Editoriale. Cronaca di una svolta epocale

Claudio Bartolini
Rote Armee Fraktion n. 18/2024

Nel finale di Zabriskie Point, ambientato nell’immaginazione di Daria, la villa borghese John Lassen House salta in aria in ralenti. Ripetutamente, inquadrata da punti macchina sempre differenti e sempre più ravvicinati, va in pezzi sotto i nostri occhi.
Letteralmente, esplode.
Poi, sul tappeto sonoro sospeso di Come in Number 51, Your Time Is Up dei Pink Floyd, gli oggetti di quell’ambiente disintegrato iniziano a fluttuare, a uscire allo scoperto. Lo slow motion si fa esasperato, l’obiettivo inquadra i dettagli come parti di un insieme ormai scomposto. Irrintracciabile nella sua forma originale progettata dall’architetto Paolo Soleri, ma ricomponibile nel suo senso simbolico.
Tra abiti sgargianti, pezzi di tecnologia frantumata, tavolini e bottiglie, anche libri. Tanti libri, chissà quali. Pagine e pagine di pensieri, parole e racconti si (dis)perdono in un urlo – musicale, ideologico – di protesta e, insieme, di liberazione.

Due anni fa, nel concepire il nuovo corso di INLAND, con Ilaria Floreano e la redazione di Bietti Edizioni abbiamo adottato questa sequenza come punto di partenza.
Letteralmente, di innesco.
Abbiamo calato la dinamite nelle profondità di un progetto nato nel 2015 e, insieme, nelle cavità del modus pensandi che, allora, ci aveva spinti ad adottare l’autore cinematografico come nucleo da cui emettere direttrici eccentriche di riflessione.
Abbiamo chiuso gli occhi e schiacciato il tasto. Poi, li abbiamo riaperti e ci siamo goduti la detonazione.
Di fronte a noi sono esplosi diciotto numeri dei nostri quaderni. Osservandoli al rallentatore, in pezzi, li abbiamo studiati nei minimi termini concettuali, ideologici, filosofici. Frantumandoli, li abbiamo compresi a fondo, isolando gli elementi da preservare e adottare nel nuovo corso.
L’idea di monografia come elemento connotativo di ogni uscita, utile a perimetrare un campo di indagine che abbia ambizioni esaustive.
Il principio archeologico come guida metodologica, alla costante e inesausta ricerca di zone d’ombra, materiali inediti, scoperte e riscoperte.
Un eccellente parco collaboratori che, in materia di saggistica cinematografica, costituisce un invidiabile bacino di sapere.
Una grafica di copertina che, negli anni, ha reso il nostro periodico riconoscibile e, a suo modo, iconico.
Queste le scaglie che, a esplosione consumata, abbiamo raccolto da terra e messo in valigia come punti di partenza per il nuovo mosaico.
Ma ovviamente, serviva molto altro. Così, progressivamente, abbiamo accumulato riflessioni e spunti per poi levigare, smussare e definire i nuovi confini della nostra officina di pensiero audiovisivo.
Per poter superare i limiti della prima linea editoriale, questi dovevano essere innanzitutto identificati. Uno su tutti: la costrizione in ottiche ancora troppo autoreferenziali nel rapporto tra cinema e contesti. INLAND, con i suoi quaderni sui registi, restava focalizzato e ripiegato verso l’interno. Il cinema per il cinema, insomma, con confluenze che faticavano a uscire dal bacino della Settima arte e, quando lo facevano, riconfluivano comunque entro quegli steccati. La politica degli autori chiedeva il suo giusto pegno ed elargirlo, in fondo, non era che un doveroso – ma limitativo – gesto di coerenza.
Serviva, dunque, riprogrammare il focus dei nostri quaderni, concependo monografie i cui oggetti di studio fossero di volta in volta aperti e permeabili a penetrazioni teoriche ampie, variegate, interdisciplinari nel senso più pieno del termine. In altre parole, era necessario uscire dall’ottica autoriale per entrare in una prospettiva fenomenologica.
Ci abbiamo riflettuto molto e, alla fine, abbiamo messo nero su bianco i tre obiettivi che questo nuovo corso avrebbe dovuto eleggere a linee di condotta e punti fermi da perseguire con determinazione. Tre pilastri invalicabili, tanto nel definire il criterio selettivo per i temi da trattare, quanto per orientare le riflessioni interne al perimetro del numero.

  • INLAND è un periodico di cultura cinematografica.
  • Perciò, l’oggetto di studio di volta in volta scelto dovrà possedere una relativa mole audiovisiva tale da giustificare una pubblicazione che risulti coerente con la natura stessa del quaderno. La suddetta mole audiovisiva dovrà essere variegata in quanto a natura mediale (cinema, televisione, serialità), artistica (documentario, reportage, finzione) e commerciale (intrattenimento/autorialità, mainstream/essai), e dovrà aprire il campo a indagini quanto più centrifughe possibile.

    1. INLAND è un periodico di ricerca.

    Perciò, ogni studio monografico dovrà essere frutto di un’indagine minuziosa, tanto sulla direttrice orizzontale dell’enciclopedismo, quanto su quella verticale dell’approfondimento. Lo studio dovrà utilizzare l’arte audiovisiva come cuneo con cui aprire varchi nelle gallerie di discipline, materie e aree semantiche altre. Inoltre, ogni oggetto di tale studio dovrà essere messo in relazione con tali discipline, materie e aree semantiche attingendo al sapere e agli strumenti non solo – non più solo – di saggisti e accademici cinematografico-televisivi, ma anche e soprattutto di esperti competenti nelle suddette discipline, materie e campi semantici, incaricati di illuminare con la dovuta luce certe zone di senso e, insieme, restituire la necessaria profondità fenomenologica.

    1. INLAND è un periodico pionieristico.

    Perciò, ogni numero monografico dovrà essere apripista – quantomeno in Italia, ma anche oltreconfine – circa il fenomeno trattato attraverso il filtro privilegiato dell’arte audiovisiva. Non solo. Al suo interno, ogni quaderno sarà chiamato a contenere sì gli elementi e le coordinate essenziali – storicizzate, in alcuni casi risapute – di un fenomeno e del suo corollario filmico e letterario, ma anche materiali e approfondimenti del tutto inediti – quantomeno in Italia, ma anche oltreconfine. INLAND dovrà continuare a essere un sito archeologico su carta, un laboratorio inesausto capace di diseppellire, (ri)portandoli alla luce, reperti preziosi e rimasti per troppo tempo al buio.

    I dogmi del nuovo corso sono stati redatti e affissi al muro della redazione il 25 novembre 2021. Ed è stato allora che, guidati da questi obiettivi, mettendo sul tavolo le ipotesi per i primi, possibili numeri, tre lettere ci hanno folgorati: R(ote)-A(rmee)-F(raktion).
    Ogni altra proposta è stata subito messa in un cassetto, da riaprire in data da destinarsi.
    Con la sua costellazione di volti, accadimenti, testi e produzioni artistiche, l’evento RAF ha risposto immediatamente, e con forza dirompente, ai tre dogmi.
    Il fascicolo è stato messo sul tavolo con un’etichetta: «Prima uscita, primavera 2024».
    Poi, di nuovo, abbiamo preso la dinamite, l’abbiamo collocata al centro del fenomeno-Fraktion e abbiamo azionato l’innesco.
    La deflagrazione ha mandato in frantumi un Moloch che affondava le sue radici in meandri che, in Italia, in pochi (e non sempre a proposito) avevano esplorato. Scaglie di Storia, biografie, audiovisivi, arte contemporanea, musica, politica e giurisprudenza sono affiorate in superficie, consentendoci di disporre sul tavolo innumerevoli tessere come altrettante domande, bisognose di risposte e interlocutori adeguati.
    Da quel novembre 2021 abbiamo trascorso settimane, mesi, anni a mettere ordine tra i detriti dell’esplosione.
    A prepararci.
    Abbiamo studiato a fondo, letto migliaia di pagine, visionato chilometri di pellicola, ascoltato ore di conversazioni.
    Abbiamo tradotto, ricercato, analizzato.
    Infine, abbiamo chiamato a raccolta il miglior parterre di contributori possibile, provenienti dai territori – geografici e intellettuali – di volta in volta più adatti ad affrontare un determinato taglio, una spigolatura, un’opera.
    Ci siamo ritrovati a comporre un indice all’apparenza più adatto a un volume – o a una serie di volumi – che a una rivista. Lo abbiamo sottoposto all’editore, certi che ci avrebbe imposto un freno o, quantomeno, paletti e restrizioni. Invece no. Come sempre, ha compreso le ragioni della svolta e la pertinenza del progetto, sposandolo e rincarando la dose: nuovo formato (con conseguente aumento di foliazione, fisiologico nel passaggio da un A4 a un vero e proprio quaderno), necessità di fotografie a corredo – che sono tante, e molto utili – e un numero di pagine decuplicato rispetto alla precedente linea editoriale.
    Il risultato lo avete tra le mani.
    Un tomo in grado di mappare l’intera produzione di immagini che hanno riflesso la Rote Armee Fraktion e sulla Rote Armee Fraktion hanno riflettuto. Un lavoro mastodontico, in cui si intersecano contributi di docenti di diritto penale, storici, critici cinematografici, studiosi di mass media, poeti, artisti, filosofi, politologi, esperti di RAF, sceneggiatori, registi e attori. Uno scavo profondo, durante il quale sono stati rinvenuti libri, cataloghi, film, tv movie e documentari del tutto inediti in Italia (alcuni mai sottotitolati nella nostra lingua) e che, tra gli altri, ha visto protagonista al nostro fianco Stefan Aust, il cui volume Der Baader-Meinhof Komplex – unanimemente considerato il punto di partenza per ogni studio del fenomeno RAF – abbiamo deciso di inserire nella collana I libri di INLAND e, così, (ri)mettere a disposizione dei lettori italiani, per la prima volta in edizione integrale.

    Il nostro ringraziamento va a Herr Aust, ma anche a Volker Schlöndorff e Margarethe von Trotta che, con entusiasmo e coinvolgimento, hanno accettato di impreziosire con le loro testimonianze – oltre che con le loro immortali pellicole a tema RAF – un numero già di per sé epocale.
    Ma il nostro grazie più sentito è rivolto a tutti i collaboratori che hanno messo a disposizione di INLAND il loro tempo, il loro sapere e le loro penne, contribuendo a trasformare quell’esplosione di schegge impazzite nel mosaico che siamo fieri di presentarvi.
    E adesso?
    Semplice: siamo già al lavoro sulla seconda tappa di questo nuovo viaggio.
    Una tappa che ci condurrà in Romania per esplorare, scoprire e portare alla luce audiovisivi in larga parte tra(o)scurati nel nostro Paese.
    Una tappa che si lega indissolubilmente a un nome: Nicolae Ceaușescu, Conducător di Romania dal 22 marzo 1965 al 22 dicembre 1989, attore, regista e soggetto occulto di tutto un cinema che, a seguito della sua destituzione forzata, lo ha raccontato seguendo innumerevoli direttrici centrifughe e, spesso, prive della sua “presenza in scena”.
    In relazione al fenomeno del terrorismo di sinistra coevo alla sua dittatura – RAF in primis – Ceaușescu si espresse senza mezzi termini il 3 agosto 1978, nella relazione alla seduta dell’attivo centrale di partito e di stato di Romania: «Noi abbiamo fatto e facciamo una differenza netta tra la lotta armata per la liberazione nazionale e sociale e le azioni terroristiche individuali. Noi consideriamo che il terrorismo non può costituire in nessuna circostanza una forma della lotta politica. Indifferentemente dai problemi che devono essere risolti in un paese o in un altro, la via del terrorismo non può che complicare e in ultimo impedire la soluzione dei problemi. Bisogna naturalmente analizzare le cause di questo fenomeno, per agire verso il loro allontanamento; ma indifferentemente da ciò, le azioni terroristiche non possono essere in nessun modo giustificate e approvate […]. Nel mondo capitalista, leso profondamente dai fenomeni di scomponimento sociale e morale […] appaiono concezioni nichiliste, anarchiche di ogni tipo – alcune di estrema sinistra, altre di destra – che non hanno niente a che fare con lo sforzo di soluzione dei problemi acuti delle masse, di trasformazione democratica, socialista, della società. Sfortunatamente simili teorie trovano ogni tanto appoggio anche da parte di alcuni comunisti».

