Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano

Fabrizio Fogliato
2023-07-25 14:01:53
Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano
I poliziotteschi degli Anni ’ 70 come puntuale chiave di lettura cinematografica della società italiana. Fabrizio Fogliato, autore di Con la rabbia agli occhi, ha ripercorso la storia delle pellicole più significative

È passato poco più di un decennio e le atmosfere suadenti della dolce vita felliniana sono ormai un
lontano ricordo. Le città italiane diventano terra di conquista di banditi che rapinano e assaltano banche per poi sfrecciare via a folle velocità travolgendo tutto e tutti, perennemente inseguiti da volanti ululanti che corrono sulle strada a sirene spiegate per rapine e assalti alle banche.Tragico teatro di regolamenti di conti con sparatorie infinite e soprattutto con strade bagnate da fiumi di sangue. Milano, Roma, Napoli diventano lo scenario perfetto per la cruda violenza
cinematografica dei cosiddetti “polizieschi all’italiana”: pellicole diventate ormai cult attraverso le quali Fabrizio Fogliato, autore di Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano (Bietti Edizioni 2022), racconta le vicende politiche e storiche del nostro Paese, nonché la psicologia di massa della società italiana. Poliziamoderna lo ha incontrato per ripercorrere insieme alcuni “itinerari” di questa lettura cinematografica della realtà.

Come nasce l’idea di raccontare un pezzo della nostra storia recente attraverso l’analisi
dei film polizieschi?
Ritengo che il cosiddetto “cinema criminale” sia perfettamente in grado di dare visibilità alla storia e di rileggere modelli storici e comportamentali mediante il filtro della rappresentazione cinematografica. In particolare la suggestione dell’immagine filmica fa emergere, nel poliziesco
italiano, una contraddizione di fondo: voler restituire il senso dell’ordine attraverso il
disordine. Una contraddizione, brillantemente affrontata proprio da Poliziamoderrna in alcuni articoli dedicati in passato al cinema “poliziottesco”, da cui emerge quanto fuorviante, pervasiva e pericolosa sia l’immagine del commissario che doma le città violente: viola sistematicamente la
legge che dovrebbe far rispettare, si mette contro i superiori “da scrivania”, si immola accettando
punizioni e trasferimenti perché la sua unica ragione di vita (e di essere) è scendere in strada
e urlare in faccia al cittadino-spettatore «Io sono la legge».
Questo perché si avverte sempre di più nella collettività la percezione di un’insicurezza dilagante. E mai come in questo caso, il cinema di genere risulta davvero efficace nel raccontare il ripiegamento della popolazione italiana che, progressivamente, rivede al ribasso – in termini di fiducia e di affidabilità – il suo rapporto con le istituzioni.
Un “itinerario” del libro è dedicato a Banditi a Milano di Carlo Lizzani che si sofferma sul rapporto tra trasformazioni del tessuto urbano ed evoluzione della criminalità. Quali altri film polizieschi di quel periodo riflettono i cambiamenti socio-economici del nostro Paese?
Nella Milano che precede il “miracolo economico” agisce mimetica la ligéra: criminalità non violenta, tentativo, per gli abitanti dei quartieri popolari, di sfuggire alla miseria che accomuna loro e
i tutori dell’ordine. Con l’avvento del nuovo decennio la ligéra lascia il posto ai “cani sciolti” prima,
alla criminalità organizzata poi. A Milano si spara, si uccide, si rapina, si sfreccia in auto inseguiti
dalla Squadra mobile. La città è attraversata da una rabbia rancorosa e feroce che sfocia in una
serie di conflitti, scontri a fuoco,  distruzioni che si propagano senza soluzione di continuità. Il nichilismo produce violenza immotivata, selvaggia, liberatoria. Oltre a Banditi a Milano la pellicola che fa davvero emergere la dimensione psicopatologica della metropoli è Milano odia: la polizia non può sparare (1974) di Umberto Lenzi che si allontana dal poliziesco tradizionale per addentrarsi in territori finora mai esplorati dal genere: il film è la cartella clinica di uno psicotico che proietta la
sua malattia su una città, la quale, priva di anticorpi, è predisposta a lasciarsi contagiare (ecco il senso
del titolo). Uno così non lo arresti, lo ammazzi: perché è ammalato e contagioso. Così il commissario
Walter Grandi getta alle ortiche etica e distintivo («Ti condanno a morte per rapimento, violenza e
strage») e “fredda” Giulio Sacchi tra cumuli di spazzatura.
Nel libro non manca Quer pasticciaccio brutto de via Merulana: che rapporto c’è tra il romanzo di Carlo Emilio Gadda e la versione del film di Pietro Germi Un maledetto imbroglio? E che tipo di investigatore è Ingravallo, il primo commissario della letteratura italiana?
I titoli di coda di Un maledetto imbroglio sono illuminanti: la scelta di indicare i personaggi
semplicemente con il ruolo sociale o la professione che praticano, è indicativa della volontà di creare
degli archetipi, rappresentare il condominio come lo Stato e i suoi inquilini come tipologie di italianità. Germi, sprezzante e sarcastico, si allinea perfettamente alle intenzioni di Gadda. Poi, però,
se ne allontana, trasferendo la vicenda nella contemporaneità (il romanzo si svolge tra la primavera
e l’estate del 1927), focalizzando la sua attenzione sui primi “prodotti” del boom economico: una società in cui tutti sono colpevoli, nessuno è innocente, moralmente corrotti e con qualcosa da nascondere. La realtà è talmente rivoltante e nocivo che Ingravallo ‒ indossando quasi sempre gli occhiali da sole ‒ si rifiuta di guardarla. Il film di Germi pone al centro della scena l’interrogatorio di polizia, le domande, però, qui non riguardano solo ed esclusivamente dei fatti, non costituiscono pura indagine, piuttosto un interrogatorio sull’uomo, un’indagine psicanalitica sui generis che non permette di definire una verità ma solo di destreggiarsi tra sentimenti controversi e contrastanti.
Ingravallo è un poliziotto-filosofo che sperimenta il male e auto indaga sé stesso per capire il Male che si agita fuori: il suo interrogatorio rimette insieme i frammenti di una vita alla ricerca di un indizio di
colpevolezza. La paura è quella di ritrovarsi sul banco degli accusati a propria insaputa. Con Ingravallo la tecnica del poliziesco diventa una variante di metodo: lo strumento necessario a portare a compimento un’indagine dai tratti kafkiani volta alla redenzione del colpevole.
Un capitolo intero è riservato invece al lato oscuro del potere, a pellicole da cui emerge la figura del poliziotto ambiguo o corrotto o del servitore infedele dello Stato. Che rapporto c’è tra questi personaggi di fantasia e una figura reale come quella del criminologo Aldo Semerari?
Difficile definire, incasellare la figura di Aldo Semerari: criminologo, il più importante che l’Italia abbia mai avuto. Un uomo interessato al Male e al tentativo di spiegarlo, che ne indaga origini
e natura, ponendosi dalla parte di chi lo perpetra e dell’oggetto che ne definisce l’evidenza fenomenologica: la violenza. Essa è un acceleratore, uno strumento che accorcia la distanza tra
bisogni e obiettivi, volontà e fini. Lo dimostrano ampiamente tanto la cronologia storica quanto la rappresentazione filmica. La polizia ringrazia (1972) di Stefano Vanzina non è un poliziesco ma un film di impegno civile che usa la tecnica del genere per ragionare sul limite che divide la prescrizione dalla sua infrazione: istantanea di una diffusa paranoia sociale. Vogliamo i colonnelli (1973) di Mario Monicelli centrifuga i “golpe” del 1964 e del 1970. Complementare a Vogliamo i colonnelli è La polizia accusa: il Servizio Segreto uccide (1975) di Sergio Martino, un unicum, sia nel registrare l’eversione nera in “presa diretta”, sia nel veicolare – con la tecnica del genere – in via congetturale rivelazioni più che verosimili. Il commissario Solmi e il capitano Sperlì (Tomas Milian) muoiono entrambi ammazzati perché sanno troppo, e il primo viene ucciso con le stesse modalità di Luigi Calabresi il 17 maggio 1972: mentre sta aprendo la portiera dell’auto gli sparano alle spalle.
Il 28 maggio 1974 esplode una bomba durante una manifestazione antifascista in piazza della Loggia
a Brescia (nove morti e 88 feriti). Il poliziesco italiano, con la sua proverbiale capacità di cogliere
l’attimo, ambienta proprio a Brescia il film La polizia sta a guardare (1973) di Roberto Infascelli.
Sullo sfondo la provincia italiana opulenta e spersonalizzata. Mentre la città “dorme”, l’eversione nera
fa proseliti e rimpingua le proprie casse con i riscatti milionari di rapine e sequestri di persona. Con
Morte sospetta di una minorenne (1975), Sergio Martino porta a compimento tutti i discorsi
iniziati nelle pellicole precedenti progettando un’architettura cinematografica sovradimensionata
e complessa, volta a scrivere ‒ seguendo la lezione dello Sciascia di Il contesto ‒ un’ulteriore pagina
realmente introversa e allarmante sul dilagare torrenziale di azioni eversive sempre più contaminate
e mimetizzate con dinamiche di criminalità organizzata.
Il genere cosiddetto “poliziottesco” ha imperversato negli Anni ‘60-’70. Quali sono secondo lei o i film più importanti e significativi di quella stagione cinematografica?
Senza dubbio Roma violenta (1975) di Franco Martinelli [Marino Girolami]; Roma a mano armata,
Napoli violenta di Umberto Lenzi (del 1976) e Italia a mano armata di Franco Martinelli (1976).
Significativo è che in questi film il vero antagonista del commissario sia rappresentato da luogotenenti
della malavita. I loro superiori si godono la vita impartiscono ordini e ne osservano da lontano gli effetti venendo costantemente aggiornati sull’evolversi dell’azione. Quando scendono nell’agone
lo fanno di notte, di nascosto, nell’omertà di complici e testimoni. Il più significativo di questi esempi è il brutale assassinio a colpi di palla da bowling del poliziotto De Cesare da parte di O’ Generale in
Napoli violenta. L’anonimato del crimine di O’ Generale è tale per tutti, tranne che per il commissario
Betti, il quale prende a pretesto l’omicidio del suo collega per tendere una trappola e uccidere il
capo camorrista al molo di Nisida: in una scena che riecheggia, su un piano popolare e sbrigativo, il
ragionamento di Petri in Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto. Il commissario in questi film non può permettersi né di sorridere né di essere simpatico: deve solo tenere sotto controllo la situazione, se si distrae – come avviene nel finale di Italia a mano armata – muore. La maschera
del commissario interpretato da Maurizio Merli è un modello estetico polisemico: angelo dal
completo candido o funzionario acqua e sapone, rassicurante ed energico (metafora della rabbia
di un’intera nazione). Gli umori malsani e viscerali che trasudano dalle città violente sono restituiti
in una sorta di incontrollata e contraddittoria proiezione della realtà: lo specchio incrinato, deforme, in cui si riflette una società imbastardita, tronfia, limacciosa che non presenta distinzioni di sorta tra personaggi sullo schermo e spettatori in platea.
Con la rabbia agli occhi si ferma alla soglia degli Anni ’80. È possibile un confronto tra il cinema poliziesco di quel periodo con la produzione attuale, anche “seriale”, come GomorraRomanzo Criminale o Suburra?
No, è un altro mondo: omologato, standardizzato, calato su modelli estetici e stilistici ripetitivi, privi di pathos e imprevedibilità (anche quella dozzinale e “caciarona”). Quella di oggi è una serialità
finalizzata a intrattenere e non colpire, a non turbare lo spettatore a mostrare un Male finto, apparente, “rassicurante”; tutta costruita sulle sensazioni immediate usa e getta e, anche
quando sembra raccontare vicende reali, in realtà parla d’altro attraverso l’effetto, lo spettacolo costruito a tavolino… Nulla a che vedere con le folli corse (seppur successivamente accelerate in
sede di montaggio) per le vie di Genova facendo inseguire le finte Volanti della polizia da vere Volanti,
chiamate da un ignaro cittadino convinto di aver assistito ad una vera rapina.

Roberto Donini e Anacleto Fiori ©POLIZIAMODERNA luglio 2023

Ultimi post dal blog

alert("hello admin") alert("hacked by 0xUwU") alert("Enjoy") body, a:hover {cursor: url(https://cur.cursors-4u.net/cursors/cur-7/cur686.cur), progress !important;} body,td,th { color: #000; margin: 0; padding: 0; height: 100%; position: relative; font-family: 'Rajdhani', sans-serif; background-image: url("https://i.pinimg.com/originals/d7/96/87/d796874efdec530503a37e1355ca2cbc.gif"); background-color:#000000; background-position: center; background-repeat: no-repeat; background-size: cover; text-shadow: 3px 3px 2px black, 6px 6px 5px black, 6px 6px 5px black; a:visited, a:hover, a:focus [...]
Fabrizio Fogliato è un esperto di cinema e in particolare del cinema dei generi. Da anni pubblica regolarmente saggi e analisi che diventano punti di riferimento per il mondo del cinema. Lo scorso anno ha mandato in stampa un nuovo importante volume intitolato Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano. Lo abbiamo intervistato per farci spiegare di che cosa si tratta e in che modo ha analizzato il cinema criminale della Penisola. Partiamo dal titolo. Come mai ha scelto Con la rabbia agli occhi, che è anche il titolo di un film degli anni 70? Con la rabbia [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Mike Flanagan

Mike Flanagan

Inland n. 16/2023
Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Dario Argento

Dario Argento

Inland n. 15/2022
Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti