Le origini del male. Rob Zombie e la saga di Halloween

Rob Zombie n. 1/2015
Le origini del male. Rob Zombie e la saga di Halloween

«– Was that the Boogeyman? – As a matter of fact, it was»

(da Halloween. La notte delle streghe)

Sono pochi i critici come Olivier Assayas o Giuseppe Turroni, che hanno colto in tempo reale l’importanza di un film come Distretto 13. Le brigate della morte (1976). E sono ancora meno coloro che hanno compreso in tempo reale un film come La cosa (1982) o, impresa forse ancora più impegnativa, interpretato correttamente lavori come Starman (1984) o Avventure di un uomo invisibile (1992). Eppure, nonostante questo evidente scarto critico, John Carpenter è circondato oggi da un alone di intoccabilità acritica che sembra essere soprattutto il risultato di una sostanziale incomprensione del suo cinema. E per avere la conferma di questa paradossale situazione basterebbe ricordarsi dell’accoglienza contraddittoria riservata a The Ward. Il reparto (2010), il suo ultimo film in ordine di tempo. Inevitabile, dunque, che quando Rob Zombie ha annunciato di avere accettato la proposta di realizzare il remake di Halloween. La notte delle streghe (1978) di Carpenter, una parte della cinefilia abbia reagito come se ci si trovasse al cospetto di una blasfemia inconcepibile. Se da un lato è evidente che Halloween è una suprema lezione di cinema alla stregua di Gli uccelli (1963) o Psyco (1960) di Hitchcock, dall’altro è ugualmente vero che ha generato una mitologia capace di travalicare il perimetro specificamente carpenteriano, per assumere i connotati di un discorso interno all’immaginario collettivo contemporaneo. Ed è esattamente a questo insieme di fatti, più che allo specifico filmico carpenteriano, che Rob Zombie guarda per la realizzazione del suo remake. Zombie tratta Halloween non come un oggetto riverito dalla cinefilia, ma come un artefatto della cultura di massa. Uno scarto sensibile e cruciale per comprendere l’articolazione del suo discorso e l’esito stesso dei due titoli da lui diretti. Il dialogo che Zombie intreccia con il film non è quindi con la forma irripetibile del caposaldo carpenteriano, quanto con l’immaginario che questo è riuscito a generare attraverso i numerosi sequel che si sono succeduti nel corso del tempo(1). Zombie mette mano a una mitologia collettiva. Non a un singolo film di un autore “intoccabile”. E se è vero che il confronto fra originale e rifacimento è impari, è altrettanto vero che è proprio nel suo essere mancante nei confronti del modello che il film di Zombie si rivela un autentico testo critico. Riprendendo la formula godardiana secondo la quale un film si critica con un altro film, l’Halloween di Zombie si presenta come una lettura del testo di Carpenter. Certo, si potrebbe obiettare che quanto vi vede Zombie non è interessante al punto tale da giustificare tutta l’operazione, essendo Halloween soprattutto una straordinaria lezione di cinema classico e di montaggio invisibile: cinema hawksiano allo stato puro. Ciò che è interessante, invece, a partire dalla plongée nella casa del piccolo Michael Myers sulle note di God of Thunder dei Kiss, è tutto il lavoro che Zombie compie proprio sulla figura di Myers, come se, ben consapevole del tradimento formale rispetto alla shape carpenteriana, volesse comunque scavare dietro le quinte di un personaggio assurto al rango di icona grazie alla meccanicità jarryana con la quale l’ha tratteggiato il primo Halloween. Nel confronto fra la versione monca, ma ufficiale, e la uncut distribuita in home video è evidente che Zombie vede in Michael Myers una specie di misfit originario, un Rebel Without a Cause cui il finale originario rende omaggio citando alla lettera la morte di Sal Mineo nel film di Nick Ray. Ed è proprio in questo tentativo di costruire uno sfondo alla figura di Michael Myers che va valutato l’esito del lavoro di Zombie. Se il primo film della serie risente inevitabilmente dei conflitti relativi al cut, il sequel è senz’altro il titolo che meglio esprime il senso del progetto originario. Bestiale e primitivo, ma anche trascendente ed etereo, è un testo forse anche più complesso del precedente. Riprendendo l’idea iniziale del suo remake, ma radicalizzando ulteriormente il progetto, Zombie abbandona (paradossalmente, ma neanche tanto) Carpenter per abbracciare Tobe Hooper, cineasta a lui senz’altro più congeniale, e crea una straordinaria saga redneck nella quale Myers assume le sembianze di un possibile congiunto lontano del Lester Ballard di Figlio di Dio di Cormac McCarthy. Abbandonando le geometrie carpenteriane per il respiro anti-epico della provincia diseredata, Zombie trova accenti di rara intensità e non si fatica a immaginare il regista e musicista come un improbabile, ultimissimo discendente dei grandi narratori del sud degli Stati Uniti. In Halloween II, soprattutto nello spettrale finale, l’autore tenta una serie di soluzioni formali che si ritroveranno poi compiutamente in Le streghe di Salem. Il respiro, infatti, pur nella concitazione della violenza, si distende, e il gesto è più sicuro e meno esibito rispetto a tutto il primo cinema dell’autore, che procedeva furiosamente nel proprio entusiasmo cinefilo. Non è un caso che dopo un esito così soddisfacente, ancorché trattato alla stregua del tradimento definitivo nei confronti di Carpenter, Zombie abbia deciso di abbandonare la franchise di Halloween, per lui rivelatasi anche, fra le altre cose, terreno di uno scontro molto impegnativo con le forze hollywoodiane che, evidentemente, pensavano di poterlo imbrigliare o comunque ricondurlo alle regole del gioco comune in materia di serializzazione industriale. Così non è stato. Ed è per questo motivo che il dittico Halloween ricopre un ruolo di primaria importanza per comprendere l’evoluzione formale e poetica di Rob Zombie.

Giona A. Nazzaro

Note

1 La saga di Halloween, all’epoca di Halloween. The Beginning, contava ben otto titoli. Oltre all’originale carpenteriano, vi trovavano spazio: Halloween II. Il signore della morte di Rick Rosenthal (1981), Halloween III. Il signore della notte di Tommy Lee Wallace (1982), Halloween 4. Il ritorno di Michael Myers di Dwight H. Little (1988), Halloween 5. La vendetta di Michael Myers di Dominique Othenin-Girard (1989), Halloween 6. La maledizione di Michael Myers di Joe Chappelle (1995), Halloween. 20 anni dopo di Steve Miner (1998) e Halloween. La resurrezione di Rick Rosenthal (2002).

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]