Le firme di INLAND #13 William Lustig

William Lustig n. 13/2020

MARCELLO AGUIDARA. Classe 1982, videomaker laureatosi in Cinema, televisione e produzione multimediale all’Università di Bologna con una tesi sulla nuova serialità televisiva. Collabora con la rivista Nocturno dal 2009 e ha scritto un saggio per il volume Fantarock. Stranezze spaziali e suoni da mondi fantastici (2018).

CLAUDIO BARTOLINI è direttore di INLAND. Quaderni di cinema e co-direttore delle collane di saggi cinematografici I libri di INLAND, Bietti Heterotopia e Cinemarcord presenta. Tra le sue pubblicazioni, Il gotico padano. Dialogo con Pupi Avati (Le Mani, 2010; Bietti, 2019) e Il cinema giallo-thriller italiano (Gremese, 2017).

MATTEO BERARDINI. Cultore in Cinema per l’Università di Tor Vergata, è direttore della rivista online Point Blank. Collabora con Gli Spietati e INLAND; è fondatore per il Menocchio della collana CUT, di cui ha curato due testi su Netflix e la serialità. È autore per Bietti – I libri di INLAND di Strade di fuoco. La città nel cinema criminale statunitense degli anni ’80.

PIER MARIA BOCCHI è critico cinematografico. Scrive per Cineforum, Blow Up, Film Tv e Cineforum.it. Tra le sue pubblicazioni, Michael Mann, Mondo queer. Cinema e militanza gay, Brivido caldo. Una storia contemporanea del neo-noir. Per Bietti Heterotopia ha pubblicato Invasion Usa. Idee e ideologie del cinema americano anni ’80. Collabora con il dizionario dei film Il Mereghetti.

GIACOMO CALZONI. Nato nel 1984 a Perugia, dove è attivo nell’organizzazione di eventi e rassegne cinematografiche. Collabora con il quotidiano online Sentieri Selvaggi, con Point Blank e con il mensile Cineforum. Dal 2016 è tra i collaboratori di Il Mereghetti. Dizionario dei film.

RICKY CARUSO. Nato a Catania nel 1976, si occupa di fotografia, produzione e post-produzione video. Il suo primo lungometraggio, Naftalina, è stato distribuito in dvd da Sinister Film. Dal 2009 organizza eventi cinematografici e rassegne nella sua città, dal 2018 cura due rubriche di approfondimento home video su Nocturno.

MAX DELLA MORA. Appassionato di psychotronic movies, soprattutto asiatici e americani. Scrive con Riccardo Esposito e Massimo Monteleone Fant’asia (1994), testo seminale sul cinema fantasy orientale. Collabora al libro 35 millimetri di terrore di Loris Curci e Massimo F. Lavagnini. Crea la fanzine Gorezilla (1988) e collabora con Nocturno.

ROBERTO DELLA TORRE. Responsabile delle collezioni filmiche della Fondazione Cineteca Italiana, insegna Storia del cinema italiano all’Università Cattolica di Milano. Tra le sue pubblicazioni Invito al cinema. Le origini del manifesto cinematografico italiano e Poesia bianca. Il cinema di Simone Massi.

FABRIZIO FOGLIATO. Critico cinematografico, storico del cinema. Torinese, classe 1974. È coordinatore didattico e docente presso il centro formativo Starting Work di Como. Scrive per La provincia di Como. Autore di saggi su Abel Ferrara, Michael Haneke, Luigi Scattini, Paolo Cavara e Gualtiero Jacopetti, nonché del volume Italia: ultimo atto. L’altro cinema italiano.

MARCO LAZZAROTTO MURATORI, psichiatra e psicoterapeuta, socio Jonas Onlus, membro di ALIPSI (Associazione Lacaniana Italiana di Psicoanalisi). Ha collaborato con la rivista Nocturno.

ANTON GIULIO MANCINO insegna cinema all’Università di Macerata. Autore di volumi sul cinema politico italiano, in particolare su Rosi e Bellocchio. Per Bietti Heterotopia ha pubblicato La recita della storia. Il caso Moro nel cinema di Marco Bellocchio (2014). Collabora con Cineforum, Cinecritica e Fata Morgana.

ANTONIO JOSÉ NAVARRO. Critico e storico del cinema, è collaboratore di riviste specializzate tra cui Dirigido por e le italiane Nocturno e Blow Up. Ha scritto o curato numerosi volumi, tra cui American Gothic. El cine de terror USA 1968-1980 (2007) e Choque de titanes. 50 películas fundamentales sobre la Guerra Fría (2017). Per Bietti Heterotopia ha pubblicato L’impero del terrore. Il cinema horror statunitense post 11 settembre (2019).

ANDREA PIRRUCCIO. Nasce dal 1974 e, per merito del padre, guarda horror dall’età di quattro anni. Nel 2000 si laurea in Storia e Critica del Cinema a Torino con una tesi sui tre film girati da Roberto Rossellini con Ingrid Bergman. Collabora con Cineforum.it e con Il Mereghetti. Dizionario dei film.

ANDREA RURALI lavora nella redazione cinema di Mediaset e si occupa della programmazione del canale Cine34. È il co-fondatore e direttore del webzine CineAvatar.it. Tra le sue pubblicazioni, il saggio Il mio nome è western italiano nel volume Quando cantavano le Colt. Enciclopedia cine-musicale del western all’italiana (2017).

RUDY SALVAGNINI è sceneggiatore di fumetti (Topolino, Il Giornalino e altri). Ha scritto il romanzo Il vortice dei ricordi (Alcheringa). Collabora a Segnocinema e MYmovies. Ha scritto il Dizionario dei film horror (Corte del Fontego), Hal Ashby (Il Castoro), Il cinema di Bob Dylan (Le Mani) e Il cinema dell’eccesso (Crac).

MARCO SANSIVERI. Curatore della pagina facebook Il laboratorio del Dr.Morte: Apocalypse 80 e dintorni, collabora con Nocturno.it e ha pubblicato nel 2016 Apocalypse Italia, primo studio organico sul cinema post-atomico tricolore. È in corso di pubblicazione la sua monografia 1990. I guerrieri del Bronx, per la collana CinemArcord presenta.

SIMONE SCAFIDI. Nato nel 1978, ha diretto sei film tra i quali Gli arcangeli (2007), Eva Braun (2014) e Fulci for Fake (2019). Docente di regia alla Civica Scuola di Cinema “Luchino Visconti” di Milano, ha pubblicato Linguaggio audiovisivo e sviluppo tecnologico (Dino Audino Editore). È in corso di pubblicazione la sua monografia …e tu vivrai nel terrore! L’aldilà, per la collana CinemArcord presenta.

PAOLO ZELATI, classe 1975, vive a Mantova dove lavora come giornalista e critico cinematografico. Ha fondato e diretto i mensili italiani Independent Store, Horrormania e Horror Time e collaborato per anni con Nocturno. Ha pubblicato Il Signore del Male. Il fantastico realistico nel cinema di John Carpenter (2008) e American Nightmares. Conversazioni con i maestri del New Horror americano (2014).

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Quando si parla di grandi case di produzione americane specializzate nel cinema d'animazione, i nomi che vengono subito in mente sono quelli della Disney e della Pixar. In particolare quest'ultima (che dal 2006 appartiene proprio alla Walt Disney), che sin dal primo lungometraggio, «Toy Story», ha sempre suscitato grande interesse nella critica, ottenuto consensi spesso unanimi, portando alla nascita di tanti studi e analisi relative ai capolavori realizzati. Forse anche per questo, la sua “rivale”, la DreamWorks Animation, non ha avuto sempre la giusta attenzione: la collana Bietti Heterotopia (specializzata in ottimi libri sul [...]
Edgar Reitz è uno dei registi più rappresentativi del cinema tedesco contemporaneo, tra i creatori del “Manifesto di Oberhausen”, il Nuovo Cinema Tedesco (1962) di cui Reitz è uno dei massimi esponenti insieme a Kluge, Fassbinder, Herzog, Wenders (solo per citare i più conosciuti). Raccontare Reitz è raccontare una parte di storia del cinema tedesco e contemporaneamente, grazie alla sua serie ' il ciclo di Heimat', è il modo di ripercorrere tramite i ricordi, gli affetti, il concetto del tempo e il rapporto tra campagna e città, tutta la storia della Germania del Novecento. Impresa tanto complicata quanto affascinante di [...]