Marco Iacona: «Il liberalismo»

Gianpiero Mattanza
L’altra faccia della moneta – Per una filosofia della sovranità politica e finanziaria n. 4/2013
Marco Iacona: «Il liberalismo»

Il prolifico studioso Marco Iacona, dottore di ricerca in pensiero politico e istituzioni nelle società mediterranee, ha dato recentemente alle stampe un interessante volumetto intitolato “Il liberalismo”. Il pamphlet vuole contribuire, con stile chiaro e scorrevole, a delineare e commentare la cronistoria del movimento politico (o forse è meglio dire della forma mentis) che ha finito per intridere come un dogma religioso le coscienze dell’uomo occidentale, abituato al “ben pensare”. La presentazione di Alain De Benoist lascia presagire sin dalle prime occhiate che il testo non racchiude un’insipida lista di nomi e fatti, ma rappresenta una ricerca (per quanto in piccolo) che tenta di raggiungere una piccola vetta, quella del ritratto fedele alla realtà di ciò che raffigurato non può essere perché proteiforme e cangiante. L’intellettuale francese afferma infatti: “Marco Iacona non sbaglia a sottolineare, fin dall’inizio del suo libro, le grandi difficoltà che si incontrano quando si cerca di individuare il concetto di liberalismo. Queste difficoltà sono in parte spiegate dal fatto che, a differenza di altri sistemi ideologici, l’ideologia liberale non ha un fondatore unico” (p.1). Ecco che l’autore diviene creatore, tentando di modellare con l’eterogenea materia posseduta una nuova forma, che vada oltre. Iacona imposta il proprio lavoro in modo innovativo, evitando di trattare l’argomento  secondo una scansione contenutistica legata a schemi statici che possano appiattire i contenuti. La prima questione posta è, giustamente, quella della defininzione (oseremmo dire etimologica) di liberalismo. Iacona dialoga con autori classici e contemporanei, citando in ugual misura pensatori come Friedrich August von Hayek e Giuseppe Bedeschi, Norberto Bobbio e Alexis de Tocqueville. Crediamo di non sbagliare se diciamo che l’autore lascia trasparire, nelle pagine seguenti, una certa simpatia verso le prese di posizione dell’antimodernismo: Iacona si chiede infatti se il liberalismo non sia mero frutto della rottura della visione tradizionale piuttosto che una creazione ex novo. Viene citato Julius Evola, massimo vate della Tradizione, che definisce ad esempio l’individualismo come “pretesa prevaricatrice di un io che è […] quello mortale del corpo” (p.23). L’analisi di Iacona non si ferma dunque, come troppo spesso succede, all’ascolto di autori per così dire accademicamente “curricolari”, ma si avventura in quel campo spesso criticato (tanto quanto questo diviene portatore di verità inconfutabili) che è quello animato dalle voci eterodosse. Una storia del fenomeno liberale, come dicevamo nelle prime righe, è punto di partenza imprescindibile per un’analisi esauriente: Iacona non si esime da un’attenta ricerca storiografica e distingue le diverse fasi di quella che, dai primi vagiti nell’Inghilterra del XVII secolo alla diffusione nell’intera Europa nella prima metà dell’Ottocento, si delinea come un’ideologia. L’autore scruta punti di vista diversi cercando un iter comune: ricorrenti nomi illustri sono quelli di John Locke, Charles de Montesquieu, Immanuel Kant, Benjamin Constant. L’analisi procede con un’attenta presa di coscienza dei punti fondamentali dell’ideologia liberale, con ampi riferimenti alla storia recente. Particolarmente interessante il confronto/scontro tra l’istituzione democratica e la visione liberale, ma anche tra quest’ultima e l’assetto totalitario dello stato. Silenzioso filo conduttore dell’intera opera si rivela il collegamento che l’autore sapientemente tesse con le tematiche economiche, a partire dal XVII secolo sempre più fondamentali per le ideologie di stampo antitradizionale. Il liberalismo assume così l’assetto bifronte di libro ben strutturato e di interessante punto di partenza per riflessioni di più ampia portata, sempre più necessarie nel buio della contemporaneità. Marco Iacona, Il liberalismo, Presentazione di Alain De Benoist, Solfanelli, Chieti, pp.91, € 8.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]