Al cinema con Lovecraft

Gianfranco de Turris
H.P. Lovecraft #2 – L’orrore cosmico del Maestro di Providence n. 8/2014
Al cinema con Lovecraft

È possibile rendere visivamente l’orrore di Lovecraft, lui che invece prediligeva soprattutto l’allusione, più che la descrizione esplicita? Certamente i suoi “mostri” non è che non siano rappresentati, ma non è sull’aspetto esteriore che si basa la paura che incutono, bensì sulla loro totale estraneità al mondo dell’uomo, sul retaggio di un passato a noi sconosciuto, sul desiderio di riprendere possesso di una loro antica proprietà che è la Terra, sull’annullamento e sospensione delle leggi fisiche che governano il nostro mondo e ci danno sicurezza. Quindi, su un’atmosfera generale, che pervade le storie raccontate dal Maestro di Providence. È nella mancanza di scene esplicite di sangue o di episodi efferati, come nei cosiddetti film splatter, che sta la difficoltà estrema di trasporre le storie di Lovecraft sullo schermo grande e piccolo. A questa impresa improba è dedicato un ampio e dettagliato saggio di Antonio Tentori, un critico specialista di questo genere: stiamo parlando di H. P. Lovecraft e il cinema, ricco di dati e illustrazioni. Tentori, che è anche sceneggiatore di film di questo tipo per vari registi italiani, ha esaminato tutte le pellicole ufficialmente tratte dalle storie di HPL: si va dai film di esordio come La città dei mostri (1963) di Roger Corman, ispirato a Il caso di Charles Dexter Ward, e La morte dall’occhio di cristallo (1965) di Daniel Haller, tratto da Il colore venuto dallo spazio, sino all’ultimo Dagon/La mutazione del male (2001) di Stuart Gordon, ispirato, nonostante il titolo, a La maschera di Innsmouth, passando attraverso Le vergini di Dunwich (1969), Re-animator (1985 e 1991), La creatura (1988), il film a episodi Necronomicon (1993) e così via. A nostro parere, tutti più o meno un fallimento (a parte forse quello di Corman, grazie alle suggestioni del bianco e nero): nessuno dei registi si è saputo calare nell’orrore di HPL, puntando invece a quel che è l’orrore di oggi: sangue, sesso, terrore esplicito. Assai meglio, invece, i film che Tentori ha definito «ispirati alla sua opera». Qui l’autore si fa forse prendere la mano dalla sua passione e include pellicole che, per noi, non hanno quasi nulla di “lovecraftiano” se non qualche spunto, ma la cui realizzazione cade dove sono caduti già gli altri. Ad esempio, i film ormai di culto come Non aprite quella porta (1974) di Tabe Hooper o Le colline hanno gli occhi (1977) di Wes Craven di certo si ispirano alle famiglie degenerate, omicide e antropofaghe che vivono in luoghi desolati e sperduti dell’America o dell’Inghilterra descritte da Lovecraft, ma tutto finisce lì, perché HPL non è mai sceso ai livelli splatter, alle orge di sangue e di sadismo efferato dei due famosi registi. I tre assoluti capolavori della cinematografia indirettamente ispirati all’universo lovecraftiano sono, su piani diversi, Alien (1979) di Ridley Scott, Il Signore del Male (1987) e Il seme della follia (1994) di John Carpenter. Il primo perché materializza un puro orrore cosmico, totalmente estraneo (alieno, appunto) all’umanità, una materia caotica in forma umanoide, tra l’insetto e il mostro preistorico insieme. Gli altri due, invece, sono opera di un regista visionario come pochi, che ha ben capito il messaggio dello scrittore di Providence: il mescolarsi di sogno e realtà, incubo e veglia, aspettativa e profezia, il risvegliarsi e l’infiltrarsi del Male e dell’Altrove nella vita quotidiana attraverso una setta e un libro (che non è il solito Necronomicon), che aprono porte su altre dimensioni inumane, trascinandovi l’inerme spettatore. Antonio Tentori, H. P. Lovecraft e il cinema, Edizioni Profondo Rosso, Roma 2014, pp. 240, € 24,90.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]