Volevo dipingere la luce del sole. Vita di Edward Hopper tra pittura e cinema

Ilaria Floreano
2017-01-17 14:05:01
Volevo dipingere la luce del sole. Vita di Edward Hopper tra pittura e cinema

Dipingere la luce del sole. È davvero possibile che l’intera poetica di un autore, di fama internazionale peraltro, sia riconducibile a questo ingenuo, a tratti infantile, auspicio? Se comprendiamo ciò a cui Edward Hopper intende alludere con questa espressione, la risposta – affermativa – non ci stupisce più. Perché il pittore, nella luce del sole, non vede un mero fenomeno sensibile e contingente, bensì la concretizzazione visiva di quella fonte primaria e universale che proprio nel mondo quotidiano si rende paradossalmente accessibile. Questo “fenomeno originario”, per impiegare un calco goethiano, è la parte che risplende del tutto, come già insegnava il poeta inglese William Blake: «Vedere un mondo in un granello di sabbia, / e un cielo in un fiore selvatico, / tenere l’infinito nel palmo della tua mano / e l’eternità in un’ora».

L’eternità a cui Hopper ha voluto consacrare la propria metodica arte si rende così vibrante proprio nel corpo ondulatorio della luce. Di quella luce che affascinava l’artista da bambino, sbattendo sul lato della sua casa nella provincia americana della East Coast. Lo racconta efficacemente, con una dovizia di particolari che non spegne mai la sua prosa accattivante, Ilaria Floreano, nel suo Volevo dipingere la luce del sole. Vita di Edward Hopper tra pittura e cinema, recentemente pubblicato per i tipi di Bietti.

La copertina del volume su Hopper

La copertina del volume su Hopper

Questa monografia rincorre la sfuggente personalità dell’artista statunitense individuando almeno quattro linee interpretative che si dipanano intrecciandosi: le ispirazioni culturali; la contestualizzazione storica della sua poetica entro il magmatico milieux dell’immaginario collettivo occidentale; le vicissitudini biografiche, con particolare attenzione per il rapporto di odi et amo con la moglie “Jo”; infine, la contaminazione con il cinema, hollywoodiano ma non solo. Se per l’approfondimento di ciascuno di questi topoi non ci si può esimere da un serio confronto con il ben documentato saggio, può essere interessante tirar qui le somme di questi nodi proficuamente aggrovigliati, per farci un’idea generale di Edward Hopper. Il quale, da questa monografia, emerge in una fisionomia chiaroscurale che è in fondo l’emblema principe di questa nostra modernità. Hopper che, infatti, ama i grandi della tradizione europea – da Vermeer agli impressionisti, dallo scettico Montaigne ai poeti francesi Rimbaud e Verlaine – è nel contempo influenzato radicalmente dai nuovi mezzi espressivi del Secolo Breve, fotografia e cinema in primis; il cantore degli U.S.A., che ha reso iconiche e inconsciamente attive nella nostra creatività gli scorci dell’America più moderna – stazioni di benzina deserte, strade vuote, negozi illuminati dal neon, case vittoriane –, è anche un solitario flâneur, nonché un attento custode di un’idea tradizionale di pittura: figurativa, meditata, comprensibile nell’introspezione e nel raccoglimento, di contro alla moda a lui – e a noi – contemporanea, ispirata a un’arte astratta, concettuale, sperimentale e infinitamente riproducibile (si pensi ad Andy Wharol).

Questo anticonformista, incapace tuttavia di recidere completamente i ponti con il proprio retaggio puritano, solitamente silenzioso e meditabondo, piuttosto iracondo, a tratti violento con la moglie verso cui manifestava d’altra parte slanci di affetto sincero, ha guardato all’America del Novecento calando lo sguardo nelle sue profondità più insondate. Lo ha fatto con il suo tratto cinematografico, cogliendo impietosamente l’alienazione e la nausea, per dirla con Sartre, che albergavano nei cuori dei suoi concittadini. Di quegli statunitensi che, ancor oggi, proiettano la propria autocoscienza, con tutte le sue contraddizioni, sugli schermi del cinema. La Settima Arte, che appassionava e stimolava il pittore di Nyack e che dalla sua poetica è stata profondamente influenzata, è il medium che meglio veicola, più o meno consapevolmente, la sua visione del mondo. Una prospettiva, questa, fatta di immagini, figure e tagli che nella loro forma e allusività simbolica si manifestano in molteplici contesti, aprendo infiniti squarci sul moderno e sul suo Zeitgeist. Squarci che risuonano in modo evocativo per l’astante contemporaneo che, inevitabilmente, in interiore homine, molto condivide col pittore statunitense. Siamo tutti, almeno un po’, hopperiani – questo ci rivela, in fondo, Ilaria Floreano.

*Volevo dipingere la luce del sole. Vita di Edward Hopper tra pittura e cinema, Ilaria Floreano (Edizioni Bietti, Milano 2016, pp. 290, € 20)

 

Luca Siniscalco ©barbadillo.it / gennaio 2017

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]
È da poco uscito nelle sale cinematografiche Il signor Diavolo, ultimo lavoro di Pupi Avati, il cui successo cinquantennale non è forse dovuto solo a fattori tecnici ma a una precisa «visione del mondo» sottesa alla sua produzione. Il film è stato accompagnato da due pubblicazioni, edite da Bietti: Il gotico padano, di Claudio Bartolini e Ruggero Adamovit, e un numero monografico in edizione limitata, numerata e autografata di INLAND. Quaderni di cinema, che affronta il mondo avatiano a 360 gradi, soffermandosi in particolare su questa «visione del mondo», tesa tra folklore e immaginario, Medioevo e modernità, le assolate distese [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti