Le firme di INLAND #14 Manetti Bros.

Manetti Bros. n. 14/2022

CLAUDIO BARTOLINI è direttore di INLAND. Quaderni di cinema e co-direttore delle collane di saggi cinematografici I libri di INLAND, Bietti Heterotopia e Cinemarcord presenta. Tra le sue pubblicazioni, Il gotico padano. Dialogo con Pupi Avati (Le Mani, 2010; Bietti, 2019) e Il cinema giallo-thriller italiano (Gremese, 2017).

FABIO CANESSA. Insegna italiano e latino al Liceo Ginnasio G. Carducci di Piombino. Docente dell’Accademia Perduta del Giudicato di Arborea, collabora come critico letterario al quotidiano Il Foglio, come critico cinematografico a Il Tirreno, come critico musicale alla radio e con varie riviste. Tra le sue pubblicazioni Il cinema e il lavoro (Arsenale), Crimini di gola (Zephiro) e Azzurro (Donzelli).

ANTONIO CAPELLUPO. Giornalista cinematografico e operatore culturale, collabora a rassegne e Festival del cinema come il Magna Graecia Film Festival, per cui è assistente alla direzione, e il Bellaria Film Festival, per cui è stato membro del comitato di direzione. È redattore del quotidiano online Cinemaitaliano.info, collaboratore per il Quaderno del Cinemareale e responsabile della programmazione per lo storico Cineclub Arsenale di Pisa.

MANUEL CAVENAGHI gestisce dal 1999 Bloodbuster, negozio milanese dedicato al cinema di genere. Per Bloodbuster Edizioni ha pubblicato Cripte e incubi. Dizionario dei film horror italiani (2011), Wild angels. Dizionario dei biker movies (2014) e A volte ritornano… ancora (2019, con Daniele Magni e Nicola Giglio). Per Gremese ha pubblicato 2019. Dopo la caduta di New York (2019).

MATTEO S. CHAMEY è stato collaboratore di produzioni italodance, selezionatore di synthpop per webradio tedesche, meeting social manager delle prime forum community musicali, critico musicale obscure per Rosa Selvaggia e Ritual. Seguono comparsate su Horror.it, Visitors fanzine e Libero. Dal 2005 è una firma di Rockerilla e dal 2019 collabora con Satisfiction e Pangea-news.

VALENTINA D’AMICO. Nata a Livorno nel 1976, lavora come giornalista e critica cinematografica presso Movieplayer.it. Ha scritto su Foxlife, spaziando nel mondo del fitness, e collabora con la rivista Fabrique Du Cinéma. Membro del SNCCI, contribuisce alla stesura delle monografie del premio Fiesole.

ILARIA FLOREANO è editor, traduttrice, co-direttrice delle collane Bietti Fotogrammi e I libri di INLAND e capo-redattrice di INLAND. Quaderni di cinema. Tra le sue pubblicazioni: Concerto per macchina da presa. Musica e suono nel cinema di Krzysztof Kieslowski (2011), Shakespeare e il cinema (2016) e Volevo dipingere la luce del sole. Vita di Edward Hopper tra pittura e cinema (2016).

FEDERICO FRUSCIANTE. Musicista post-punk e (anti)critico. Ha scritto recensioni per molti blog e riviste, è giurato in vari fest e partecipa spesso come ospite a manifestazioni inerenti alla settima arte. Ha intervistato, tra gli altri, Romero, Dante, Martino e Argento, ed è conosciuto per i suoi video su YouTube. Gestisce un videonoleggio a Livorno dal nome significativo: Videodrome.

MAURO GERVASINI. Giornalista e critico cinematografico, è consulente selezionatore della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e collaboratore storico del settimanale Film Tv. Ha firmato la prima monografia italiana dedicata al noir francese (Cinema poliziesco francese, 2003) e, per Bietti Heterotopia, il saggio Cuore e acciaio. Le arti marziali al cinema (2019).

GIACOMO IOANNISCI, laurea in editoria e giornalismo, ha lavorato per anni per le testate locali di «La Repubblica». Nel 2012 ha fondato Home Movies, store di collezionismo e azienda attiva nell’e-commerce, con cui ha creato l’omonima etichetta home video. Per Bietti Heterotopia è autore di Lo spettatore immobile. Ennio Flaiano e l’illusione del cinema (2010).

DANIELE MAGNI. Dal 1999 gestisce, col socio Manuel Cavenaghi, Bloodbuster, negozio milanese dedicato al cinema di genere. Per Bloodbuster Edizioni ha pubblicato i dizionari Cinici, infami e violenti (2005 e 2010), Contaminations (2007 e 2017), Segretissimi (2009) e Cuori matti (2012). È co-direttore artistico di CinemArcord, grande convention milanese dedicata al cinema e al collezionismo a esso legato.

FILIPPO MAZZARELLA. Classe 1967: ha 53 anni e va al cinema da 51. Collaboratore di ViviMilano-Corriere della Sera e Film Tv, SegnoCinema, Ciak nonché del Dizionario dei Film di Paolo Mereghetti. È consulente culturale di Asti Film Festival e direttore artistico della convention di pop culture Cartoomics – Movies Comics & Games.

ROCCO MOCCAGATTA. Critico e studioso di cinema, televisione e new media, insegna presso l’Università IULM di Milano. Scrive o ha scritto su Film Tv, Duel/Duellanti, Segnocinema, Comunicazione politica, L’Officiel Homme, Marla. Per la collana I libri di INLAND di Bietti Edizioni ha pubblicato Carlo & Enrico Vanzina. Artigiani del cinema popolare (2018).

ALESSIO PORQUIER è il fondatore del FI PI LI Horror Festival, nato grazie all’incontro con Ciro Di Dato. In questi anni ha ospitato artisti nazionali e internazionali e nelle scorse edizioni ha contribuito alla realizzazione dei numeri di INLAND. Quaderni di cinema dedicati a Michele Soavi (2018) e Aldo Lado (2019).

MASSIMO PRIVITERA. Ha lavorato come promoter, copyrighter e montatore per Mediaset. Nel 2003 ha fondato la rivista cartacea, ora web, Colonne Sonore. Immagini tra le note, l‘unica in Italia sulla musica per immagine. È co-autore di Quando cantavano le colt. Enciclopedia cinemusicale del western all’italiana (Casa Musicale Eco) e scrive mensilmente recensioni e articoli dedicati alle colonne sonore sulle riviste Audioreview e Billboard Italia.

ANDREA RURALI lavora nella redazione cinema di Mediaset e si occupa della programmazione del canale Cine34. È il co-fondatore e direttore del webzine CineAvatar.it. Tra le sue pubblicazioni, il saggio Il mio nome è western italiano nel volume Quando cantavano le Colt. Enciclopedia cine-musicale del western all’italiana (2017).

SIMONE SORANNA è caporedattore del portale LongTake.it, scrive per la rivista Cineforum, lavora come corrispondente dai principali festival internazionali per Fred Film Radio e ha collaborato con Sky Cinema in veste di anchorman. Per Bietti Heterotopia ha pubblicato, con Matteo Mazza, DreamWorks Animation. Il lato chiaro della luna (2020).

BARBARA SORRENTINI è laureata in filosofia. Giornalista, conduttrice e autrice per Radio Popolare di diversi contenitori culturali, dal 2002 cura e conduce la trasmissione Chassis. Per qualche anno ha realizzato Vogliamo anche le rose, dedicata ai documentari. Realizza servizi e interviste per trasmissioni, GR e rassegna stampa. È stata direttrice artistica del Festival dei beni confiscati alle mafie. Ha collaborato con La Repubblica, E. Il Mensile, Pagina 99Elle, MicroMega, 8 ½, CineforumWeb, CinecittàNews. È tra i curatori del libro Entretiens. Nanni Moretti, edito dai Cahiers du Cinéma, ed è tra gli autori della Guida ai film per ragazzi (Il Castoro). È stata consulente dell’Assessorato alla Cultura di Milano (2012-2013).

DAVIDE STANZIONE. Co-fondatore e redattore del dizionario online di cinema LongTake, per il quale cura workshop e seminari, è critico cinematografico per Bestmovie.it e firma del relativo mensile di cinema. Membro del comitato di selezione del Sulmona Film Festival, suoi saggi sono apparsi in pubblicazioni collettanee.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Lo legge, lo rilegge, lo smonta, lo analizza. Per offrire una "scansione" che chiama in causa anche la psicanalisi, la fisica e la neurobiologia. Al centro della riflessione a tutto campo c'è il capolavoro del regista Stanley Kubrick che Giancarlo Grossini ha reso protagonista del suo libro Il cubo di Kubrick ovvero "Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre" sugli scaffali per Bietti nella collana Fotogrammi (108 pagine, 4,99 euro il cartaceo, 1,99 l'eBook). Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale) questa sera, lunedì 28 novembre, sarà ospite della rassegna "Lunedì in cineteca". In [...]
Non è un film. È il film. Perché Arancia meccanica  ha segnato la storia del cinema. "Un lasciapassare per l'eternità". Così scrive Giancarlo Grossini. Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale), ha dedicato un intenso libriccino al capolavoro del regista statunitense: Il cubo di Kubrick ovvero Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre sugli scaffali per Bietti. Lunedì 28 novembre sarà protagonista all'Araldo di Novara per la rassegna "Lunedì in cineteca": la proiezione del film (1971) con copia restaurata sarà preceduta dalla presentazione del volume in compagnia dell'autore. È il "Film per antonomasia, una lezione di cinema di [...]