Antonio Gnoli, Franco Volpi, «I filosofi e la vita»

Andrea Scarabelli
H.P. Lovecraft – Filosofia, creature, misteri e sogni del demiurgo di Providence n. 0/2011
Antonio Gnoli, Franco Volpi, «I filosofi e la vita»

Lo scorso luglio è uscito, per i tipi di Bompiani, un volumetto, firmato da Antonio Gnoli e Franco Volpi – studioso di fama internazionale tragicamente scomparso di recente la cui immagine umana e professionale è stata adeguatamente tratteggiata da Gnoli in una introduzione assai incisiva – con il titolo di I filosofi e la vita. Lo studio, oltre ad offrire un’ampia documentazione degli interessi dei due personaggi, permette di gettare uno sguardo intorno ad una sfaccettatura della Modernità ancora, almeno a parere di chi scrive, ampiamente dimenticata, soprattutto in sede accademica. Un altro Novecento emerge violentemente, nonostante decennali censure ed adombramenti. Il materiale contenutovi è di una ricchezza d’eccezione e si coagula intorno a fi gure del calibro di Carl Schmitt, Ernst Jünger e Martin Heidegger – solo per evocare i nomi la cui presenza è più insistente. Nelle pagine che qui presentiamo, i tre giganti del pensiero novecentesco sono in ottima compagnia. Intellettuali come Jaspers, Mohler, Gadamer, Bordewijk, Nolte, Hermann Heidegger, Brandt, Brague, Feinmann e Albert Hofmann – lo scienziato che sintetizzò lo LSD – vanno a comporre un mosaico ancora da esplorare adeguatamente, una mappa per chi voglia seguire le linee direttrici di un secolo assai singolare come quello appena tramontato. Chi scrive è persuaso che ciò possa essere un ottimo retaggio per chi voglia affrontare il nuovo millennio sotto costellazioni di ordine diverso rispetto alle ideologie del progressismo che infestano le categorie ideologiche del nostro tempo. Un cammino articolato in cinque tappe, in cinque figure paradigmatiche, significativamente intitolate Il ricordo di un secolo, La politica l’ideologia l’azione, Gli affetti e i dissapori, Esperienze estetiche fra droga arte e psicoanalisi e I conflitti del pensiero. Chiude l’antologia una vivace conversazione tra Gnoli e Volpi intorno al precetto biblico onora il padre e la madre.

La concentrazione ideologica dello studio raggiunge il suo momento apicale negli interventi dedicati a Heidegger, la cui esistenza si fa indice delle “complicate nozze mistiche tra la filosofi a e la politica” (p. 173). Egli fu il maggiore punto di riferimento di Volpi, il quale si dedicò alla traduzione di buona parte dei suoi scritti. In questo studio, la personalità del filosofo tedesco viene abilmente delineata, tanto nei suoi versanti filosofici, quanto ideologici e politici. Così all’ultimo sciamano è dedicata una intervista a Hermann Heidegger, un colloquio con Gadamer nonché numerosi articoli, quasi tutti apparsi su Repubblica, e svariate introduzioni a volumi dedicati al filosofo dell’Essere. Non mancano, tra i contenuti, numerosi accenni alle controversie che legarono il filosofo – “paradigma di una diffusa e problematica dissociazione di filosofia e politica, di teoresi pura e capacità di giudizio” (p. 179), diagnosi di “una nuova, profonda lacerazione fra la teoria e la prassi, tra l’intellettuale e il potere, tra l’eremitaggio del pensatore solitario e la comunità degli uomini” (Ibid.) – alle vicende politiche degli anni Venti e Trenta. Eventi analizzati criticamente e volti a ridimensionare tanto gli acritici j’accuse di certa pessima esegetica quanto la patente noncuranza di chi ignora volutamente determinate rifrazioni di determinati pensatori per condurli trionfanti ai banchetti delle democrazie. L’atteggiamento di Volpi poté dirsi d’eccezione anche per questo. È lo stesso Gnoli ad evocare, nella già citata Introduzione, similare modus operandi: “La semplice condanna indignata, liquidatoria, limitata alle dichiarazioni certamente gravi e compromissorie, Volpi l’ha sempre respinta. E non per un malinteso esercizio di reticenza o, peggio ancora, di connivenza con il crimine politico. Bensì perché ai suoi occhi la politica andava indagata come il teatro su cui il nichilismo aveva pericolosamente recitato” (p. 14). Accanto all’ultimo sciamano di Friburgo, spicca la ieratica figura di Ernst Jünger, il cui rango non ha ancora trovato una ricezione accademica adeguata; emerge, nelle commoventi righe dedicate al mondo di Wilflingen, la statura intellettuale di un uomo che fu, tra le altre cose, allo stesso tempo scrittore, filosofo, entomologo, diarista, soldato in entrambe le guerre mondiali e artista; definizioni molteplici, tuttavia incapaci di esaurire il senso profondo di una monade metafisica la cui vita ripercorse ed assunse su di sé tutti i fantasmi della Modernità. Diverse giornate di conversazioni racchiuse nel volumetto, uscito presso Adelphi, con il significativo titolo de I prossimi titani, permettono di ricostruire una vicenda spirituale che attraversò tutte le fasi e le tragedie del Novecento, facendosi di esse testimone e sismografo, come ebbe a scrivere Alain de Benoist, incarnandone di volta in volta le maschere e le figure; dell’autore, i due studiosi seguono tutte le metamorfosi: “l’antico esteta e flâneur, quell’ufficiale dell’esercito tedesco così a suo agio nella caleidoscopica mondanità parigina […] ha lasciato il posto ad un curioso patriarca che sembra osservare il mondo con lo sguardo di un ironico entomologo alle prese con una nuova specie di coleotteri” (p. 40). Vita la cui multiformità affascinò tanto Gnoli quanto Volpi: le testimonianze di questo magnetismo sono appieno riscontrabili nel volumetto in questione. Veniamo ora all’ultimo membro di quella triade le cui espressioni possono considerarsi come segnavia di un volto della Modernità ancora perlopiù celato, ossia Carl Schmitt, “una delle facce con cui questo secolo ha amato mascherarsi” (p. 47). La personalità del grandioso giurista è ricostruita e rievocata nelle testimonianze di Armin Mohler, il cui nome è legato al suo studio sulla cosiddetta rivoluzione conservatrice, nonché di Gadamer e di Ernst Nolte – la cui voce permette, peraltro, di stabilire una singolare equazione tra il pensiero di Schmitt e quello di Marx. Gli scritti in merito intendono questionare tanto la parabola ascendente del giurista, legata al nazionalsocialismo (verso il quale non mancò di avanzare numerose riserve) quanto quella discendente, allorché, “dopo la guerra, alla resa dei conti, anziché la facile strada dell’ammissione di colpa e del pentimento, preferì inerpicarsi per l’arduo sentiero della coerenza con le sue teorie e le sue scelte. Finì nell’isolamento, suscitando a volte l’insopportabile impressione di una impenitente recidività” (p. 80). Parabola che, microcosmicamente, riproduce l’interezza del XX secolo, Giano bifronte di tecnica e ideologia. Nella tensione che si sviluppò tra le figure appena citate è possibile intravedere buona parte di quell’avvicendarsi ideologico che, al contempo, glorificò e insanguinò il ventesimo secolo e la cui eredità spirituale attende tuttora un adeguato riconoscimento ed assunzione. Esperienza che si traduce in un compito per l’Europa a venire, come magistralmente enunciato nella recensione al lavoro di Rémi Brague, Il futuro dell’Occidente: “La perdita, o meglio, lo smarrimento delle nostre radici è ormai una realtà con cui occorre fare i conti. Sotto la forza unificante della moneta unica, si nasconde un’Europa dispersa, dimentica di se stessa. Incapace di affrontare le proprie tradizioni e curarle laddove sono malate. Un’Europa la cui nascente identità appare esposta alle insidie ideologiche, alle difficoltà storiche, ai pericoli politici” (p. 167). Un lascito ancora da realizzare, per il quale l’antologia di Gnoli e Volpi offre punti di riferimento ben saldi. A. Gnoli, F. Volpi, I filosofi e la vita, Bompiani, Milano, 2010, 211 pp., 10,90 euro.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]