Il videoclip nell’era di YouTube. 100 videomaker per il nuovo millennio

Luca Pacilio
2015-05-15 15:05:47
Il videoclip nell’era di YouTube. 100 videomaker per il nuovo millennio

Dal video di Frozen, ad attirare i poli Chris Cunningham (videomaker radicalissimo) e Madonna (corpo, icona, star), a Mirrors di Floria Sigismondi per Justin Timberlake; dal «pionieristico lavoro di Vincent Morisset su Neon Bible (2008) degli Arcade Fire, considerato il primo video musicale interattivo della Storia» (Pacilio 2014, p. 33), fino all’Hype Williams di Stupid Hoe per Nicki Minaj e al Xavier Dolan di College Boy per Indochine. Immagini, suoni, invenzioni, sperimentazioni, realismi, deformazioni.

L’AG Rojas di Hey Jane per Spiritualized e il duo DANIELS di Simple Math per Manchester Orchestra, il collettivo Megaforce di The Greeks per Is Tropical e CANADA di Ice Cream per Battles feat. Matias Aguayo; l’Harmony Korine di Living Proof per Cat Power e il Gaspar Noé di Love in Motion per SebastiAn. Dall’arte fondamentale, rivoluzionaria e irraggiungibile di Michel Gondry, «il più grande videomaker di sempre» (ivi, p. 40) a Romain Gavras, «regista di clip più importante di questi ultimi anni» (ivi, p. 132) e al suo Bad Girls per M.I.A., «miglior video a oggi del terzo millennio» (ivi, p. 182); il Jonathan Glazer di A Song for The Lovers per Richard Ashcroft e lo splendido Garth Jennings di Imitation of Life per i R.E.M. fino al successo planetario da miliardi di visualizzazioni su YouTube (videoclip diretto da Cho Soo-hyun) del brano Gangnam Style di Psy.

Le strategie e le ricerche di star, gruppi musicali e cantanti per i video dei loro brani, da Madonna a Björk , da Arcade Fire a Robbie Williams e Justin Bieber, da Beck a Lady Gaga, da James Blake a Lana Del Rey, dai Gorillaz e Justice a The Chemical Brothers, Kanye West, Miley Cyrus e Katy Perry. C’è questo, insieme a tanto, davvero tanto altro – altri frammenti, nomi, titoli, storie, traiettorie, incroci, incastri e sovrapposizioni – nelle densissime pagine del volume di Luca Pacilio, Il videoclip nell’era di YouTube. 100 videomaker per il nuovo millennio (Edizioni Bietti), prosecuzione e ampliamento di un discorso avviato dall’autore anni addietro su una rubrica della rivista on line «Gli Spietati» di cui è anche vicedirettore. Aperto dalla prefazione del videomaker Nabil, quello di Pacilio è un volume che prova a definire – riuscendovi – una cartografia dell’universo videomusicale degli ultimi anni, in un percorso di scrittura dove passione e curiosità dell’autore si intrecciano a consapevolezza e padronanza dell’argomento. Un libro che certamente colma un vuoto.

Del resto, ancora oggi – scrive l’autore – «è impossibile convincere il critico cinematografico medio che nessuno più degli autori di clip è consapevole di cosa sia la contemporaneità, quali siano le forme con cui si esprime, quale il rapporto che esiste tra kitsch e cool, quale la ricetta per fare dei video il riflesso di entrambe queste tendenze; che nessun altro linguaggio è sintonizzato sull’attualità come quello del video musicale; impossibile ricordargli che un’intera generazione di spettatori, e di futuri cineasti, si è formata guardando MTV» (ivi, pp. 24-25).

Pacilio esplora, seziona, racconta e analizza i percorsi di un territorio vastissimo, a cominciare, nel primo capitolo, da quelle che sono state le evoluzioni stilistiche e narrative delle immagini videomusicali dagli anni Ottanta a oggi, illustrando brevemente, ma con efficacia e chiarezza espositiva notevoli come sia cambiata al contempo la figura stessa del videomaker. Evoluzioni inevitabilmente connesse fra di loro e fortemente legate ai cambiamenti radicali che in poco tempo hanno investito l’industria discografica e musicale, le modalità, i luoghi, i tempi e i mezzi di fruizione audiovisiva. E dunque, allora, dagli anni Ottanta in cui il videoclip si afferma soprattutto come strumento promozionale subordinato al cantante o al gruppo, quindi prevalentemente «era di iconic video» (ivi, p. 19), «decennio delle videostar» (ivi, p. 20), passando agli anni Novanta che diventano il «decennio dei videomaker. I registi impongono uno stile, ciascuno il proprio, e per questo vengono ricercati e scelti: viene richiesto loro uno sforzo creativo che prescinda dalla celebrazione del musicista icona e garantisca al video una riconoscibilità propria, specifica, peculiare» (ibidem).

È, questa decade, la «golden age del videoclip» (ivi, p. 22), quella di molte produzioni ad alto budget produttivo, l’epoca “felice” di MTV, una stagione di straordinaria vivacità per la videomusica dal punto di vista artistico. Poi, dagli anni Zero, MTV che diventa qualcos’altro, i budget di una volta che restano ormai un ricordo, internet con i suoi archivi infiniti, dal “massivo” YouTube al più “elitario” e qualitativamente superiore Vimeo: la possibilità di accedere in ogni momento, in luoghi diversi, a un campionario audiovisivo informe, frammentario. Con il progressivo declino dell’industria musicale, «è tutta la politica produttiva del videoclip che va lentamente, inesorabilmente, a trasformarsi. Se prima si produceva un promo con lo scopo primario di vendere i dischi, adesso la sua realizzazione risponde a un altro obiettivo principale: la viralità. Le visualizzazioni sono diventate l’indice non solo della popolarità dell’artista che viene cliccato, ma, stante il rapporto diretto con gli introiti pubblicitari, anche l’unità di misura dei profitti che ottiene» (ivi, p. 27).

L’epoca di YouTube è quella dei video e dei rifacimenti amatoriali degli utenti, ma è anche l’era che consente altresì, ai videomaker, di avere meno vincoli creativi, dando loro la possibilità di esplorare nuove soluzioni formali, di intercettare immaginari, assorbirli, rifletterli, mettendoli in scena, in un dialogo complesso ma fecondo con il nuovo reale, quello che Giulio Sangiorgio – con Ilaria Floreano e Claudio Bartolini alla direzione della collana Bietti “Heterotopia” – nella postfazione definisce «presunto reale» (ivi, p. 298), estendendo la riflessione al rapporto tra cinema contemporaneo e realtà, alle diverse declinazioni di questo rapporto ai tempi dei social media e delle connessioni permanenti. Un volume che nel secondo capitolo traccia 20 profili di registi e collettivi di autori emersi tra gli anni Novanta e gli anni Zero (con interviste a Joseph Kahn e Martin De Thurah): dai “maestri” Gondry, Sigismondi, Jennings e Spike Jonze a Patrick Daughters, DANIELS, CANADA, Romain Gavras (figlio di Costa-Gavras), Megaforce, Tom Kuntz, Nabil, AG Rojas, Keith Schofield, Young Replicant, Jonas & François ecc. Nel capitolo successivo, 100 video di 100 differenti regie (altri 80 nomi si aggiungono ai 20 precedenti), le opere tra le più significative del nuovo millennio nel campo del videoclip, secondo l’autore.

Un volume che colma un vuoto, dicevamo, ma che soprattutto apre in chi legge nuove zone di scoperta. Ampie, fertili. Ed è questo il suo l’aspetto più sorprendente.

Ultimi post dal blog

Con Cuore e acciaio. Le arti marziali al cinema (Bietti, 18 euro) Mauro Gervasini realizza uno di quei libri di cui sentiamo sempre più il bisogno: ovvero un libro che non somiglia a nessun altro. Niente a che vedere con le storie del cinema di genere o con i dizionari cult. Qui l’autore parte da una personale conoscenza (e passione) delle pratiche orientali, che si affianca alla competenza cinematografica (sulla quale non ha bisogno di presentazioni), e sfocia in una personale rilettura del rapporto “budo e cinema”. Del resto, ci ricorda la quarta di copertina, ” [...]
In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti