I corpi (ri)presentano tracce di violenza carnale. Torso tra passato e futuro

Federica Martino
Sergio Martino n. 5/2017
I corpi (ri)presentano tracce di violenza carnale. Torso tra passato e futuro

I corpi presentano tracce di violenza carnale (Torso per la distribuzione estera) è un film che mio padre Sergio Martino ha girato nel 1973 e che è diventato un cult movie nelle ultime decadi. In diversi paesi del mondo ha rappresentato un riferimento per numerosi registi, dai più noti agli emergenti. Anche oggi le proiezioni di Torso, in genere in programma nei festival di film di genere, attraggono cinefili appartenenti alle più diverse fasce di età.

Le ragioni di questo fenomeno sono diverse: l’allettante mix di generi cinematografici tipico di tanti gialli italiani dell’epoca, le sue scene molto iconiche, il setting universitario ancora oggi di moda, la suspense di racconto e il particolare linguaggio visivo che, nel tempo, ha incontrato il gusto sia del pubblico, sia di altri registi.

I corpi presentano tracce di violenza carnale è, a mio parere, un classico che non ha retto completamente al tempo e qualche anno fa, quando ho iniziato a nutrire l’idea di volerne fare un remake, ho cominciato a ragionare su cosa del film sia ancora attuale – cosa quindi tenere – e cosa invece appartiene a un epoca del nostro cinema che non è più traducibile.

La pellicola originale seguiva il percorso di quattro ragazze più che ventenni dalle aule delle lezioni del loro master di storia dell’arte all’Università di Perugia fino alla fuga in una villa remota, dove venivano brutalmente uccise da un maniaco incappucciato. Tutte, tranne una.

La detection presente nel film mi sembra oggi un elemento fuori luogo e il genere erotico softcore non trova più la sua ragione d’essere per gli standard del cinema di genere contemporaneo, anche a causa delle sue protagoniste molto spesso dal carattere forte e complesso. Ciò nonostante c’è un essenziale e fondante elemento femminile che rende il materiale maturo per un rifacimento.

Il remake di I corpi presentano tracce di violenza carnale si differenzierà dall’originale sostanzialmente perché la storia a cui sto lavorando sarà esclusivamente un thriller-horror senza nessuna traccia di detection né di softcore, presenti invece nel 1973. Non credo che la combinazione di generi, un tempo necessaria in questo tipo di opere, sia ancora praticabile o godibile come invece era quando il film fu distribuito. Credo, piuttosto, che la strada più giusta e accurata per realizzarne una nuova versione sia oggi quella di farne un thriller-horror con un’importante presenza femminile.

Le due protagoniste del remake che voglio girare sono studentesse molto più giovani di quelle del film originale. June e Sorrell hanno 18 e 19 anni e sono matricole della UCLA, che trovano ragioni per solidarizzare prima al college, ma in maniera più significativa nel viaggio che decidono di fare da Los Angeles sino a una villa isolata nelle colline del Nevada, inaccessibile come lo era quella italiana, passando attraverso la rutilante follia allucinata del Festival Burning Man.

Il viaggio fisico delle studentesse di I corpi presentano trace di violenza carnale sarà dunque ugualmente rappresentato, ma nel rifacimento gli verrà data un’intensità psicologica – che non è presente nel film del 1973 – perché il nuovo prodotto possa essere più fresco e attuale.

Il tema di entrambi i film è quello dell’amicizia femminile che fa fronte a qualunque avversità e qualunque tormento. Questo è il nucleo che manterrò e che costituirà le fondamenta per una caratterizzazione più complessa delle due protagoniste. Le qualità che più definiscono le ragazzine sono la compassione e la particolare resistenza al rifiuto, agli abusi e alla violenza. Credo che questi siano tratti distintamente femminili e mi piace l’idea che al centro del mio thriller-horror ci siano qualità che raccontano una diversa forma di forza.

Ho ideato la storia con una sceneggiatrice inglese, Helen Jacey, incontrata due anni fa a una conferenza al Festival Cine Excess di Brighton, sapientemente condotto da Xavier Mendik, accademico, appassionato cinefilo e cultore di tanto cinema italiano di quegli anni.

Io e Helen abbiamo lavorato a distanza (lei in Inghilterra, io in Italia) e sono molto soddisfatta del suo lavoro e della sceneggiatura. Abbiamo pensato sin da subito a un’ambientazione straniera senza mai ipotizzare un setting in Italia, perché il film originale ha oggi i suoi fan più devoti soprattutto in America, Canada, Inghilterra e Australia. Girerò il remake in lingua inglese perché il cinema di genere, ancora e come sempre, possiede più di altri una vocazione internazionale.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]