Giovanni Allegra: profilo bio-bibliografico

Brunello Natale De Cusatis
Jorge Luis Borges – Il Bibliotecario di Babele n. 12/2017
Giovanni Allegra: profilo bio-bibliografico

Giovanni Allegra nasce a Palermo il 22 aprile 1935. Dopo aver fre­quentato nella città natale tutte le scuole, dalle elementari al liceo, s’im­matricola all’Istituto Orientale di Na­poli, prediligendo le letterature spagnola e tedesca. Si laurea con Giuseppe Carlo Rossi, celebre ispanista e lusitanista, di­scutendo una tesi su L’opera letteraria di Ramiro de Maeztu. Subito dopo, vive la sua prima esperienza di docente quale lettore d’italiano presso l’Università di Barcellona, rimanendovi cinque anni. Nel 1969 rientra in Italia per ricoprire l’incarico di professore di Lingua e Lette­ratura Spagnola presso la Facoltà di Let­tere e Filosofia dell’Università di Perugia. Nel 1986, divenuto ordinario, è chiama­to a insegnare a Macerata, mantenendo al contempo la supplenza a Perugia.

Fin da studente si situa su posizioni di “destra”. Nonostante ciò gli crei difficol­tà e inimicizie nell’ambito intellettuale e accademico italiano, anche a livello di carriera, resterà per sempre e fermamente coerente con le sue scelte ideologiche, sia nell’intimo della persona e dei rapporti umani che nei suoi interessi di studioso.

Innumerevoli sono le sue collaborazio­ni a pubblicazioni scientifiche, in Italia e all’estero («Nuova Antologia», «Gior­nale italiano di filologia», «Prospetti­ve», «Annali dell’Istituto Universita­rio Orientale», «Rassegna Iberistica», «Thesaurus», «Arbor», «Anales de Li­teratura Española», «Boletín de la Real Academia Española», «Hispanic Jour­nal», «Ínsula», etc.), senza dimentica­re l’impegno di critica militante, svolta tanto su quotidiani quanto su periodici («il Giornale», «Intervento», «Il Tem­po», «Messaggero Veneto», «Gazzetta Ticinese», «Giornale di Sicilia», «Il Borghese», «La Destra», etc.).

Figura di grande rilievo dell’ispanismo internazionale, tiene conferenze e cor­si presso varie istituzioni universitarie, soprattutto statunitensi (Purdue Uni­versity, Loyola University New Orleans, Cornell University, Yale University, Sta­te University of New York at Stony Bro­ok, College of Wooster, Hunter College, etc.). Nel 1980 è eletto socio corrispon­dente della Real Academia de Buenas Letras di Barcellona e poco più tardi, nel 1984, della Real Academia Española. Nel 1988, come riconoscimento dei suoi stu­di, gli viene assegnato dall’Ambasciata di Spagna in Italia il prestigioso premio Juan Carlos I.

È stato di certo uno dei principali spe­cialisti, a livello internazionale, del Mo­dernismo letterario spagnolo e dell’Ot­tocento ispanico – da lui posto, sotto il profilo ideologico, in forte contrasto con la cultura coeva del resto d’Europa – nonché di alcuni aspetti del Medioevo, in particolare quello mitico-favoloso, e delle tendenze esoteriche nella lettera­tura. Il tutto sotto il segno indiscusso dell’antimodernismo.

Ha al suo attivo una sterminata biblio­grafia, che abbraccia vari campi della let­teratura – non solo spagnola –, composta di saggi, articoli, traduzioni e curatele di edizioni critiche e antologie.

Tra le sue monografie sono da ricor­dare: La vigna e i solchi. Tradizione e tradizionalisti nella letteratura spagnola dell’Ottocento (Bulzoni, Roma 1975; ed. spagnola ampliata: Siviglia 1980); Il regno interiore. Premesse e sembianti del modernismo in Spagna (Jaca Book, Mila­no 1982; ed. spagnola ampliata: Madrid 1986); Spagna antimoderna e inattuale. Studi e ricerche (Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli-Perugia 1994; volume pubblicato postumo, che raccoglie vari articoli e saggi usciti in riviste e edizioni straniere di difficile reperibilità).

È autore d’importantissime traduzioni e curatele, tanto da essere ritenute alcu­ne, anche a distanza di anni, dei veri e propri “classici”, quali: De Maeztu (Vol­pe, Roma 1965); Raimondo Lullo, Libro dell’ordine della cavalleria (Edizioni Francescane, Roma 1972; II ed.: Arktos, Carmagnola 1983); Juan Donoso Cor­tés, Saggio sul cattolicesimo, il liberalismo e il socialismo (Rusconi, Milano 1972); Ernst von Salomon, Un destino tedesco (tr. di Eriberto Streicher, Edizioni del Borghese, Milano 1972); Antonio Tor­quemada, Jardin de flores curiosas (Edito­rial Castalia, Madrid 1982); Ramón del Valle-Inclán, La Lampada Meravigliosa (Esercizi spirituali) (Carabba, Lanciano 1982); Álvaro Cunqueiro, Cronache di un maestro di coro (Jaca Book, Milano 1983); Francisco Delicado, La lozana andaluza (Taurus Ediciones, Madrid 1983); Ramón del Valle-Inclán, Aro­mi di leggenda, Il passeggero. Aromas deleyenda, El pasajero (Novecento, Paler­mo 1987); Léon Daudet, Melancholia (Novecento, Palermo 1989).

A soli cinquantaquattro anni, Giovan­ni Allegra muore di un male incurabile, a Casteldaccia, in terra palermitana, il 4 agosto del 1989.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]