Gunther Anders, «Lo sguardo dalla torre»

Davide Balzano
L’altra faccia della moneta – Per una filosofia della sovranità politica e finanziaria n. 4/2013
Gunther Anders, «Lo sguardo dalla torre»

A vent’anni dalla scomparsa dell’autore, la casa editrice Mimesis propone Lo sguardo dalla torre, opera scritta nel 1968 da Gunther Anders e mai tradotta in italiano. Il testo, arricchito dalla prefazione di Goffredo Fofi e da un interessante e puntuale saggio di Devis Colombo (curatore del volume), ci offre una raccolta di favole la cui stesura si protrasse per quasi quarant’anni e che fornisce al lettore numerosi spunti di riflessione, i quali, nonostante il tempo trascorso dalla prima edizione, mantengono uno stretto legame con tematiche attuali. Filosofo, scrittore e poeta, antimilitarista convinto e profondamente coinvolto nei movimenti antiatomici, Anders usa in questa occasione il formato della favola per introdurre la sua visione del mondo e della filosofia, in un misto di ironia, cinismo e crudeltà non sempre immediatamente comprensibili, ma che lasciano spiazzati dopo una più attenta riflessione. Proprio la scelta di tale formato si rivela tuttavia vincente, provocatorio e tagliente al punto giusto, in grado di porsi senza scrupoli al cospetto dell’élite universitaria e di rivolgersi, al contempo, ad un pubblico più popolare, non avvezzo al linguaggio specialistico della filosofia accademica. In un susseguirsi di brani di varia lunghezza – dai semplici aforismi ai brevi racconti – l’autore espone la propria personale visione sull’uomo moderno; una visione in realtà amareggiata, che constata il dominio sempre meno controllabile della tecnica sulla vita, la quale ci obbliga ormai ad adeguarci ad essa per sentirci parte del mondo, ad inseguirla invece che ad utilizzarla realmente. Se difatti l’avvento della bomba atomica ha reso per la prima volta possibile che la specie umana ottenesse il potere di auto – esiliarsi dalla storia tramite la perenne minaccia della totale distruzione, resta presente anche un secondo tema di riflessione, spesso sottolineato da Anders: il funzionalismo sfrenato della tecnica umana ha fatto sì che l’uomo perdesse sempre più il contatto non con la semplice immaginazione, ma con la stessa capacità di immaginare, facendo precipitare l’umanità in quello che lo stesso autore definisce il “dislivello prometeico”, una frattura insanabile tra ciò che possiamo fare e ciò che possiamo immaginare; ed è proprio il progressivo allontanamento dell’uomo dall’elaborazione concreta dei prodotti del proprio lavoro ad averlo condotto allo stato attuale, alla perdita di interesse per i quadri d’insieme ed al lento appiattimento verso la mansione singola, il mero ritorno economico, la sicura incolumità della propria coscienza trincerata tra le sbarre degli ordini superiori. Tutti questi sintomi di un’umanità sempre meno “umana” e sempre più “tecnica” vengono abilmente parafrasati in brani semplici, ma efficaci, quali Il telefono, Il microscopio, La consuetudine, Le chiavi, ed altri brevi spaccati di una visione a tratti rassegnata, ma che ancora sembra vedere nella filosofia l’arma più potente che l’uomo abbia a disposizione per farsi luce nell’oscurità in cui sta precipitando. Impossibile non citare infine, quale ulteriore pregio della pubblicazione, la scelta più che opportuna di includere nel testo le litografie che Andreas Paul Weber inserì nella versione originale; anch’egli sostenitore delle medesime battaglie di Anders, l’artista tedesco mai presentato sin’ora in Italia, traspone in immagini quella stessa tagliente e cruda ironia che abita le favole riportate, dando il proprio contributo all’aumento del senso di amarezza e ambiguo disagio in cui si viene spinti dagli stessi racconti. G. Anders, Lo sguardo dalla torre, prefazione di G. Fofi, a cura di D. Colombo, Mimesis Edizioni, Milano – Udine 2012, pp. 194. € 16,00.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]