The Zombie Horror Picture Show. Un comune mortale che ci rende mortali senza catene

Matteo S. Chamey
Rob Zombie n. 1/2015
The Zombie Horror Picture Show.  Un comune mortale che ci rende mortali senza catene

I dettagli penetrano l’inconscio come uno spillo pungola la carne, a un livello sottocutaneo quasi impercettibile. Quando la realtà assume le sembianze della finzione, noi spettatori-attori possiamo cavalcare lo spazio-tempo switchando tra le varie conscie opzioni fisico-chimiche del nostro cervello adrenalinizzato: osservando impassibili (assimilando in silenzio), agitando i muscoli con frenetica e/o ritmica irruenza, partecipando collettivamente all’abbraccio-applauso di massa con l’intento di scandire i brani dall’alto della più fanatica conoscenza dei testi musicati. Il tutto con Rob Zombie davanti. The Zombie Horror Picture Show è il primo film dell’autore registrato dal vivo in Texas, tra effetti speciali, robot, fuochi d’artificio, mega schermi LED e un impianto luci che, molto probabilmente, ha lasciato al buio mezzo Stato. Potenza di una band che comprende John 5, Piggy D e Ginger Fish alle prese con i classici di Rob: Teenage Nosferatu Pussy, Superbeast, Super Charger Heaven, Living Dead Girl, We’re an American Band, More Human than Human, Sick Bubblegum, Never Gonna Stop, Ging Gang Gong De Do Gong De Laga Raga, Meet the Creeper, Angry Red Planet, Mars Needs Women, House of 1000 Corpses, Lords of Salem, Dead City Radio and the New Gods of Super Town, Thunder Kiss ‘65 e Dragula. L’atmosfera da Titty Twister (il localaccio vampirizzato in Dal tramonto all’alba [1996]) accende gli entusiasmi come il sentore del fuoco una miccia pronta a esplodere. L’attenzione per gli effetti visivi edulcora e deodora l’ambiente circostante anestetizzando la brutalità e l’oscenità riflesse negli elementi di rifrazione del prisma umano, qui vivace fautore di molteplici contatti orgasmici degli elementi terra-aria-fuoco. Le diapositive in movimento (effetto Polaroid) si intersecano con grande commistione di genio e sregolatezza, alternandosi al vivo e brillante HD dalle accese tinte rosso e blu. La fusione organico-metallica sgorga in ogni istante dalla pelle sudata dei corpi estasiati, mutilati dalla quotidiana repressione, liberi di evaporare tra le braccia di zio Rob. L’asta del microfono è un demone crocifisso che impala musica nel cervello degli astanti, il calore emanato dal palco è una fiamma perpetua a cui accostarsi volontariamente per lasciarsi beatamente scottare. Fotogrammi e istantanee di un film-concerto (non documentario) improntato sull’interrelazione stretta tra immagini, musica e pubblico: canti balli e pogo pre-live con schieramenti di genere (femminile al ballo di gruppo, maschile al pogo); tette al vento ritmicamente sensibili ai cameramen e gioiosamente proiettate sui maxi-schermi; un bambino in prima fila stoicamente presente per raccontare a se stesso (fra qualche anno) che Rob Zombie non è (per fortuna) Marilyn Manson; eterna schitarrata finale con Zombie-passerella nella folla abbondantemente sfinita; making of e titoli di coda con accompagnamento metal-industrial onirico. In memoria scenica degli Iron Maiden, con uno sguardo “oltre” sulle proiezioni filmiche messicane degli Hocico (ma qui l’horror è fatto in casa), la performance di Rob è un costante crescendo di emotività, tecnica, coinvolgimento globale dei sensi ed empatia con il suo pubblico. Non si nasconde un certo distacco robotico iniziale, figlio dell’impostazione on the floor abituale o forse dell’emozione e della lenta integrazione artistico/ambientale. Il pesante trucco e la vivacità degli effetti visivi tendono a sovrapporsi alla costante ricerca della perfezione alchemico-musicale dell’attimo (che sfugge) e la percezione che qualcosa non stia andando per il verso giusto è netta almeno fino alla metà del concerto, quando anche le mura sembrano due enormi polmoni che aspirano metal. La regia cinematografica sottrae la lenta e cruda esperienza fisica per una maestrale e frenetica sovrapposizione di “cose” che avvengono tutte nel medesimo atto. La partecipazione collettiva della band è priva di sbavature, come se avesse suonato a occhi chiusi in ologramma dalle Hawaii. Gli oltre 70 minuti scivolano via come il sangue dalle suole, saldando negli occhi e nei cuori degli spettatori quell’immagine-icona che regna attorno a Rob: è uno di noi. Ed è proprio questo fattore a emergere tra le anime texane dell’occasione, un comune mortale che ci rende mortali senza catene. Il messaggio apparentemente elargito dal classico sex, drugs and rock‘n’roll si traduce esotericamente in un fuck, freedom and sex‘n’roll, che significa fottitene delle limitazioni, sentiti libero di essere (anche americano, come ama sventolare in un frame) e ama/scopa con ritmo. Con questa live performance ufficiale Rob Zombie mette a tacere qualunque detrattore, esalta ogni aspetto di sé e della sua creatività, celebrando musica parole e cinema sotto uno stesso tetto. Schiaccia l’acceleratore del metal-industrial dal groove a tratti cadenzato e ossessivo ed entra di diritto nella storia della musica come presenza imprescindibile dell’eclettismo artistico interpersonale. Ci nutre ancora una volta, donando un organo di sé per il cannibalismo intelligente di noi esseri culturalmente (ben)pensanti.

Cast & Credits

Titolo originale: The Zombie Horror Picture Show; regia: Rob Zombie; origine: Usa, 2014; durata: 81’; home video: dvd e Blu-ray Universal.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]