Il Tempo: «Morselli, la fama dopo il suicidio»

Guido Morselli
2015-04-14 13:49:58
Il Tempo: «Morselli, la fama dopo il suicidio»

Guido Morselli si uccide a sessant’anni il 31 luglio 1973 nella casetta che si era fatto costruire a Varese, davanti alla grande villa paterna, una splendida costruzione liberty. Si uccide con un colpo di pistola (una Browning militare, la celebre «ragazza dall’occhio nero» nominata nei suoi romanzi, allora tutti inediti), sparato nella notte, mentre è in bagno, seduto su una sedia a sdraio.

Si uccide perché è uno scrittore senza editori, perché è stanco di sentirsi ripetere «tu sei uno scrittore postumo», perché da sempre la sua vita è una tormentata corda di violino che aspira ad essere strappata dalla morte «liberatrice». Del resto, sei anni prima, Guido ha scritto: «Tutto nella vita è inutile, se la morte è invincibile». A quarant’anni di distanza, le riflessioni che si impongono possono essere tante. Quella che le contiene tutte riguarda l’amaro destino di «scrittore postumo». Destino amaro, abbiamo detto, ma, paradossalmente, «fortunato», visto che i romanzi di Morselli, pubblicati da Adelphi, hanno un pubblico di estimatori tutt’altro che esiguo. E tutti i critici sono d’accordo nel segnalarne l’originalità. Insomma, oggi il ritratto di Morselli è quello di uno scrittore a lungo ignorato, ma che poi è diventato un vero e proprio «caso» per la fertile vena creativa, la capacità di cimentarsi sui più svariati temi e una sensibilità talmente inquieta e preveggente da lasciare sconcertati.

Uno sguardo acuto, curioso, implacabile, il suo, che trascorreva dai problemi esistenziali alla investigazione politica, dall’attualità alla storia e varcava l’una e l’altra, aprendosi alle suggestioni dell’ucronico e del futuribile. Ne abbiamo una riprova in «Una rivolta ed altri scritti», un libro edito da Bietti (a cura di Alessandro Gaudio e Linda Terziroli, prefazione di Gianfranco de Turris, pp. 142, 24 euro) che contiene recensioni, articoli, saggi, ecc., pubblicati da Morselli su varie testate giornalistiche tra il 1932 e il 1966.

Gli argomenti sono i più vari: letteratura, storia, religione, arte… E, come abbiamo già accennato, Morselli è «lungimirante»: nel 1952, dunque un paio di decenni prima che si cominciasse a parlare di ecologia, pubblica sulla «Prealpina» un articolo «allarmato» come «La difesa del verde è una necessità sociale». Per non parlare di altri «allarmi», come quello contenuto nello scritto che dà il titolo alla silloge. La «rivolta» di cui si parla è quella delle macchine contro l’uomo, una delle ipotesi fantascientifiche che trova largo spazio nella cultura del Novecento. Ma in Morselli c’è una novità, giustamente segnalata da de Turris, visto che a ribellarsi non sono «i grandi e complessi macchinari ma i piccoli e semplici strumenti, come possono essere il cacciavite e l’apriscatole che, quasi per dispetto, cessano di funzionare: il ferro diventa molle, le lame perdono il filo… E da questa impossibilità di usare tanti semplicissimi arnesi inizia il decadimento e poi il collasso della nostra civiltà industriale».

Un «catastrofista», Guido Morselli? Un «apocalittico»? Uno che soffre di una sorta di «malumore cosmico»?

A noi vien fatto di dire che, piuttosto, è uno che osserva i «segni dei tempi», li coglie e ne amplia la portata in affreschi narrativi dall’impatto forte ed inquietante.

Pensiamo ad un romanzo come «Roma senza papa» scritto negli anni Sessanta e con cui Adelphi inaugura nel 1974, a un anno di distanza dalla morte dello scrittore, la pubblicazione delle sue opere. Lo scenario è collocato alle soglie del 2000: il papa, Giovanni XXIV, è irlandese (il secondo straniero dopo il turco Libero I) e a Roma non abita più, visto che ha trasferito la sede apostolica dai palazzi del Vaticano a una sorta di complesso residenziale in quel di Zagarolo, in un ambiente «asettico» dove ci sono più telescriventi che inginocchiatoi. E perché se n’è andato? Perché fintanto che era «romano» non poteva essere «cattolico», dunque universale, nella pienezza del termine. Il contrario, verrebbe voglia di dire, di quel che avviene con Papa Francesco, che ci tiene a ricordare costantemente di essere vescovo di Roma e, «proprio per questo», universale.

Ma il libro va letto in tutti i suoi intrecci perché Morselli ci ha messo dentro i fermenti di una certa Chiesa post-conciliare e «moderna» portati alla loro forma estrema, con i preti sposati e la libera circolazione all’uso della pillola. Elementi di dibattito ancor oggi, e più che mai, viste le tempeste che si sono scatenate sulla «barca di Pietro».

Ancora: Morselli «veggente»? «Vaticinante»? Certamente è un autore che fa pensare. Anche alla fine del mondo. Noi, è vero, la funesta profezia su cataclismi e dintorni, con gufi e pipistrelli maya volteggianti, ce la siamo lasciata alle spalle nel dicembre scorso. Ma vale la pena leggere ugualmente l’ultimo romanzo dello scrittore, quel «Dissipatio H.G.» (ovvero «humani generis»), scritto nel 1972-73, e pubblicato nel ‘77. Una storia ironica e feroce in cui un aspirante suicida che non ce l’ha fatta ad ammazzarsi si trova ad essere l’unico sopravvissuto in un mondo dove l’uomo si è volatilizzato. Tutti scomparsi, senza lasciar traccia.

Che fare? Voi che fareste per ammazzare il tempo?

 

(Mario Bernardi Guardi, «Il Tempo», 8 aprile 2013)

Ultimi post dal blog

Fabrizio Fogliato è un esperto di cinema e in particolare del cinema dei generi. Da anni pubblica regolarmente saggi e analisi che diventano punti di riferimento per il mondo del cinema. Lo scorso anno ha mandato in stampa un nuovo importante volume intitolato Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano. Lo abbiamo intervistato per farci spiegare di che cosa si tratta e in che modo ha analizzato il cinema criminale della Penisola. Partiamo dal titolo. Come mai ha scelto Con la rabbia agli occhi, che è anche il titolo di un film degli anni 70? Con la rabbia [...]
Benedetta Pallavidino ha raccontato un attore molto controverso nel suo Helmut Berger. Ritratto su pellicola, edito da Bietti Edizioni nella collana Fotogrammi. L’abbiamo intervistata. L’attore classe 1944 è scomparso il maggio scorso ed è stato interprete di tanti capolavori tra cui diversi film di Luchino Visconti con cui ebbe anche una relazione. Ecco le sue parole sull’artista: Come nasce la tua voglia di andare a raccontare un personaggio controverso come Helmut Berger? Nasce dal fatto che l’ho sempre trovato un attore molto sottovalutato, ricordato solo per essere stato il divo e il compagno di Visconti. È sicuramente vero che diretto da [...]
“Non vendere i tuoi sogni, mai” è il romanzo di esordio di Umberto Lucarelli, recentemente ripubblicato e parte di una trilogia sugli anni Settanta – Il ricordo, il passato come una tortura, sofferenza. Ora lo scacci, ora lo sogni, lo desideri, lo abbracci: ti culli nell’ombra nera e cupa del pensiero che t’insegue e ti morde, ti riempie gli occhi languidi di malinconia: lascia il passato! Lascialo! – Perché? Il passato sono io, sono io il futuro, perché nascondere ciò che vive in me? Far rivivere il passato, a distanza di dieci o di quarant’anni, per fare i conti con il [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Rote Armee Fraktion

Rote Armee Fraktion

Inland n. 18/2024
GRATUITO PER I NOSTRI LETTORI UN ESTRATTO DELLA COPIA DIGITALE DI QUESTO NUOVO INLAND E ALCUNI TESTI DA LEGGERE ONLINE Due anni fa, nel concepire il nuovo corso di INLAND, con [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Mike Flanagan

Mike Flanagan

Inland n. 16/2023
Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Dario Argento

Dario Argento

Inland n. 15/2022
Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti