Spiando Marina. Eutanasia del thriller martiniano

Sergio Martino n. 5/2017
Spiando Marina. Eutanasia del thriller martiniano

di Valentino Saccà

Che cos’ha in comune Spiando Marina con la precedente produzione thriller di Sergio Martino?

Per l’occhio dello spettatore più accorto è immediatamente evidente che Spiando Marina non è propriamente un thriller e, se lo è, si affranca quasi totalmente dagli elementi espressivi impiegati da Martino nella sua precedente produzione. L’elemento erotico è predominante all’interno della cornice estetica, in cui quasi ogni fotogramma è costruito con compiaciuto esibizionismo attraverso dettagli anatomici del disponibile corpo di Debora Caprioglio.

Siamo agli inizi degli anni Novanta e il cinema di genere sta subendo una lenta mutazione espressiva che lo porterà presto al declino, dopo aver imperato nei decenni precedenti producendo codici stilistici a posteriori seminali. Sergio Martino pare consapevole nel realizzare un prodotto per lui atipico, tentando di esplorare il noir erotico che, tra gli Ottanta e i Novanta, riscuote notevole successo. La sporcizia fotografica, tra le carte vincenti dei thriller italiani seventhies, ha lasciato il posto a un’illuminazione piatta e uniforme. Spiando Marina aderisce perfettamente a questa svolta, proponendo un approccio dal timbro marcatamente televisivo, patinato.

Il corpo di Caprioglio non presenta tracce di violenza (carnale) come invece succedeva a quelli delle precedenti protagoniste, quando il leitmotiv era spesso l’efferato assassinio di donne bellissime. Marina è un’autentica dark lady come noir comanda e Martino inverte drasticamente il segno distintivo del genere, trasformando la sensuale protagonista da vittima in carnefice e abbassando il desiderio sessuale maschile dalla violenta volontà di possessione al completo asservimento. Il film si apre con un maldestro déjà vu hitchockiano – l’ossessionante ricordo del protagonista Mark, che rivive la morte della moglie – destinato a manifestarsi con reiterati flashback in corso d’opera.

Il discorso sul corpo è inoltre interessante perché svela un approccio molto inusuale nel cinema martiniano, specialmente thriller. La prima volta che il protagonista vede dal balcone della sua stanza la desiderabile Marina è proprio lui, in quanto maschio e soggetto guardante/desiderante, a offrirsi nudo allo sguardo spettatoriale, mentre lei, in quanto donna e soggetto guardato/desiderato, appare vestita. Inoltre, poco prima si assisteva a un nudo di Mark sotto la doccia, in cui il suo corpo era simbolo di vulnerabilità ed erotismo. Solo successivamente la situazione pare entrare nei moduli precostituiti del genere – con Mark soggetto guardante/desiderante nell’atto di spiare (appunto) Marina – ma anche in questo caso si segnalano varianti. Prima di tutto Mark è mostrato ancora nudo fino alla cintola, quindi inerme voyeur in balìa del gioco sessuale a cui lo sottopone la donna. Inoltre lei non è sola in stanza, bensì con il suo amante che la sta spogliando e possedendo. Questo esempio di messa in scena sposta definitivamente il valore dello sguardo e scompagina le carte nel gioco dei sessi. Va infine evidenziato come il regista introduca a forza nel thriller-erotico la componente action-muscolare già preponderante nel precedente American risciò (1990), quando i nudi con pistola di Mitchell Gaylord avevano segnato un cambiamento di significanti all’interno dell’eros martiniano. In Spiando Marina questa sensualizzazione plastica del corpo maschile viene accentuata dalla vulnerabilità di Mark.

Per molti il film è indissolubilmente legato a una breve sequenza, diventata tristemente famosa, che coinvolge le abbondanti forme di Caprioglio e un boa. A voler guardar bene un serpente appariva già nel citato American risciò, dove assumeva connotati misterici e paranormali. Qui, invece, il povero rettile viene fatto scivolare allusivamente sul corpo di Marina inquadrato nudo fino all’ombelico, prima di un close-up sul volto della donna intento a parlare all’animale. Non c’è nulla di sensuale in queste immagini, che sconfinano nel ridicolo (in)volontario sia per l’assoluta povertà di messa in scena, sia per la brevità della sequenza. La banalità del monologo, poi, fa il resto. Il serpente diventa così il risibile simbolo del peccato, di una sessualità animale, riportando alle visoni peep anni Ottanta di Ilona Staller con il mitico pitone Pito-Pito.

Con Spiando Marina si ha un esempio di script bolso e maldestro, dal quale scaturiscono battute (in)consapevolmente ilari come: «Non parlerai la mia la lingua ma a quanto pare la capisci bene, vero brutto stronzo?», e ancora: «Alcuni minuti fa se ne stava nuda seduta sul suo letto a giocare con il suo serpentello». Questo basta a provare il divertimento creato dalla scrittura di Piero Regnoli e Martino. Anche il rapporto suono/immagine è decisamente penalizzante a livello di messa in scena, in quanto la colonna sonora risulta spesso sconnessa rispetto alle immagini mostrate, non possedendo la minima aderenza alla tensione rappresentata (palpabile nelle intenzioni, quasi nulla negli esiti) e limitandosi a riverberare uditivamente la prurigine di superficie: Luigi Ceccarelli, stimato compositore sperimentale, appiattisce le proprie competenze musicali sulla mediocrità dell’operazione messa in campo da Martino, limitandosi a sottolineare le forme della Caprioglio con un soundtrack adeguato a un softcore.

Il film è a tutti gli effetti l’operazione formalmente più informe diretta da Martino (sotto lo pseudonimo di George Raminto) e prodotta dalla storica Dania Film. L’etichetta trash con la quale si è tentati di marchiarlo è fortemente motivata sia da tutto il discorso estetico-formale, sia dalla scelta di un cast degno di una coeva telenovela. Con Spiando Marina il regista non fa altro che nutrire e assecondare stancamente la moda dell’erotico patinato e televisivo molto in voga a inizio anni Novanta, cavalcata persino da un maestro come Mauro Bolognini in La villa del venerdì (1991). Dopo questo esito il cinema di Martino attraverserà una fase di buio: i tempi di strani vizi per signore, di stanze chiuse e colori del buio sono decisamente alle spalle e Spiando Marina resta il massimo esempio di una decisiva eutanasia del thriller martiniano.

 

CAST & CREDITS

Regia: Sergio Martino (come George Raminto); soggetto: Sergio Martino (come George Raminto); sceneggiatura: Piero Regnoli, Sergio Martino (come George Raminto); fotografia: Giancarlo Ferrando; costumi: Silvio Laurenzi; montaggio: Alberto Moriani; musiche: Luigi Ceccarelli; interpreti: Steve Bond (Mark Derrick), Debora Caprioglio (Marina Valdez), Sharon Twomey (Irene), Leonardo Treviglio (Hank Matters); produzione: Dania Film, National Cinematografica; origine: Italia, 1992; durata: 90’; home video: dvd Federal Video; colonna sonora: inedita.

 

 

 

 

 

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]