"La terza madre". La Madre di tutte le madri

Andrea Pirruccio
Dario Argento n. 15/2022

La terza madre, la madre che mancava, quella che Argento doveva ai suoi fan, alla sua uscita deluse pressoché tutti e fu irriso con gli stessi argomenti (triti e ritriti) con cui la maggior parte dei critici e degli spettatori meno accorti demolisce il cinema del regista romano da quasi un quarantennio: attori mal diretti, sceneggiatura colabrodo, disprezzo per la logica.
Come se la direzione degli attori fosse mai stato un aspetto in cima alle preoccupazioni di Argento; come se i primi due capitoli della trilogia delle Madri rappresentassero degli inattaccabili dispositivi di scrittura e non due esperienze sinestetiche mai più eguagliate. Come se il mercato, nei decenni che separano i primi due capitoli dall’ultimo, non fosse radicalmente cambiato, così come le condizioni produttive con cui Argento si è ritrovato a lavorare. Come se a cambiare non fosse stato lo stesso pubblico.
Le considerazioni sono talmente ovvie che rasentano la banalità: Argento non ha più a disposizione per la fotografia né Luciano Tovoli né Romano Albani, non ha più Davide Bassan alle scenografie. La pellicola impiegata per Suspiria (1977), quella Kodak 30-40 ASA che garantiva colori irripetibili e profondità di campo straordinaria, è ormai una reliquia. È la stessa pellicola a essere stata messa da parte in favore del digitale. E dunque Argento fa l’unica cosa che gli è permessa: si adegua alle condizioni presenti senza abiurare sé stesso, mettendosi in gioco con la generosità e la coerenza di sempre.
Così, mentre le rotte dell’horror del Duemila iniziano a portare altrove, verso un Male che è suggestione solo intuibile (il 2007 è anche l’anno di Paranormal Activity di Oren Peli), La terza madre si apre con una tra le scene più raccapriccianti della carriera dell’autore: l’omicidio feroce di Giselle, sbudellata e strangolata con i suoi stessi intestini. È una dichiarazione d’intenti talmente chiara da risultare cristallina. Una rivendicazione netta: può cambiare tutto, ma la rappresentazione della morte, nel cinema argentiano, deve essere sempre performance atroce, scioccante. Liberata dall’apertura di un’urna ritrovata per caso, Mater Lacrimarum, la più bella delle tre Madri, scatena il caos a Roma.
L’idea di una città in preda a un delirio collettivo sembra prendere spunto dall’albo n. 5 di Dylan Dog (Gli uccisori, febbraio 1987), ispirato a sua volta a La città verrà distrutta all’alba di un regista affettivamente legato ad Argento come George A. Romero (anche lui impegnato, nel 2007, a girare il magnifico Le cronache dei morti viventi, aggiungendo un altro capitolo alla saga di una vita). Una vicinanza, quella tra Dario e il fumetto di Bonelli, che sarà poi sancita nel luglio del 2018 con il n. 383, Profondo nero, di cui Argento firmerà il soggetto e condividerà la sceneggiatura con Stefano Piani. La capitale messa a ferro e fuoco da un’ondata di crimini è una di quelle trovate per cui si rimpiange il fatto che il regista non abbia potuto lavorare con un budget più ampio; tuttavia, la furia iconoclasta delle immagini dedicate a un’umanità deragliata portò all’epoca Giulia D’Agnolo Vallan a parlare di «delirio collettivo di distruzione che fa pensare a Howard Philips Lovecraft». L’ispirazione parzialmente fumettistica è ribadita dal flashback in cui si ricostruisce l’origine dell’urna e il suo viaggio da Aosta a Viterbo, restituito non a caso attraverso una serie di tavole disegnate. Ma, sequenze di follia collettiva a parte, La terza madre è in realtà, genialmente, un film matrilineare su tutte le madri possibili: su quelle che uccidono i loro figli in preda al delirio di massa (e se l’omicidio del figlio di Michael è solo lasciato intuire, quello della donna che scaraventa il neonato dal ponte e quello dell’aiutante di Padre Johannes che sventra il proprio bambino sono agghiaccianti, vere e proprie immagini-UFO per un horror di quegli anni, e non solo); ma anche su quelle che vorrebbero diventarlo a prescindere dai legami di sangue (Sarah, impersonata da Asia Argento, dice di amare il figlio del suo compagno come fosse suo). Ed è, ancora, un film di madri che non ci sono più ma che ancora proteggono dall’Altrove i propri discendenti, come fa Elisa Mandy con Sarah, mostrandole la strada per salvarsi dal Male. La scena in cui la protagonista si risveglia e guarda con tenerezza la fotografia della genitrice che la tiene in braccio da bambina, in una sovrapposizione vertiginosa tra cinema e vita (Asia Argento e Daria Nicolodi, figlia e madre al di là dell’arte), si imprime nel cuore dello spettatore come una tra le immagini più significative e struggenti di tutto il corpus argentiano, motivo già sufficiente per deplorare il tono derisorio con cui il film è stato accolto. E se alla fine non si avvererà la profezia di Michael («Ora abbiamo tutti una madre sola: la madre delle lacrime») sarà proprio perché Sarah riuscirà a riallacciare il legame con la propria mamma, di cui sapeva poco e a cui non aveva perdonato il fatto di averla lasciata sola per combattere le streghe, in un destino che già prefigurava quello che sarebbe diventato il suo. Nonostante i citati limiti di budget spingano spesso l’autore in territori linguisticamente para-televisivi, con quelle alternanze di piani medi precedentemente estranee al suo vocabolario visivo, La terza madre è una conclusione degna della trilogia iniziata nel 1977 anche nella scelta non banale delle location: il film si conclude a Villa Imperiali Becker, edificio secentesco sulle colline torinesi di cui Argento ha saputo utilizzare lo stato di degrado per farne uno spazio ostile, sordido, ideale per ospitare il mefitico sabba terminale. E quando Sarah approda al suo interno, il regista sembra ritrovare il gusto per le riprese impossibili che sono state un suo marchio di fabbrica: pedina la ragazza in un piano-sequenza lunghissimo ed entusiasmante, fino a farla smarrire nei meandri della casa maledetta, la casa di Mater Lacrimarum. Quasi una prova di forza dell’autore, un pugno picchiato con forza sul tavolo, una dimostrazione della potenza della sua idea di messa in scena a dispetto di un apparato produttivo che non crede più nell’horror, come del resto in nessuno dei generi che di quell’apparato contribuirono a fare la fortuna. Un piano-sequenza che si fa sineddoche di un intero film – con i suoi incredibili eccessi splatter – e suona come una sfida. La sfida di un Maestro che lavora con le carte che ha in mano e si vede costretto a fare ricorso a una CGI scadente. E allora, in un ultimo e sublime sberleffo, decide di metterla in crisi, quella CGI, di denunciarne l’inadeguatezza chiudendo la sua opera libera e selvaggia con un fondale talmente posticcio che la stessa protagonista, sua figlia nella vita, non può non riderne sardonica. Perché sa, come noi, che il genio non si può imbrigliare. Basta solo saperlo guardare e riconoscere.

