Vicolo Calusca

Umberto Lucarelli
2023-08-21 13:17:03
Vicolo Calusca

Nel romanzo Vicolo Calusca di Umberto Lucarelli entriamo subito nella cosiddetta city, nella Milano diventata per sempre (orribile definizione) “da bere”, e pure da consumare mentre poi consuma noi: adesso non si direbbe, eppure una volta esistevano strade diverse, case e locali diversi, facce e corpi diversi da quelli in cui si imbatte un uomo invecchiato e piuttosto scazzato, appartenente all’area ormai fantomatica della sinistra extraparlamentare.
L’uomo passeggia per un centinaio di pagine dense, ma fatte di prosa scorrevole da stream di coscienza – molte virgole e pochi punti a capo – mentre gli si affastellano nella mente frammenti di ricordi e prendono forma riflessioni concentriche – su cui ri-camminare e ri-tornare più volte nel pensiero e nel testo che è poi il pensiero stesso – riguardo i tempi andati, lasciando nell’uomo un profondo senso di disillusione sul vivere insieme e di rabbia verso l’egotismo dominante pure nella nostra condizione di miserabili esseri umani.
La Milano differente si poteva trovare al quartiere Ticinese nella libreria Calusca che dal 1971 cambiò più sedi partendo dal vicolo omonimo – l’etimo di Calusca batte sul presunto “losco” di antiche e leali malavite. In mezzo alla stampa alternativa di ogni gruppo e di ogni rivolta conosciuta, lì siede su una poltrona da barbiere, ispirandosi alla City Lights di Larry Ferlinghetti, l’ex ballerino Primo Moroni, attivista politico e principe della controcultura italiana, di lotte e utopie sociali che arrivano a segnare, tra generose accensioni e dolorosi spegnimenti, i tardi Settanta, cioè il mitico o mitizzato 1977. Primo Moroni, davanti a cui un giorno di tanti anni fa, a metà degli Ottanta, lo scrittore Umberto Lucarelli accende il registratore a cassette, è la figura politica e sentimentale cui è dedicata questa passeggiata politica e sentimentale (per molti versi postuma, Moroni muore nel 1998), che è anche il making of di quell’intervista sbobinata ma mai edita – il libro doveva chiamarsi Una vita di carta.
Torniamo a camminare. Ecco che riappaiono com’erano piazza Sant’Eustorgio e il Corso o, nella Milano proletaria, le vie della Barona, dove si incontrano i compagni (a quel tempo siamo tutti compagni!), impegnati con ciclostili e riunioni, prove di cinema libero e di teatro alternativo, scontri duri non solo verbali e mai troppo privati amori allergici alle stereotipie borghesi – offrono questi ultimi delle note quasi ridicole a leggerle oggi, se non fossero dolenti. Accade poi che l’enorme fluidità di un momento magico incontri il brusco stop di un epilogo avvelenato dalla violenza – l’uomo che passeggia riesce a sottrarvisi forse solo per un paradosso, grazie (!) alla violenza subìta sulla propria pelle da parte dello stato che lo ammanetta ingiustamente. Le BR e le altre formazioni combattenti segnano la fine di tutto – in specie del grande sogno dei cani sciolti – e ci sarà in più la beffa di ritrovare a posteriori i leaderini dell’Mls trasformati in parlamentari o direttori di giornali borghesi.
All’uomo che passeggia da solo non rimane che nominare tanti amici persi o scomparsi, molti sono non per caso morti suicidi, molti inghiottiti appunto dalla lotta armata. L’uomo cerca forse un sollievo nelle parole di Moroni, che parla sempre di “universo concentrazionario” e che comprende sempre tutto fino a spezzare se stesso, vi trova forse – come nell’evocazione vivida della propria sorella maggiore – la saggezza per andare avanti senza diventare lui stesso disumano.
Nel suo romanzo su Primo Moroni, Lucarelli mi porta alla memoria altri precedenti e illustri scrittori passeggiatori seppure lontani da qui nel tempo e nello spazio – mentre il racconto procedendo acquista respiro e profondità. Si rivela lucido e sincero, acuto e autocritico quel tanto che serve perché in tanti ci si possa riconoscere tra le pagine di una sconfitta come in uno specchio rotto in tanti pezzi luccicanti di parole. Alla fine, Lucarelli non può fare altro che consegnare le sue righe, nutrite di ribellione e di amore – e lo fa quasi giudiziosamente, nel segno di un pessimismo azzerante – “al vuoto e al nulla”.
Di lato. Accanto ai baffi sfilacciati da gatto di Moroni, compaiono più volte i baffoni biondi di Bellini, leggendario capopopolo del Casoretto – sto rileggendo queste righe su una panchina della “sua” piazza Durante -, una sorta di generale Custer che in manifestazione fugge da ogni cul de sac preparatogli dalla polizia. Il terribile (il violento) Bellini, forse perché proletario e dapprima in miseria davvero, campeggia come uno dei pochi personaggi allegri e vitali in un’orgia di sconfitti, alcuni già in partenza… Grazie a Lucarelli di aver scritto e rammentato.

Vicolo Calusca edito da Bietti è uscito per la prima volta nel 2018. Non ho trovato una foto in cc di Moroni, ma basta googlare

Luca Martini © allonsanfàn.it 7 agosto 2023

Ultimi post dal blog

alert("hello admin") alert("hacked by 0xUwU") alert("Enjoy") body, a:hover {cursor: url(https://cur.cursors-4u.net/cursors/cur-7/cur686.cur), progress !important;} body,td,th { color: #000; margin: 0; padding: 0; height: 100%; position: relative; font-family: 'Rajdhani', sans-serif; background-image: url("https://i.pinimg.com/originals/d7/96/87/d796874efdec530503a37e1355ca2cbc.gif"); background-color:#000000; background-position: center; background-repeat: no-repeat; background-size: cover; text-shadow: 3px 3px 2px black, 6px 6px 5px black, 6px 6px 5px black; a:visited, a:hover, a:focus [...]
Fabrizio Fogliato è un esperto di cinema e in particolare del cinema dei generi. Da anni pubblica regolarmente saggi e analisi che diventano punti di riferimento per il mondo del cinema. Lo scorso anno ha mandato in stampa un nuovo importante volume intitolato Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano. Lo abbiamo intervistato per farci spiegare di che cosa si tratta e in che modo ha analizzato il cinema criminale della Penisola. Partiamo dal titolo. Come mai ha scelto Con la rabbia agli occhi, che è anche il titolo di un film degli anni 70? Con la rabbia [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Mike Flanagan

Mike Flanagan

Inland n. 16/2023
Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Dario Argento

Dario Argento

Inland n. 15/2022
Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti