David Hume, «Contro Rousseau»

2018-04-23 10:59:20
David Hume, «Contro Rousseau»

Per le cure di Spartaco Pupo, studioso esperto del pensiero di David Hume (del qua­le ha curato anche l’edizione degli scritti po­litici Libertà e moderazione, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2016), esce in prima traduzione italiana moderna (dopo quella veneziana del 1767), con l’accattivante (e allusivo, come vedremo) titolo Contro Rousseau il resoconto, dato alle stampe a Londra nel 1766, di una cu­riosa vicenda che vide contrapposti il filosofo scozzese e il grande Ginevrino. La vicenda, riassunta da Pupo nel saggio introduttivo, è essenzialmente questa: Hume, dopo un sog­giorno a Parigi nel corso del quale ha avuto modo di incontrare alcuni dei personaggi più in vista dell’Enciclopedismo francese, si lascia convincere a condurre con sé in Inghil­terra Jean-Jacques Rousseau, desideroso di allontanarsi dalla Francia, Paese in cui pen­deva sul suo capo un mandato di arresto. Il soggiorno londinese di Rousseau è, sulle pri­me, soddisfacente per entrambi, ma dopo la pubblicazione di una lettera anonima che lo sottoponeva a un’aspra satira (opera di Ho­race Walpole, ma che per qualche ragione Rousseau crederà scritta proprio da Hume), il rapporto tra i due si incrina; il Ginevrino scrive una lunga e insensata lettera di invet­tive contro Hume, il quale decide di rendere pubblica tutta la controversia. A seguito della vicenda, Rousseau abbandonerà l’Inghilterra, in uno stato mentale che Hume non esiterà a definire come quello di un «arrant madman» (un pazzo completo).

Sin qui i fatti: non granché rilevanti, si dirà, malgrado l’indubbio interesse di un contesto che vede, come co-protagonisti, attori del calibro di Adam Smith, Voltaire, D’Holbach tra gli altri. Senonché la vicenda è stata inte­pretata in molti casi (il più noto è forse quel­lo del saggio di R. Zaretsky e J.T. Scott, The Philosophers’ Quarrel: Rousseau, Hume, and the Limits of Human Understanding, New Haven, Yale University Press, 2009) come una curio­sa metafora degli opposti sistemi filosofici dei due grandi autori settecenteschi. Nella seconda parte della sua documentata intro­duzione, anche Pupo si cimenta su questo terreno, individuando due temi essenziali sui quali i due filosofi avanzarono soluzioni tra loro opposte: il tema del fondamento della so­cietà, in primis (pp. 34-45); e quello della «na­zione» (pp. 45-55). Servendosi della ben nota dicotomia euristica «realismo politico» vs «utopismo», l’A. sembra concludere in favore della visione humeana, contro un Rousseau definito – non senza una punta di anacroni­smo – «collettivista» (p. 31); così come appare audace, sul piano storiografico, l’accostamen­to tra la filosofia di Rousseau e le teorie postco­loniali novecentesche (p. 47). Ne emerge, ad ogni modo, soprattutto una sintesi puntuale del pensiero dello Scozzese, in riferimento alla confutazione da parte di questi dell’idea contrattualista nel saggio del 1742 Of the Ori­ginal Contract; e risultano particolarmente interessanti i richiami alla nozione humeana di «sympathy» come fondamento delle comu­nità nazionali (pp. 50-52).

Come sottolinea lo stesso Pupo nella Nota al testo (p. 70), il valore principale dell’operazio­ne editoriale in oggetto consiste nel mettere a disposizione del lettore italiano, in una nuova traduzione condotta a partire dal testo origina­le, i documenti di questa disputa tra due per­sonaggi d’eccezione; ma il saggio introduttivo e la Nota biografica hanno anch’essi l’indubbio merito di rendere accessibile a un pubblico po­tenzialmente vasto le grandi linee del pensiero di un autore ancora relativamente poco studia­to, almeno in Italia, come David Hume.

(F. Proietti, «Il Pensiero Politico», settembre-dicembre 2017)

Ultimi post dal blog

Ascoltare una lezione di Storia del cinema allo Iulm di Milano, dove è prorettore; vederlo sullo schermo mentre racconta la settima arte su Sky Cinema; leggerlo su «8 1/2», periodico che ha ereditato i magici vent'anni del suo mensile «Duel»: questo e molto altro è Gianni Canova, che torna in libreria con un libro fondamentale dal titolo Divi duci guitti papi caimani. L'immaginario del potere da Rossellini a The Young Pope (Bietti, 140 pagine, 15 euro), arricchito da una scrittura perfetta che sembra di ascoltare dalla sua voce. Non è stato un lavoro semplice, ma quest'opera era da farsi, come spiega [...]
Rappresentante paradigmatico del fermento del cinema indipendente statunitense degli anni 90, Richard Linklater e il suo percorso (da) irregolare sono analizzati nel dettaglio e con rimandi mai scontati dai critici Francesca Monti e il "nostro" Emanuele Sacchi. Il pregio principale di questa monografia è la capacità di legare la complessa opera del texano classe 1960: se lo spirito del suo primo film distribuito, Slacker (1991), fa da filo conduttore a buona parte dei personaggi della sua fimografia, anche quando ci sono di mezzo altri autori e grandi produzioni - come capitato con il suo film più popolare, School of Rock [...]
In fondo, Richard Linklater non deve essere rimasto troppo dispiaciuto dalla mancata assegnazione dell'Oscar a Boyhood. Lo conferma Louis Black, suo amico di lunga data, affermando che «una parte di lui non avrebbe mai voluto vincere quel premio». Effettivamente, con la vittoria della mitica statuetta - simbolo del sistema hollywoodiano - chissà cosa ne sarebbe stato del suo status di alfiere del cinema indipendente statunitense. Una medaglia guadagnata stoicamente sul campo professando la dottrina rivoluzionaria del Sogno americano in versione slacker, ossia «l'ambizione di vivere delle proprie passioni, scegliendo da soli il proprio percorso nella vita per evitare di doverlo [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti