Editoriale Lav Diaz

Giulio Sangiorgio
Lav Diaz n. 3/2017
Editoriale Lav Diaz

È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le occasioni. Semplicemente, sembrava non essere facile mettersi a scrivere di questo regista, sia per noi che per i nostri collaboratori. Forse il timore era di confrontarsi con un cinema di cui il mito (non solo legato alle lunghe durate dei film) predomina sul rapporto reale tra lo spettatore e un’opera chiacchierata ben prima (e più) che vista: la patina da togliere era spessa, e proporzionale all’impegno da metterci nel levarla. Forse la paura era quella di dover ridurre testi tanto estesi, un lavoro tanto consistente, alla sintesi delle parole. «Lav non è solo una questione di tempo, ma di spazio, e fargli spazio intorno adesso mi è realmente impossibile» ci ha scritto il critico e programmatore Lorenzo Esposito. Forse il problema era legato anche a una forma di rispetto sacrale: il cinema di Lav Diaz, per chi l’ha seguito lungo tutti questi anni (e c’è chi, tra i collaboratori di questo numero, lo segue da sempre), è stato una sorta di rito, una messa laica e politica, un segreto condiviso. Passare una giornata a guardare un film del filippino, essere lì, presenti, è stata una forma di resistenza al tempo intorno, la testimonianza condivisa di un cinema possibile, la risposta alla richiesta di mettere radici, per far confrontare lo spettatore con le sue. In un bellissimo passaggio di Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo, quando Donatello Fumarola e Alberto Momo, accompagnati da Fulvio Baglivi, chiedono a Lav Diaz se conosce ogni spettatore dei suoi film, lui risponde: «Per me il cinema è una questione di responsabilità. Responsabilità per il mio Paese, per la mia cultura e [per me è importante] usare questi film come una responsabilità, per condividere l’esperienza della mia gente, la lotta dei filippini, la mia lotta personale come artista, la mia visione del mondo, la mia comprensione della vita. Non importa quanto sia semplice. Il cinema è, almeno, una questione di responsabilità». Ovvio che scriverne, di questo cinema, di questa lotta, per chi la ama, per chi da qui, da questo privilegio lontano, può solo condividerla, è una responsabilità. Non è che non sia stato scritto nulla, su Lav Diaz. Ma un volume monografico (il primo, su questo autore) sa di persistenza, di dato incancellabile, di confronto serrato, richiede un approccio differente dall’estensione di un articolo. Domanda uno sforzo maggiore, aumenta il timore. Poi un giorno di tardo settembre collaboratori che avevamo coinvolto – e che avevan chiesto tempo ulteriore, e ancora, e ancora… – ci hanno proposto di tornare sui nostri passi, e di farlo celermente. Evidentemente la presentazione di The Woman Who Left nel Concorso della Mostra internazionale del cinema di Venezia 2016 aveva portato con sé non solo un Leone d’oro, ma anche il bisogno di un bilancio sulla filmografia di questo autore ora canonizzato (come spiega il bel saggio di Renato Loriga). Questo piccolo volume vuole essere un’introduzione e un bilancio. Rapsodico e incompleto, certo. Ma una serie di appunti priva di timore, che s’è cercata il tempo e lo spazio per raccontare e riflettere sul cinema di quello che qui tutti reputiamo uno dei massimi registi del cinema contemporaneo. Per il nitore estetico e politico, per lo slancio con cui ha cercato una forma propria, radicale, radicata. E anche, suo malgrado probabilmente, per avere sviluppato una poetica fraintesa e divenuta di certa tendenza nell’art film di oggi, sotto etichette snob, maniere manierate e dichiarazioni doc di slow cinema e contemplazioni assortite. Il volume è composto da saggi che cercano di inquadrare, storicamente ed esteticamente, l’opera di Diaz, da un lungo distillato di interviste e dalle schede di tutti i suoi lungometraggi. Così da descrivere, se possibile, tra l’ansia di comprenderne la totalità e il dovere di restituirne il particolare, l’evoluzione dell’opera. Tra le schede, ne troverete una eccentrica: quella relativa a Heremias. Book One. Non è un’analisi del film (che è un film doppio, dato che Diaz, col girato del primo, produsse un rough cut intitolato Heremias. Book Two nel 2008): è la testimonianza di un incontro, una bellissima visione dal set da parte di Alexis Tioseco, giovane critico che tanto ha dato al cinema filippino e che è venuto a mancare, brutalmente ucciso, nel 2009. È un brano a cui teniamo molto, ed è giusto fosse lì. Questo numero di INLAND è una raccolta di inizi. Un primo e tardivo approccio. Un rimando ad approfondimenti futuri. Ringraziamo chi ha voluto contribuire a questo volume: firme eterogenee, per formazione e idea di cinema, al fine di una visione che speriamo rifratta e problematica. Ringraziamo le persone che avremmo voluto coinvolgere nel progetto – e che comunque, per aver scovato amato sostenuto e programmato il cinema di Diaz, per averne scritto, per avercene anche soltanto parlato – hanno contribuito a questo volume, anche se non tutte lo sanno: Fulvio Baglivi, Paolo Bertolin, Lorenzo Esposito, Sergio Germani, Marco Müller, Olaf Möller, enrico ghezzi, Michael Guarneri, Dario Stefanoni, Roberto Turigliatto. La rivista Ekran e Jurij Meden, per averci dato il permesso di pubblicare i testi di Christoph Huber e di Alexis Tioseco, e dunque anche Ilaria Floreano e Rinaldo Censi, che li hanno tradotti. Questo numero #3 di INLAND, oltre che dal sottoscritto, Giulio Sangiorgio, è stato curato (nei minimi dettagli) da Giampiero Raganelli: a lui va il ringraziamento di tutta la squadra INLAND/Heterotopia.

 

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]