"I figli dell’ispettore". A Verona si indaga

Fabio Melelli
Aldo Lado n. 9/2019

Realizzato nel 1984, ma in onda solo a partire dal settembre 1985, I figli dell’ispettore è un serial composto da 12 episodi della durata di 30 minuti ciascuno. Si può parlare di serial e non di serie in quanto, pur essendo costituito da frammenti auto-conclusi, il programma sviluppa e tiene aperte alcune linee narrative orizzontali. Prodotto dalla Arti Sceniche s.r.l. per il secondo canale della Rai e realizzato in 16 mm, viene inserito nella fascia pomeridiana pre-serale, in quello che all’epoca è lo spazio destinato alla cosiddetta “tv dei ragazzi”, in coda a una popolare trasmissione come Tandem, a cartoni animati e serial stranieri. L’ispettore del titolo è Folco Magrini, un atletico Fabio Testi, mentre i “figli”, con spiccate abilità investigative, sono interpretati da Natasha Hovey, Luca Ricci e Laurent Arnal. Del cast fisso fa parte anche Julien Guiomar nei panni di Oscar, ex ladro trasformatosi in tutore dei ragazzi, che provvede al risvolto comico delle vicende. In ogni puntata ci sono poi guest star come Franca Gonella, Fabio Garriba, Barbara Magnolfi e Michela Rocco di Torrepadula, anche se la maggior parte del cast di contorno e composta da attori veronesi. Sì, perché protagonista indiscussa di I figli dell’ispettore è la città scaligera, mostrata in tutte le sue principali location, Arena e Gardaland comprese. A dare un ulteriore tocco di “veronesità” concorre la presenza, nel ruolo dell’assistente maldestro di Testi, di Roberto Puliero, storico telecronista delle partite di calcio dei gialloblù. In sostanza si tratta di un esperimento interessante, con poco seguito, atto a creare un corrispettivo nazionale delle serie poliziesche anglosassoni, realizzato con mezzi non ingenti ma con efficace resa drammatica e spettacolare. Un riuscito prodotto per ragazzi, dove l’incipiente tecnologia dei personal computer svolge un ruolo risolutivo negli intrecci.

 

CAST & CREDITS

Regia: Aldo Lado; soggetto: Piero Marcolini (racconti); sceneggiatura: Amedeo Pagani, Piero Marcolini; fotografia: Gianfranco Transunto; scenografia: Massimo Spano; costumi: Luigi Spiazzi; montaggio: Alfredo Muschietti; musiche: Franco Bignotto, Giulio Tamassia; interpreti: Fabio Testi (ispettore Folco Magrini), Barbara Magnolfi (Brigitte), Natasha Hovey (Fabi Magrini), Michela Rocco di Torrepadula (Angela), Hal Yamanouchi (Mister Chang), Luca Ricci (Ricky Grimaldi), Laurent Arnal (Davide Grimaldi), Julien Guiomar (Oscar), Franca Gonella (Clara); produzione: Arti Sceniche, RAI; origine: Italia, 1984; durata: 12 episodi da 30’; format: serie televisiva; prima messa in onda: settembre 1985, Rai2; home video: vhs inedita, dvd inedito, Blu-ray inedito; colonna sonora: inedita.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]