    Con queste parole, INLAND chiude a suo modo un cerchio.
    E ne apre un altro.
    Buon viaggio.

    [Vai all'indice]

    Scarica il pdf

    Ultime uscite

    François Ozon

    François Ozon

    Inland n. 2/2016
    Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
    Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
    1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
    Aldo Lado

    Aldo Lado

    Inland n. 9/2019
    Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
    Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
    Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
    Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
    Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
    William Lustig

    William Lustig

    Inland n. 13/2020
    Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
    Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
    Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
    Rote Armee Fraktion

    Rote Armee Fraktion

    Inland n. 18/2024
    GRATUITO PER I NOSTRI LETTORI UN ESTRATTO DELLA COPIA DIGITALE DI QUESTO NUOVO INLAND E ALCUNI TESTI DA LEGGERE ONLINE Due anni fa, nel concepire il nuovo corso di INLAND, con [...]
    Antonio Bido

    Antonio Bido

    Inland n. 11/2019
    Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
    Carlo & Enrico Vanzina

    Carlo & Enrico Vanzina

    Inland n. 7/2018
    INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
    Lav Diaz

    Lav Diaz

    Inland n. 3/2017
    È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
    Mike Flanagan

    Mike Flanagan

    Inland n. 16/2023
    Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
    Manetti Bros.

    Manetti Bros.

    Inland n. 14/2022
    Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
    Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
    Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
    Rob Zombie

    Rob Zombie

    Inland n. 1/2015
    Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
    Pupi Avati

    Pupi Avati

    Inland n. 10/2019
    Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
    Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
    Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
    Sergio Martino

    Sergio Martino

    Inland n. 5/2017
    Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
    Carlo Verdone

    Carlo Verdone

    Inland n. 12/2019
    "Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
    Rob Zombie Reloaded

    Rob Zombie Reloaded

    Inland n. 8/2019
    Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
    America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
    L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
    Dario Argento

    Dario Argento

    Inland n. 15/2022
    Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
    Walt Disney - Il mago di Hollywood
    «Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
    4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
    Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
    Nicolas Winding Refn

    Nicolas Winding Refn

    Inland n. 4/2017
    Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
    Michele Soavi

    Michele Soavi

    Inland n. 6/2018
    Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

    Ultimi post dal blog

    Fabrizio Fogliato è un esperto di cinema e in particolare del cinema dei generi. Da anni pubblica regolarmente saggi e analisi che diventano punti di riferimento per il mondo del cinema. Lo scorso anno ha mandato in stampa un nuovo importante volume intitolato Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano. Lo abbiamo intervistato per farci spiegare di che cosa si tratta e in che modo ha analizzato il cinema criminale della Penisola. Partiamo dal titolo. Come mai ha scelto Con la rabbia agli occhi, che è anche il titolo di un film degli anni 70? Con la rabbia [...]
    Benedetta Pallavidino ha raccontato un attore molto controverso nel suo Helmut Berger. Ritratto su pellicola, edito da Bietti Edizioni nella collana Fotogrammi. L’abbiamo intervistata. L’attore classe 1944 è scomparso il maggio scorso ed è stato interprete di tanti capolavori tra cui diversi film di Luchino Visconti con cui ebbe anche una relazione. Ecco le sue parole sull’artista: Come nasce la tua voglia di andare a raccontare un personaggio controverso come Helmut Berger? Nasce dal fatto che l’ho sempre trovato un attore molto sottovalutato, ricordato solo per essere stato il divo e il compagno di Visconti. È sicuramente vero che diretto da [...]