Sangue e Spirito: la lezione di Gustav Meyrink

Luca Siniscalco
Gli ultimi Samurai – Anime e manga, fiabe dall’era atomica n. 17/2021
Sangue e Spirito: la lezione di Gustav Meyrink

«Sangue in formazione d’iperbole». Con questa espressione un giovane dadaista italiano, Julius Evola, invoca nel 1920 l’indirizzo della volontà verso il dominio dell’astrazione, versante artistico della Via dell’assoluta autonomia e consistenza spirituale. Attorno alla fine di questi stessi anni Venti lo scrittore ed esoterista austriaco Gustav Meyrink celebra la «metamorfosi del sangue», come il passaggio esistenziale che lo trasmuta in scrittore – esito personale del «tentativo di trasformare se stessi per divenire signori del caso e della fortuna». Assonanze per nulla casuali, se si considera la rilevante influenza meyrinkiana sulla visione del mondo di Evola, che dell’autore del Golem fu imprescindibile traduttore e divulgatore in Italia. La componente occulta e iniziatica dell’opera del Demiurgo del Fantastico emerge con chiarezza, al di fuori di qualsivoglia superfetazione letteraria, ne La metamorfosi del sangue, una vera e propria autobiografia spirituale del Nostro, recentemente pubblicata da Bietti, che va idealmente ad affiancare il saggio Alle frontiere dell’occulto. Scritti esoterici (a cura di Gianfranco de Turris e Andrea Scarabelli, Arktos, Carmagnola 2018).

Entrambe le opere suggeriscono che gli interessi esoterici di Meyrink non furono limitati alla sfera simbolico-letteraria, costituendo piuttosto il nucleo vivente della ricerca esistenziale dello scrittore. L’interpretazione di Meyrink quale ingenuo narratore affascinato dagli aspetti esteriori dell’occultismo, o come ironico e scanzonato autore favolistico e disimpegnato, sbiadisce di fronte alle asserzioni metafisiche, fulminee e lapidarie, che s’irradiano da Die Verwandlung des Blutes: «Presto mi fu chiaro che non le teorie filosofiche di pensatori e studiosi, ma soltanto lo Yoga, profonda e singolare scuola asiatica, costituiva la via verso il superuomo»; «tutto ciò che sulla terra e nel cosmo pensiamo di percepire come esistente oggettivamente al di fuori da noi non è materia, ma uno stato di noi stessi»; «la facoltà della visione interiore che conseguii […] quella notte d’inverno fu la prima svolta del mio destino […]: la mia fantasia divenne concreta». L’immaginazione creatrice, insomma, come facoltà metafisica, percezione simbolica e sguardo rinnovato sulla realtà. Ecco la connessione fra la sfera artistica e quella esoterica: entrambe si alimentano d’invisibile, donando forma all’esperienza estrema del mistero tremendo e ineffabile. Questo si rivela, tuttavia, proprio grazie al radicamento nel corpo e nella carne, alla capacità di condizionare e trasmutare – quasi alchemicamente – il sangue pulsante.

Oltre il tipo umano sentimentale e quello razionalista – due facce dello stesso riduzionismo antropologico a più riprese dileggiato da Meyrink – può ergersi un homo integralis, austero e tragico connubio di materia e spirito, tensione e realizzazione, dall’occhio interiore vigile, capace di cogliere la tessitura sottile dell’Unus Mundus. Una figura dell’avvenire che le brecce aperte dalla contraddittoria civiltà postmoderna nell’ormai impotente cittadella della modernità rendono, seppure ancora lontana, a tratti manifesta.

A chiarire, con rigore storico e filologico, il rapporto di Meyrink con il milieu esoterista della sua epoca sono gli apparati peritestuali dell’edizione Bietti: l’introduzione di Sebastiano Fusco, che tematizza la «ricerca della trascendenza in Meyrink» al crocevia fra le esperienze iniziatiche e il simbolismo della sua narrativa; la rara introduzione di Enrico Rocca alla prima edizione italiana de Il Golem (1926), fondamentale nella ricezione dell’autore in Italia; il saggio Magiche metamorfosi del curatore, Andrea Scarabelli, che dettaglia gli snodi biografici dell’esperienza esoterica del nostro e ne delinea la filo-sofia di fondo: un prospettivismo integrale entro cui «il piano del reale è la proiezione di un certo sguardo dell’Io», che richiede pertanto addestramento, perfezionamento ed espansione ai fini di una riunificazione del cosmo lacerato. Un insegnamento eminentemente magico, quello di Meyrink, che si avvale della potenza della Parola (la dea indiana Vāc). Ad abitarla è il Dio nascosto, che frequenta il verbo interiore e spesso non disdegna di manifestarsi nella narrativa fantastica.

Gustav Meyrink, La metamorfosi del sangue, a cura di Andrea Scarabelli, introduzione di Sebastiano Fusco, tr. di Camilla Sampietro, Edizioni Bietti, Milano 2020, pp. 160, € 17,00.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

È, senza rimpianti, “un cervello in fuga”. Valerio Bonelli, napoletano, 45 anni, ha lasciato l’Italia per Londra per studiare cinema, e a ventuno si è ritrovato nella sala di montaggio del Gladiatore di Ridley Scott, assistente del due volte premio Oscar Pietro Scalia. Un’esperienza volano per una carriera folgorante da montatore dei film di Stephen Frears e Joe Wright (sta lavorando al suo Cyrano). Ma a far parlare, di recente, è un documentario: SanPa, la serie Netflix su San Patrignano diretta da sua moglie Cosima Spender. Ne discuterà stasera alle 19 in diretta web sulla pagina Facebook di Bietti, la casa editrice [...]
Anni Novanta. Esterno giorno. La macchina da presa, a mezza figura, inquadra cinque corpi. Cinque uomini sono radunati sul balconcino. Sembrano allegri, coscienti non del tutto. Nel mucchio, c'è Popi così come gli amici chiamano Paolo Sorrentino. Il cineasta, lo sceneggiatore, lo scrittore, il regista premio Oscar 2014 per il lungometrggio La grande bellezza. Indossa una t-shirt e ancora non sa nulla del suo destino di passerelle, riconoscimenti, spot pubblicitari, serie tv, copioni, festival internazionali, galà. Eppure lo sogna e lo desidera. E tenta, con la complicità di amici fidati - il primo esperimento nel 1994. Una commedia surreal-gastronomica intitolata Dragoncelli di [...]