tributi all’arte e al genio di Bava firmati da Tim Burton, Guillermo del Toro, Sam Raimi, Nicolas Winding Refn, Christophe Gans, Roman Coppola e Dennis Bartok (I tesori di Bava all’American Cinemathèque). Per quanto riguarda le interviste a tema Bava, oltre a recuperare un colloquio dello stesso Mario con Luciano Rispoli (datato 1974) e a conversare con i familiari del regista (i figli Elena e Lamberto, il nipote Roy), Kill Baby Kill! interpelle i colleghi Riccardo Freda, Roger Corman, Umberto Lenzi, Dario Argento e Sergio Martino, l’amico e sodale Massimo De Rita, lo sceneggiatore Ernesto Gastaldi, lo scrittore Renato Pestriniero, gli attori Barbara Steele, Mark Damon, John Saxon, John Phillip Law, Elke Sommer, Don Backy e Daria Nicolodi, i produttori Dino De Laurentiis, Alfredo Leone e Fulvio Luciano, e fan doc quali John Landis (“Bava possedeva uno stile tutto suo, un tocco, come si può riscontrare nei film di John Carpenter o Alfred Hitchcock”), Quentin Tarantino (“Fa parte di quel pugno di registi che hanno segnato notevolmente il mio lavoro. Era il mio eroe”), Luigi Cozzi (“Il cinema di Bava è un cinema assolutamente inventato, una volta smontato il set non rimaneva nulla di reale: era pura fantasia, pura arte, ciò che tutti i registi vorrebbero fare”) e i Manetti Bros. (“Bava era un vero artigiano del cinema”).

Infine, prima di cedere il passo all’imprescindibile sezione dedicata alla filmografia (spiegata e commentata sin nei minimi dettagli), Roberto Pisoni trova il modo di assemblare l’alfabeto di Mario Bava. Il risultato è una sapida raccolta di dichiarazioni personali, che va dalla A di artigiano (“Sono sicuro di aver fatto solo grandi stronzate. Sono un artigiano. Un artigiano romantico, di quelli scomparsi”) alla Z di zanzara, lemma in cui il regista scherza su come sia strano che proprio lui, “persona mite e timorosa”, che non ammazzerebbe “nemmeno una zanzara per il sacro rispetto che ho di ogni forma di vita”, si sia ritrovato (a causa del successo americano di La maschera del demonio) “sommerso da un lago di sangue brulicante di vampiri e morti a galla”. Eppure, alla B di bara, è lo stesso Bava a dichiarare: “Cosa desidero per il futuro? Una bara colma di sangue nella quale io possa riposare in pace, potendo però uscire la notte per addentare sul collo i film che ho fatto”. Considerando quanto certe pellicole siano state il suo viatico verso l’immortalità, ne ha tutto il diritto.

Angela Bosetto ©La rivista del cinematografo, gennaio-febbraio 2022

Ultimi post dal blog

La giornalista Bruna Magi in occasione dell’anniversario in un libro immagina «L’intervista impossibile» alla Monroe Le vere icone non muoiono mai. Tanto più quando esse incarnano il concetto di bellezza secondo canoni estetici non transeunti. Marilyn Monroe per dire. Provvide a rinascere a nuova vita nella notte tra il 4 agosto e il 5 di sessant’anni anni fa. E sarebbe il caso di non indulgere più di tanto sulle cause probabili della sua morte, sulle congetture di una fine avvolta ancora nella nebbia. Suicidio? Overdose di droghe? Cale poco. Di un cosa si può e si deve andar certi. Quei 90-60-90, le [...]
Pubblicato da Bietti Edizioni, il volume immagina una videochiamata con la grande attrice scomparsa, a 36 anni, il 5 agosto del 1962. Marilyn Monroe se ne è andata il 5 agosto del 1962. Aveva 36 anni. Per qualcuno si è suicidata, con un’overdose di luminal, il barbiturico che ha dato il titolo a un romanzo di Isabella Santacroce. Per altri si è trattato di un omicidio, perché la star minacciava di raccontare la verità sulle tresche di John e Bob Kennedy. A 60 anni dalla morte di Marilyn, ancora non sappiamo la verità. Secondo il filosofo Edgar Morin, la dipartita di Miss [...]
Marilyn, provocante e vezzosa, aveva messo in trappola Norma, che moriva a soli 36 anni tra barbiturici. Il suo mito invece vive ancora Cosa aveva Marilyn Monroe per essere diventata Marilyn Monroe? A sessant’anni dalla sua morte, in un’epoca che crea piedistalli nella frazione di un lampo e li abbatte in molto meno, Marilyn Monroe resta lì, scolpita nella pietra delle leggende. Con un sorriso malizioso e malinconico. Voleva così tanto essere amata… E apprezzata non solo per la sua bellezza da pin-up su cui aveva ella stessa costruito il suo mito, da cui restò soffocata. Moriva a soli 36 anni, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti