Dio salvi la Regina! Elisabetta II sovrana di iconologia tra fiction e realtà

Anna Maria Pasetti
2022-01-22 17:46:20
Dio salvi la Regina! Elisabetta II sovrana di iconologia tra fiction e realtà

Queen/Seen
Her Majesty’s a pretty nice girl
But she doesn’t have a lot to say.
Her Majesty’s a pretty nice girl
But she changes from day to day.

Quando The Beatles pubblicarono il loro penultimo album, Abbey Road nel 1969, compariva una sorpresa alla fine del disco che, come da elenco delle tracce segnalato sul retro della cover, si concludeva con un track titolato The End. Ma con un po’ di pazienza, e lasciando scorrere la puntina nella scanalatura del LP per 14 secondi, si rimaneva spiazzati da un accordo in Re maggiore che introduceva un pezzo bonus segreto. Si trattava della canzone più corta mai registrata dalla band – Her Majesty – un divertente jingle di 23 secondi scritto un anno prima da Paul McCartney.
Da tipico esempio dello humor irriverente dei Fab Four, nel clima più che sedizioso della Gran Bretagna dei Sixties, Her Majesty osava immaginare la Regina come una ragazza qualunque, una che si può perfino invitare fuori per un drink. Chissà se la decisione di McCartney di tagliare la canzone dall’album fosse influenzata da qualche timore inconscio di commettere un “regicidio musicale”, e se la disobbedienza dell’ingegnere del suono John Kurlander – che ha raccolto la sezione scartata del nastro contenente Her Majesty dal pavimento dello studio inserendola alla fine del master di Abbey Road – fosse da intendersi come un atto rivoluzionario..
Comunque sia andata, la vera ironia sta nel fatto che l’atto di “lesa maestà” dei Beatles era stato adombrato da un devoto della stessa famiglia reale. Per un anno intero, infatti, i Windsor avevano aperto le porte di casa reale alle cineprese per il documentario Royal Family, messo in onda da BBC e ITV il 21 giugno 1969 davanti a una platea di oltre 30 milioni di spettatori – inclusi, immaginiamo – The Beatles che 10 giorni dopo avrebbero registrato la canzone Her Majesty.
Il documentario era stata un’idea del principe Filippo: in un periodo di contestazione contro-culturale alla classe dirigente, voleva (di)mostrare ai sudditi fedeli – nonché contribuenti – che la famiglia reale effettivamente si guadagnava i suoi “benefici”. Ma come Anna Maria Pasetti segnale nel suo avvincente Dio salvi la regina! Elisabetta II sovrana di iconologia tra fiction e realtà (Bietti Edizioni) – il primo testo saggistico sul ritratto di Elisabetta II tra cinema e tv – i reali giudicarono il prodotto finito come un vero proprio disastro. Dopo il 1972 è stato bandito dalla circolazione su diretto ordine, a quanto pare, della Regina in persona secondo la quale essere “troppo normali era tanto pericoloso quanto essere troppo diversi”.
Il tema di distanza e di prossimità è sempre stato al centro di ogni tentativo ritrattistico della Royal Family e della donna al suo vertice, ad oggi la più longeva regnante britannica della Storia. Adottando un approccio semiologico e analizzando sia i documentari che i lavori di fiction, il piccolo ma affascinante volume di Pasetti dimostra come, paradossalmente, sia stata la finzione ad avvicinarsi maggiormente a cogliere certe “verità” fondative sulla monarchia, e a drammatizzare le tensioni esistenziali di una figura istituzionale che, come di recente ha lei stessa dichiarato scherzando, è stata in “lockdown per 95 anni”. È responsabilità dello sceneggiatore Peter Morgan la creazione di quell’illusione di prossimità-nella-distanza presente sia nel suo script per The Queen (2006) di Stephen Frears (del quale il libro riporta un’intervista esclusiva a tema regale..) sia nell’ambiziosa serie di 60 ore per Netflix The Crown.
Opportunamente, la Regina stessa è arrivata ad accettare che forse la cosa più onesta che la monarchia potesse fare sullo schermo era di “interpretare” una versione di se stessa, come del resto ha fatto per il cortometraggio Happy and Glorious di Danny Boyle in occasione dell’inaugurazione del Giochi Olimpici di Londra nel 2012.
Mentre Elisabetta II si prepara a celebrare i 70 anni della sua ascesa al trono, vale la pena chiederci quanti altri monarchi regnanti permetterebbero a loro stessi di abbracciare l’ironia post-moderna come ha fatto lei. Her Majesty è una graziosa ragazzina che forse ha anche parecchio da dire, se solo la stiamo ad ascoltare.

Lee Marshall ©Redshoesuk 21 gennaio 2022

Ultimi post dal blog

La giornalista Bruna Magi in occasione dell’anniversario in un libro immagina «L’intervista impossibile» alla Monroe Le vere icone non muoiono mai. Tanto più quando esse incarnano il concetto di bellezza secondo canoni estetici non transeunti. Marilyn Monroe per dire. Provvide a rinascere a nuova vita nella notte tra il 4 agosto e il 5 di sessant’anni anni fa. E sarebbe il caso di non indulgere più di tanto sulle cause probabili della sua morte, sulle congetture di una fine avvolta ancora nella nebbia. Suicidio? Overdose di droghe? Cale poco. Di un cosa si può e si deve andar certi. Quei 90-60-90, le [...]
Pubblicato da Bietti Edizioni, il volume immagina una videochiamata con la grande attrice scomparsa, a 36 anni, il 5 agosto del 1962. Marilyn Monroe se ne è andata il 5 agosto del 1962. Aveva 36 anni. Per qualcuno si è suicidata, con un’overdose di luminal, il barbiturico che ha dato il titolo a un romanzo di Isabella Santacroce. Per altri si è trattato di un omicidio, perché la star minacciava di raccontare la verità sulle tresche di John e Bob Kennedy. A 60 anni dalla morte di Marilyn, ancora non sappiamo la verità. Secondo il filosofo Edgar Morin, la dipartita di Miss [...]
Marilyn, provocante e vezzosa, aveva messo in trappola Norma, che moriva a soli 36 anni tra barbiturici. Il suo mito invece vive ancora Cosa aveva Marilyn Monroe per essere diventata Marilyn Monroe? A sessant’anni dalla sua morte, in un’epoca che crea piedistalli nella frazione di un lampo e li abbatte in molto meno, Marilyn Monroe resta lì, scolpita nella pietra delle leggende. Con un sorriso malizioso e malinconico. Voleva così tanto essere amata… E apprezzata non solo per la sua bellezza da pin-up su cui aveva ella stessa costruito il suo mito, da cui restò soffocata. Moriva a soli 36 anni, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti