Gustav Meyrink, «Il Domenicano bianco»

Gianpiero Mattanza
Modernità occulta – Le radici simboliche delle arti contemporanee n. 5/2013
Gustav Meyrink, «Il Domenicano bianco»

Una silenziosa città mitteleuropea avvolta dalla nebbia e simbolicamente cinta da un fiume, è il luogo deputato dall’austriaco Gustav Meyrink per l’ambientazione de Il Domenicano bianco, romanzo esoterico edito in lingua originale nel 1921. Le Edizioni Bietti propongono al lettore la prima traduzione italiana, firmata nel 1944 da Julius Evola per l’editore torinese Bocca, con una precisa volontà editoriale: restituire il dovuto merito all’editio princeps italiana, volutamente trascurata quando non rivoluzionata in negativo dai successivi editori, poco inclini ad ascoltare una voce autorevolissima benché – o perché – discorde rispetto allo sterile caos (che vorrebbe essere fine melodia) progressista. Lo scritto si inserisce nella particolare temperie degli altri quattro romanzi esoterici dell’autore (Il golem, La faccia verde, La Notte di Valpurga e L’Angelo della finestra d’Occidente) che, attraverso diverse dinamiche narratologiche, vogliono incidere nella coscienza del lettore lo stesso, eterno messaggio: “Noi viviamo immersi nella materia, in uno stato di sonno spirituale […] e dobbiamo tendere al Risveglio” (p. 11). Il trovatello Cristoforo Colombaia viene adottato da un anziano nobile, che diviene suo magister animae. La piccola cittadina in cui vivono i protagonisti assume ora i tratti del borgo medievale, ora quelli della classica città disabitata fatta di rovine e presagi, disposti a parlare solo agli spiriti eletti. Il punto focale della vicenda è proprio l’iniziazione spirituale, vista come retaggio destinato da un’antichissima stirpe ai suoi discendenti, a cui Cristoforo (nomen omen) scopre di appartenere. La cristallina, quasi ingenua personalità del protagonista, identificazione perfetta dell’iniziando desideroso di guida perché spiritualmente predisposto alla realizzazione interiore, si sviluppa con il procedere della narrazione, essenziale quanto a vicende esteriori ma ricchissima di spunti tratti dalle dottrine tradizionali, Taoismo in primis. La figura misteriosa del Domenicano richiama infatti, più che il classico appartenente all’ordine dei frati a cui il lettore occidentale può essere abituato, il monaco buddhista seguace della corrente mahayâna. Il Domenicano bianco è un fine meccanismo ideato per l’esposizione di particolari aspetti della principale dottrina esoterica dell’antica Cina, quella via taoista padroneggiata con competenza dall’autore insieme a diversi altri aspetti della cultura estremo-orientale. La ricca appendice chiarisce, a questo proposito, alcuni punti lasciati nell’ombra dall’autore: gli scritti del traduttore e curatore, assieme a quelli di Massimo Scaligero, Serge Hutin, Jean-Pierre Bayard e di Gérard Heym fanno luce su aspetti realmente oscuri del testo, che aggiungono un’ulteriore patina di entusiasmante mistero ad un volume già fuori dal comune per qualità e contenuti. Si sviscerano le ricerche esoteriche condotte da Meyrink durante la propria tormentata esistenza; i collegamenti con varie società segrete quali quella rosicruciana; le diverse reazioni dei critici, sempre e solo in termini di veridicità dei contenuti e non di qualità letteraria, da tutti ritenuta indubbia. All’accusa di arbitrarietà nei confronti della tradizione esoterica e, addirittura, di volontaria denigrazione umoristica del sapere tradizionale risponde Gianfranco de Turris, curatore e prefatore della nuova edizione dell’opera, affermando che Il Domenicano bianco è, prima di tutto, “una messa in guardia ancora oggi validissima contro la pseudo-spiritualità, che i soliti soloni hanno incredibilmente scambiato per una accusa contro la spiritualità in assoluto” (p. 14). Oltre a questo, siamo di fronte ad un libro senz’altro fondamentale per comprendere il cammino fra le vie del sapere esoterico di uno dei maggiori autori in lingua tedesca del Novecento. Gustav Meyrink, Il Domenicano bianco. Dal diario di un invisibile, a cura di G. de Turris, Edizioni Bietti, Milano 2012, pp. 290, € 19,00.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]