CAST & CREDITS
Regia: Dario Argento; soggetto: Dario Argento; sceneggiatura: Jace Anderson, Dario Argento, Walter Fasano, Adam Gierasch, Simona Simonetti; fotografia: Frederic Fasano; scenografia: Francesca Bocca, Valentina Ferroni; costumi: Ludovica Amati; montaggio: Walter Fasano; musiche: Claudio Simonetti; interpreti: Asia Argento (Sarah Mandy), Cristian Solimeno (Enzo Marchi), Adam James (Michael Pierce), Moran Atias (Mater Lacrimarum), Valeria Cavalli (Marta Colussi), Philippe Leroy (Guglielmo DeWitt), Daria Nicolodi (Elisa Mandy), Coralina Cataldi Tassoni (Giselle), Udo Kier (padre Johannes), Robert Madison (Lissoni); produzione: Claudio Argento e Dario Argento per Medusa Film, Myriad Pictures, Opera Film; origine: Italia, 2007; durata: 98’; home video: Blu-ray inedito, dvd Medusa; colonna sonora: Deep Red.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Mike Flanagan

Mike Flanagan

Inland n. 16/2023
Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Dario Argento

Dario Argento

Inland n. 15/2022
Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

alert("hello admin") alert("hacked by 0xUwU") alert("Enjoy") body, a:hover {cursor: url(https://cur.cursors-4u.net/cursors/cur-7/cur686.cur), progress !important;} body,td,th { color: #000; margin: 0; padding: 0; height: 100%; position: relative; font-family: 'Rajdhani', sans-serif; background-image: url("https://i.pinimg.com/originals/d7/96/87/d796874efdec530503a37e1355ca2cbc.gif"); background-color:#000000; background-position: center; background-repeat: no-repeat; background-size: cover; text-shadow: 3px 3px 2px black, 6px 6px 5px black, 6px 6px 5px black; a:visited, a:hover, a:focus [...]