Editoriale

Claudio Bartolini
Aldo Lado n. 9/2019
Editoriale

Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai così vasto (27 penne) ed eterogeneo (per formazione, stile e provenienza) nella breve ma non brevissima storia di questi fascicoli monografici. Lo è poi nel numero dei saggi ospitati (ben 29), che affrontano la materia secondo le direttrici più disparate ed eccentriche, andando a comporre una ragnatela di senso/i fitta e compiuta. Lo è, infine, in funzione della materia trattata, appunto, ovvero un autore nel senso più pieno e letterale del termine: Aldo Lado, sceneggiatore, regista, produttore, editore, romanziere. Artista.

Stimolati dall’interesse del FI PI LI Horror Festival di Livorno – con cui rinnoviamo il sodalizio editoriale, dopo il felice debutto del 2018 con il numero #5 dedicato a Michele Soavi – abbiamo scelto di considerare l’attività di Lado nella sua totalità, accettando una sfida inedita e per nulla semplice. Conosciuto e apprezzato in tutto il mondo per la sua carriera cinematografica – soprattutto quella anni Settanta, che ha consegnato al culto pellicole come La corta notte delle bambole di vetro, Chi l’ha vista morire?, L’ultimo treno della notte e L’umanoide – Lado ha recentemente intrapreso un felice percorso letterario con la sua casa editrice Angera Films. La lettura dei romanzi Un pollo da spennare e Il mastino ci ha sorpresi e coinvolti, al punto da indirizzare questa pubblicazione verso una struttura il più possibile aperta. E poiché le parole di Lado sul suo cinema si sono negli anni accumulate, esaurendo o quasi l’argomento, l’intervista che apre INLAND #9 verte sulla sua neonata carriera di scrittore, risultando di fatto inedita. Segue un percorso multidisciplinare, che nella sezione Profili si affida alle penne di Riccardo Bruno (editor del Nostro) e Rocco Moccagatta per restituire l’eclettismo – da una parte letterario, dall’altra cinematografico – di un’anima creativa in continuo fermento.

La sezione Confluenze rispetta la sua vocazione centrifuga tirando fili che dal cinema conducono alla paura, all’arte di Roman Polanski, alla musica di Ennio Morricone – che per Lado ha realizzato ben nove colonne sonore – e ai progetti rimasti incompiuti e confluiti nel libro I film che non vedrete mai (e qui Donato Dallavalle chiude mirabilmente l’arco cine-letterario interno al numero). Queste Confluenze sono anche il luogo in cui INLAND si fa per la prima volta internazionale, accogliendo con gratitudine e orgoglio i contributi di firme importanti del panorama critico europeo: Gilles Esposito («Mad Movies») e Antonio José Navarro («Dirigido por») regalano gemme di saggistica breve che impreziosiscono il quaderno, mentre il giovane critico Jan Švábenický da Nový Jičín – Repubblica Ceca, luogo particolarmente caro al regista di Malastrana, la cui sensibilità mitteleuropea è cosa nota – si occupa di sviscerare la collaborazione Lado-Morricone.

Infine, il comparto Audiovisivi punta l’occhio di bue, noblesse oblige, sul Lado regista e, titolo dopo titolo, ne ripercorre la filmografia tra cinema e televisione, senza tralasciare nulla eccetto il tv movie Password. La tastiera muta, ormai irreperibile e dimenticato persino dal regista. Da La corta notte delle bambole di vetro a Il Notturno di Chopin, passando per i popolarissimi La cosa buffa e La cugina, ma anche per i misconosciuti Il prigioniero e La chance, ogni opera viene sviscerata da voci diverse, tutte capaci di cogliere le sempre differenti particolarità espressive, drammaturgiche e produttive di un cineasta in fervente e incessante mutamento. Se Marco Locatelli, Mauro Gervasini, Marcella Leonardi, Mariangela Sansone, Andrea Giorgi, Ruggero Adamovit, Mirko Guerrieri, Filippo Mazzarella e Mario Gerosa trovano intriganti (e in buona parte innovative) chiavi d’accesso alle pellicole più note grazie al loro comprovato acume analitico, Massimiliano Martiradonna, Marco Compiani, Maria Sole Colombo, Ilaria Floreano, Fabio Melelli, Fabrizio Fogliato, Manlio Gomarasca e Davide Pulici vestono i panni degli archeologi, esplorando gli anfratti più nascosti della produzione ladiana, soprattutto televisiva.

Infine, al centro del quaderno troneggiano alcuni preziosi scatti dai set dei cult del thriller ladiano, frutto di una ricerca che non è riduttivo definire archeologica: di questo ricco, prismatico, fittissimo numero siamo davvero orgogliosi.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]