Le firme di INLAND #4 NicolasWindingRefn

Nicolas Winding Refn n. 4/2017

CLAUDIO BARTOLINI è direttore di INLAND. Quaderni di cinema, co-direttore della collana di saggi cinematografici Bietti Heterotopia, redattore del settimanale Film TV dal 2009 e co-editore del mensile Nocturno. Tra le sue pubblicazioni: Il gotico padano, Videocronenberg, Macchie solari. Il cinema di Armando Crispino.

ANDREA BRUNI ama definirsi uno studioso di cinema anziché un critico. Fra le sue pubblicazioni La covata malefica e Freakshow. Il cinema della difformità, con Pier Maria Bocchi; Racconti dell’Orrore e dell’Assurdo; il romanzo avant-pop Sugli Sugli Bane Bane. Lavora come Assessore alla Cultura presso il comune di Massa Lombarda (Ravenna).

PIER MARIA BOCCHI è critico cinematografico. Scrive per Cineforum, Blow Up, Film TV e Cineforum.it. Tra le sue pubblicazioni, Michael Mann, Mondo queer. Cinema e militanza gay, Woody Allen. Quarant’anni di cinema, Invasion Usa. Idee e ideologie del cinema americano anni ‘80. Collabora con il dizionario dei film Il Mereghetti.

MARCO CACIOPPO (Milano, 1981) è giornalista, critico cinematografico (Nocturno, Best Movie, L’Amico del Popolo, Nawart Press), regista e sceneggiatore. Membro del comitato di selezione del MFF, realizza cortometraggi, videoclip, spot e documentari. Attualmente sta lavorando al primo lungometraggio.

ANDREA FORNASIERO, dottorato in Culture della Comunicazione, scrive per Film TV e MyMovies. Collabora con Officine Ubu nel settore acquisitions ed è autore di Terrence Malick. Cinema della classicità e della modernità. È stato autore televisivo di Wonderland e Mainstream per Rai4.

MAURO GERVASINI è giornalista e critico cinematografico, direttore editoriale del settimanale Film TV e consulente selezionatore della Mostra del Cinema di Venezia. Ha firmato la prima monografia italiana dedicata al noir francese (Cinema poliziesco francese).

MANLIO GOMARASCA ha fondato nel 1994 la rivista Nocturno di cui è editore e capo-redattore. Ha pubblicato i libri 99 donne, Io Emanuelle, La piccola cineteca degli orrori e Monnezza amore mio. Ha lavorato come selezionatore per il Festival di Locarno e per la Festa del Cinema di Roma. Dal 2015 è direttore artistico della label Midnight Factory.

LEONARDO GREGORIO è autore di recensioni e saggi pubblicati in volumi collettanei e cataloghi festivalieri. Redattore delle riviste Uzak.it e Pointblank.it, collabora inoltre con Alias, Spietati.it e il Ragazzo Selvaggio.

ANGELO IOCOLA collabora con Nocturno dal 2008. La sua predilezione è rivolta al “cinema della crudeltà”, a una rappresentazione che travalichi lo schermo, rapisca l’iride e lo spirito e restituisca alla poltrona uno spettatore differente, potenziato, alieno.

MARCO LAZZAROTTO MURATORI, psichiatra e psicoterapeuta, socio Jonas Onlus, membro di ALIPSI (Associazione Lacaniana Italiana di Psicoanalisi). Ha collaborato con la rivista Nocturno.

MASSIMILIANO MARTIRADONNA è nato a Bari 43 anni fa, ha letto e visto tantissimo, senza discernimento ma con compiacimento, e frequentato il corso “Storie del Cinema” diretto da Ghezzi. Scrive di cinema sul suo blog Dikotomiko, Nocturno e altre riviste.

RAFFAELE MEALE è il fondatore della rivista di critica online Quinlan.it. Consigliere Nazionale del SNCCI e della Commissione Film della Critica, ha curato le due edizioni di Nihon Eiga. Storia del Cinema Giapponese. Ha scritto di Alberto Grifi, Carlo Lizzani, Satoshi Kon, Shinya Tsukamoto, Hayao Miyazaki e Isao Takahata.

MIRCO MORETTI è nato a Bari 46 anni fa, ne ha sprecati 15 portando avanti (indietro in realtà) un’edicola. Ha finalmente smesso di lavorare e può quindi guardare film e scriverne sul suo blog Dikotomiko, Nocturno, dove capita.

EMANUELE SACCHI è giornalista pubblicista, critico cinematografico e musicale. Collabora con MYmovies, Rumore, Filmidee, doppiozero e dirige Hong Kong Express. È autore di 50x35mm. Soundtrack Rumorose e con Stefano Locati del volume Il nuovo cinema di Hong Kong. Voci e sguardi oltre l’handover.

GIULIO SANGIORGIO è direttore responsabile di Film TV e co-curatore della collana Bietti Heterotopia. Selezionatore per Filmmaker Film Festival di Milano, collabora con l’enciclopedia Treccani, il trimestrale Marla e Spietati.it.

ALESSANDRO STELLINO (1973) critico cinematografico e scrittore. Ha fondato e dirige Filmidee, ed è direttore artistico di ISREAL. Festival di Cinema del Reale. Insegna presso la Civica Scuola di Cinema “Luchino Visconti”, la NABA e il CISA di Lugano.

ALESSANDRO UCCELLI. Laureato con una tesi sulla collaborazione cinematografica tra Roberto Longhi e Umberto Barbaro, si dedica alla ricerca sull’arte figurativa antica e moderna e alla critica e programmazione cinematografica. Collabora con le riviste Cineforum, Cineforuweb, Nocturno e Carte di cinema.

VIVIEN VILLANI, compositore di colonne sonore e docente di musica da film. Nato a Parigi, ha insegnato alla Sorbona e all’ESEC. Oggi vive negli Stati Uniti. In Italia ha pubblicato Dario Argento (Gremese, 2008).

MASSIMO ZANICHELLI, docente e saggista di cinema. Tra le sue pubblicazioni: Psyco e Psycho, Christopher Nolan. Il tempo, la maschera, il labirinto, Amori fatali. Grandi passioni tra cinema e realtà (con Ilaria Floreano).

 

 

 

 

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]